Industria e Finanza

Mitsubishi
Il marchio potrebbe tornare in Europa

Mitsubishi
Il marchio potrebbe tornare in Europa
Chiudi

La Mitsubishi sarebbe pronta a tornare sui propri passi in merito al ritiro dal mercato europeo annunciato lo scorso luglio. Secondo alcune indiscrezioni riportate dal Financial Times, dopo mesi di pressioni da parte delle alleate Renault e Nissan, il consiglio d'amministrazione della Casa giapponese avrebbe fissato per i prossimi giorni una riunione nella quale sarà valutato il ritorno nel Vecchio Continente.

Decisione finale il 25 febbraio. I tre costruttori avrebbero già raggiunto un accordo preliminare nella giornata di ieri, ma la decisione finale sarà presa dai vertici della Mitsubishi, che si riuniranno il 25 febbraio. Secondo la testata britannica, però, l'accordo potrebbe ancora saltare a causa di tensioni interne. La produzione dei nuovi modelli della Casa dei Tre diamanti potrebbe infatti essere affidata alle fabbriche francesi della Renault, ma i manager giapponesi vorrebbero evitare che le strategie dell'Alleanza fossero influenzate dal governo d'Oltralpe.  

L’intromissione della Francia. La Mitsubishi è posseduta al 34% dalla Nissan, che a sua volta è per il 43% della Renault. Il governo transalpino, inoltre, detiene il 15% delle azioni della Régie e, forte di questo ruolo, preme affinché i posti di lavoro francesi vengano preservati. Il piano industriale Renaulution, però, prevede un risparmio di 3 miliardi di euro di costi fissi entro il 2025 e ciò potrebbe tradursi in un importante taglio del personale. I dirigenti dei due costruttori del Sol Levante sarebbero dunque particolarmente preoccupati perché potrebbe ripetersi quanto già successo nel 2001, quando la Renault decise di spostare l’assemblaggio della Nissan Micra dallo stabilimento inglese di Sunderland, di proprietà della Casa giapponese, alla sua fabbrica di Flins, fuori Parigi.

Le parole di De Meo. In una recente intervista rilasciata al Financial Times, Luca De Meo, amministratore delegato del gruppo d'Oltralpe, ha suggerito che la Renault potrebbe costruire diversi modelli della Nissan nei suoi impianti francesi: "Nei nostri stabilimenti abbiamo lo spazio e abbiamo le piattaforme", ha dichiarato il manager. Secondo alcune voci, la Casa di Yokohama avrebbe scartato categoricamente questa possibilità e ciò avrebbe portato alle pressioni esercitate sulla Mitsubishi. Per il momento, nessuna delle parti coinvolte ha commentato le indiscrezioni, a eccezione dei francesi, i quali si sono limitati a sottolineare che l'Alleanza "mira sempre a migliorare la competitività e a consentire una più efficace condivisione delle risorse a vantaggio di tutte e tre le società".

COMMENTI

  • Epperfortuna aggiungerei io: sarebbe stato un peccato perdersi la graziosa e variegata gamma proposta dal costruttore giapponese, caratterizzata dalle linee aggrazziate e filanti.