Nissan: i risultati dell'ultima trimestrale - Quattroruote.it
Industria e Finanza

Nissan
Trimestrale in forte perdita, ma migliorano le prospettive annuali

Nissan
Trimestrale in forte perdita, ma migliorano le prospettive annuali
Chiudi

Trimestrale in rosso per la Nissan: la Casa di Yokohama ha chiuso la seconda tranche dell'esercizio fiscale al 31 marzo 2021 con una perdita netta di 44,4 miliardi di yen (360 milioni di euro circa), a fronte dell'utile di 59 miliardi (475 milioni di euro circa) del corrispondente periodo dell'anno scorso. Il peggioramento produrrà, tra l'altro, conseguenze anche sulla Renault, che della Nissan detiene il 43,4% del capitale: la perdita dei giapponesi si tradurrà in un impatto negativo per 30 milioni di euro sul risultato netto della Casa della Losanga.

Crollano i ricavi. Per la Casa di Yokohama altri indicatori sono peggiorati: i ricavi sono scesi da 2.631 miliardi a 1.918 miliardi, mentre il risultato operativo è passato da un utile di 30 miliardi a una perdita di 4,8 miliardi. A penalizzare le performance finanziarie è stato soprattutto il calo delle vendite per effetto delle conseguenze della pandemia del coronavirus. Non mancano però dei segnali di miglioramento: il rosso operativo del secondo trimestre è decisamente migliore della perdita di 153,9 miliardi subita nei tre mesi precedenti, grazie anche al programma di efficientemento varato per risolvere una situazione ormai deficitaria e aumentare la redditività. In particolare, è stata avviata un ristrutturazione incentrata su tre direttrici: il miglioramento della qualità delle vendite tramite una riduzione delle promozioni e dell'esposizione al canale del noleggio, un taglio dei livelli di inventario e una ottimizzazione dei costi fissi in tutte le aree operative. 

I target. I primi frutti della ristrutturazione, uniti al miglioramento delle vendite, in particolare in Cina e negli Stati Uniti, hanno spinto i vertici aziendali a rivedere al rialzo le prospettive finanziarie per l'intero esercizio. Le consegne, per esempio, sono attese a 4,165 milioni di unità, l'1% in più rispetto alle precedenti stime. I ricavi sono attesi a 7.940 miliardi di yen e non più a 7.800 miliardi, mentre le previsioni sulla perdita operativa e su quella netta sono state alzate, rispettivamente, da 470 a 340 miliardi e da 670 a 615 miliardi. 

COMMENTI