Industria e Finanza

Pony.ai
Raccolti altri 267 milioni di dollari per i programmi di sviluppo

Pony.ai
Raccolti altri 267 milioni di dollari per i programmi di sviluppo
Chiudi

La Pony.ai ha raccolto 267 milioni di dollari (225,6 milioni di euro) nella fase iniziale del suo ultimo round di finanziamenti e ha raggiunto una valutazione di 5,3 miliardi di dollari (4,48 miliardi di euro). Le nuove risorse saranno destinate a sostenere un ambizioso programma di sviluppo di tecnologie per la guida autonoma tra gli Stati Uniti e la Cina, patria dei suoi fondatori, James Peng e Lou Tiancheng, che sono ex dipendenti della Baidu nella Silicon Valley. 

Gli investitori. L'operazione di finanziamento, chiusa a solo otto mesi da un'analoga raccolta da 462 milioni, di cui 400 versati dalla Toyota, ha visto quale maggior investitore un veicolo di investimenti nel campo dell'innovazione promosso da uno dei maggiori fondi pensionistici al mondo, l'Ontario Teachers’ Pension Plan Board. La Pony.ai, che tra i propri azionisti può contare anche su Sequoia Capital China, Beijing Kunlun Tech e il costruttore cinese Faw, è ora tra le startup per la guida autonoma indipendenti di maggior valore al mondo, avendo superato le rivali Aurora e Nuro. Del resto, gli investimenti nel campo delle tecnologie per i veicoli senza conducente sono in costante crescita grazie ai programmi di sviluppo di operatori tecnologici come Uber e Waymo, nonché di case automobilistiche come la General Motors, con la controllata Cruise, la Ford e la Volkswagen, azioniste della Argo. Un ulteriore contributo è dato poi dal sempre maggiore interesse in questo campo di grandi investitori finanziari, attratti dalle opportunità di un un mercato ancora in fase iniziale ma dalle grandi potenzialità future. 

Le iniziative. Con le nuove risorse, la startup punta a rafforzare le attività di ricerca e sviluppo e a valutare l'avvio di servizi di mobilità con la Toyota. La Pony.ai ha già iniziato l'anno scorso a testare tecnologie per la guida autonoma nei veicoli commerciali avviando attività di sperimentazione tra Fremont, in California, e le città cinesi di Guangzhou e Pechino. Inoltre, è stato inaugurato un polo operativo a Shanghai e al China International Import Expo, una fiera iniziata mercoledì scorso, ha presentato una Suv della Lexus e un camion della Faw dotati di tecnologie per la guida autonoma.  

COMMENTI