Industria e Finanza

Jeep vs Mahindra
La Casa indiana potrà vendere la nuova Roxor negli Usa

Jeep vs Mahindra
La Casa indiana potrà vendere la nuova Roxor negli Usa
Chiudi

Nuovi sviluppi nella contesa tra la Mahindra e la Jeep sulla vendita della Roxor negli Stati Uniti. La piccola fuoristrada indiana, a sei mesi dal divieto imposto alla sua commercializzazione, potrà infatti essere commercializzata sul mercato nordamericano. A stabilirlo è stata l'International Trade Commission, secondo la quale le modifiche apportate al design con il modello aggiornato consentono al gruppo indiano di non violare i diritti di proprietà intellettuale della Jeep. 

La vicenda. La contesa vede contrapposti i due marchi automobilistici da circa due anni, con il brand americano del gruppo Fiat Chrysler ad accusare gli indiani di aver sviluppato un veicolo fuoristrada troppo simile nell’aspetto alla leggendaria Willys della seconda guerra mondiale e, quindi, all'attuale Wrangler. Lo scorso giugno l’intera vicenda sembrava arrivata alla conclusione. La stessa International Trade Commission aveva bloccato le vendite della Roxor accogliendo il parere espresso dal  giudice Cameron Elliot sette mesi prima. Eliott aveva raccomandato un bando sostenendo che il veicolo della Mahindra, per quanto non avesse infanto alcun brevetto o proprietà intellettuale, aveva un design troppo evocativo della Willys, e quindi violava l’aspetto distintivo delle Jeep, determinando così una serie di ricadute sul valore commerciale del modello indiano. 

Le modifiche. La Mahindra, che produce le componenti della Roxor in India per poi assemblarle in uno stabilimento ad Auburn Hills (Michigan), ha quindi accettato il divieto nella convinzione di poterlo superare, apportando una serie di modifiche significative al design della Roxor. La riprogettazione ha riguardato in particolare la griglia frontale, con la scelta di una trama non più ad aperture verticali e quindi non evocativa di uno degli stilemi distintivi del marchio Jeep. Ora, la nuova versione non viola “il trade dress" (il look distintivo in ambito commerciale, ossia l’insieme di caratteristiche uniche che distinguono e identificano i prodotti di un dato marchio sul mercato) della Wrangler, ha sostenuto la commissione, accettando un parere espresso di recente dallo stesso Elliot: il bando alla commercializzazione, in virtù delle modifiche apportate al design, non dovrebbe essere applicato all’ultimo modello della Roxor. 

Le reazioni. Ovviamente, la sentenza della International Trade Commission è stata accolta in maniera del tutto differente dalle due aziende. La Mahindra ha sottolineando come il parere "convalidi la riprogettazione del popolare fuoristrada Roxor” e autorizzi la società stessa "a produrre e distribuire il Roxor 2021 ridisegnato”. Dal canto suo, la Fiat Chrysler è pronta a proseguire la sua battaglia legale: "Sebbene FCA sia delusa dalla decisione della Commissione, riteniamo di poter fare appello contro questa sentenza”.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Jeep vs Mahindra - La Casa indiana potrà vendere la nuova Roxor negli Usa

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it