Industria e Finanza

Seat
Martorell produrrà una piccola elettrica per tutto il gruppo Volkswagen

Seat
Martorell produrrà una piccola elettrica per tutto il gruppo Volkswagen
Chiudi

La Volkswagen ha assegnato allo stabilimento Seat di Martorell, vicino a Barcellona, la produzione di una piccola auto elettrica per tutto il gruppo tedesco. Ad annunciarlo è stato il re spagnolo, Felipe VI, nel corso di un evento per i 70 anni della Casa catalana che ha visto la partecipazione, tra gli altri, del premier Pedro Sánchez e dell’amministratore delegato del costruttore di Wolfsburg, Herbert Diess.

L’impegno spagnolo. La visita del monarca a Martorell segue un ulteriore annuncio su un’importante iniziativa nel campo dell’elettrificazione: la costruzione di una fabbrica di batterie, nelle vicinanze dell’impianto catalano, per opera di un consorzio pubblico-privato composto dalla Seat, dal governo madrileno e dalla società energetica Iberdrola. "Il progetto per localizzare la produzione di un piccolo veicolo elettrico per l'intero gruppo Volkswagen in Spagna è, senza dubbio, una magnifica notizia", ha sottolineato il monarca, aggiungendo che il futuro impianto per la produzione di accumulatori rappresenta un chiaro segno di impegno nei confronti della filiera automobilistica, delle attività innovative e della coesione territoriale. Felipe VI, però, ha evidenziato la necessità che l'assemblaggio dei veicoli elettrici sia accompagnato dalla realizzazione di un’ampia infrastruttura per la ricarica e da "un'adeguata tassazione ambientale", in modo da affrontare la transizione energetica e abbandonare i motori a combustione.

Le ipotesi. Diess e il presidente della Seat, Wayne Griffiths, si sono limitati a sottolineare l'impegno di Wolfsburg per la mobilità alla spina nel Paese. "La Spagna ha un enorme potenziale per diventare un hub per l'elettromobilità in Europa", ha affermato il manager tedesco, mentre Griffiths ha ribadito l’invito alle autorità locali di promuovere la creazione di un "ecosistema per i veicoli elettrici", che incoraggi la domanda e agevoli la realizzazione della relativa rete di ricarica. Nulla è stato detto sulla tipologia del piccolo modello a batteria destinato a essere prodotto a Martorell. Alcune indicazioni, però, le ha fornite lo stesso Griffiths pochi giorni fa, in alcune interviste a testate specializzate spagnole ed estere: la nuova vettura dovrebbe posizionarsi al di sotto della Born, la prima elettrica del marchio Cupra, che sarà però assemblata nell’impianto tedesco di Zwickau, e avrà dimensioni simili alla Seat Ibiza e alla Volkswagen Polo. Basata sulla piattaforma elettrica Meb-A0, avrà molto in comune con la futura Volkswagen ID.1 e l’erede a batteria della Skoda Fabia, a partire, probabilmente, dalla stessa linea di assemblaggio dello stabilimento di Martorell. Per quanto riguarda le altre specifiche, si parla di accumulatori da 45 kWh che dovrebbero garantire un’autonomia tra i 200 e i 250 chilometri, sufficiente per un utilizzo in ambienti urbani, e di un prezzo base compreso tra 20 e 22 mila euro.

COMMENTI