Industria e Finanza

Honda
Toshihiro Mibe sarà il nuovo amministratore delegato

Honda
Toshihiro Mibe sarà il nuovo amministratore delegato
Chiudi

Cambio in vista ai vertici della Honda. Dal 1° aprile, Toshihiro Mibe, attuale numero uno della divisione di Ricerca e Sviluppo, diventerà il nuovo presidente e amministratore delegato: prenderà il posto di Takahiro Hachigo, dimissionario, che rimarrà nel consiglio di amministrazione come direttore.

Una grande esperienza nei motori. Mibe ha iniziato la sua carriera alla Honda nel 1987 occupandosi di ricerca e sviluppo, e in particolare dei powertrain. Nel 2019 ha preso le redini del reparto R&D e assunto la carica di Senior Managing Director. Ora dovrà guidare il costruttore giapponese nelle nuove sfide che lo attendono, a partire dallo sviluppo di una gamma elettrica dopo il lancio della Honda e. Il futuro dell'automotive potrebbe anche porre la Honda di fronte a scelte in discontinuità con il passato: ovvero, non cercare di sviluppare tutto internamente ma aprirsi ad alleanze con altri costruttori per favorire le economie di scala. In questo senso, il nuovo ad ha aperto alla prospettiva di allearsi con altri costruttori, soprattutto vista la necessità di avviare cambiamenti rapidi nelle attività dell'azienda: "Il tempo è essenziale - ha detto Mibe - e opterei per sfruttare alleanze e collaborazioni esterne al fine di accelerare il nostro cambiamento".  

L'ad uscente. Aperture esterne si erano già verificate con, Hachigo è stato ceo della Honda per sei anni, dal 2015 a oggi. Durante questo periodo il manager nipponico ha dettato le linee guida per la strategia della Casa fino al 2030, indirizzandola in un percorso che le permetta – scrive la Honda in una nota ufficiale – di “consolidare le attività esistenti” e di “prepararsi alla futura crescita”. Negli anni al timone della Casa, l'ad uscente ha dovuto implementare processi di razionalizzazione dei costi e di semplificazione della gamma di veicoli, ma soprattutto ha ampliato le partnership con altri costruttori, a partire da quella con la General Motors sull'elettrico e sulla guida autonoma.

COMMENTI