Industria e Finanza

Gruppo Volkswagen
Trimestrale di nuovo in utile grazie alla Cina

Gruppo Volkswagen
Trimestrale di nuovo in utile grazie alla Cina
Chiudi

Il gruppo Volkswagen torna a chiudere in utile i conti trimestrali grazie alla ripresa della domanda tra luglio e settembre, in particolare sul mercato cinese. Nello specifico, il costruttore tedesco ha registrato nel trimestre profitti per 2,75 miliardi di euro, in calo rispetto ai 3,98 miliardi del pari periodo dell'anno scorso, ma in deciso miglioramento se confrontati con la perdita di 1,54 miliardi subita tra aprile e giugno.

I numeri. Il conto economico trimestrale mostra anche un calo delle consegne dell'1,1% a 2,61 milioni di unità e dei ricavi del 3,4% a 59,35 miliardi nonché un un utile operativo, depurato dalle voci straordinarie, in contrazione del 29,9% a 3,18 miliardi, per un margine sceso dal 7,4% al 5,4%. Tali dati confermano quanto affermato dai vertici aziendali su un impatto della pandemia del coronavirus decisamente più "moderato" rispetto alla prima parte dell'anno. Basta guardare i primi nove mesi: consegne in calo del 18,7%, ricavi in riduzione del 16,7% a 155,5 miliardi, utile operativo in diminuzione dell'83,9% a 2,4 miliardi e utile netto in contrazione dell'84,5% a 1,7 miliardi.

Le spiegazioni. "L'attività del gruppo Volkswagen è stata pesantemente influenzata dalla pandemia del Covid-19 nei primi nove mesi del 2020, ma si è ripresa notevolmente nel terzo trimestre. Ciò significa che il calo delle consegne, dei ricavi, delle vendite e dell'utile alla fine di settembre è stato notevolmente più moderato rispetto al semestre", hanno spiegato da Wolfsburg sottolineando che le "contromisure avviate a livello mondiale per tagliare i costi, garantire la liquidità e diminuire i fondi vincolati al capitale circolante hanno avuto un impatto tanto quanto i continui miglioramenti della situazione nei principali mercati di vendita". A partire dalla Cina, dove le vendite sono migliorate del 3%.  

La liquidità. Come altre Case, anche la Volkswagen ha sfruttato le condizioni favorevoli dei mercati obbligazionari o del credito bancario per aumentare notevolmente le risorse in cassa: la liquidità è salita nel giro di tre mesi da 18,7 miliardi a 24,8 miliardi di euro. Un contributo è arrivato anche dai flussi di cassa delle attività automobilistiche, risultati alla fine dei nove mesi positivi per 1,4 miliardi (8,6 miliardi un anno fa), a fronte dei deflussi per 4,8 miliardi al termine del primo semestre. 

I target. Indicazioni positive sono state fornite anche per i prossimi mesi per quanto molto dipenda dall'evoluzione dell'emergenza sanitaria. "A seconda dell'andamento futuro della pandemia, siamo cautamente ottimisti sul fatto che saremo in grado di continuare a stabilizzare la nostra attività nei restanti mesi dell'anno e di mettere il gruppo Volkswagen su una base solida e sostenibile per il futuro", ha spiegato il direttore finanziario Frank Witter. Nello specifico, il gruppo prevede per l'intero 2020 consegne e ricavi "significativamente" inferiori al 2019 e un utile operativo "notevolmente" al di sotto dell'anno scorso ma comunque in "territorio positivo".

COMMENTI