Industria e Finanza

Germania
Incentivi per l'auto, il governo lavora a un piano da 5 miliardi di euro

Germania
Incentivi per l'auto, il governo lavora a un piano da 5 miliardi di euro
Chiudi

La Germania sarebbe pronta a varare un piano di incentivi per il rilancio del settore auto del valore di 5 miliardi. Secondo la Reuters, tale misura potrebbe essere annunciata ufficialmente dal governo già domani, nell'ambito di un piano di sostegno all'economia di più ampio respiro del valore complessivo di 80 miliardi.

Validi per il 2020. In base alle indiscrezioni, il bonus erogato per acquistare l'automobile sarebbe trasversale alla tipologia di alimentazione (dunque valido sia per le elettriche sia per le vetture tradizionali), disponibile fino alla fine dell'anno e concesso fino a un tetto massimo di spesa appena sopra i 77.000 euro, una cifra che andrebbe a comprendere la maggior parte dei modelli e dei costruttori presenti sul mercato.

Come vengono distribuiti i sussidi. Il ministero dell'Economia tedesco avrebbe disegnato uno schema che garantirebbe almeno 2.500 euro di contributi per ogni singola auto, incrementati di ulteriori 500 euro per i modelli particolarmente efficienti (al momento la discriminante specifica non è chiara), di 750 euro per le ibride e di 1.500 euro per le elettriche. La proposta, tuttavia, potrebbe essere ostacolata o rivista in Parlamento: Norbert Walter Borjans, capo politico dell'Spd, il partito al governo con la Cdu della Merkel all'interno della cosiddetta "grande coalizione" tedesca, si è infatti detto favorevole a un piano di aiuti per un settore automobilistico, ma con sussidi destinati solo alle auto elettriche.

Si torna indietro di quasi 20 anni. Di sicuro, il comparto ha bisogno di stimoli, anche se il mercato tedesco, il più grande a livello continentale, ha sofferto di meno la pandemia di coronavirus rispetto alle altre grandi piazze europee. In aprile, le vendite tedesche hanno subito perdite del 61,1%, mentre sull'arco dell'intero primo quadrimestre la contrazione è stata pari al 31% (rispetto all'oltre 50% dell'Italia, il 49% della Spagna e il 48% della Francia). Tuttavia, per la "locomotiva d'Europa", gli analisti dell'istituto Ifo registrano una situazione ai minimi storici dal 1991.  

COMMENTI

  • mica come in italia dove abbiamo dei talebani-ambientalisti al governo che costringono a comprare solo auto elettriche...