Industria e Finanza

Stellantis
Elkann: "Per Alfa e Lancia più opportunità e investimenti"

Stellantis
Elkann: "Per Alfa e Lancia più opportunità e investimenti"
Chiudi

Il gruppo Stellantis garantisce maggiori opportunità rispetto al passato per i marchi automobilistici italiani, a partire dall'Alfa Romeo e dalla Lancia. Ne è convinto il presidente John Elkann, intervistato da Bruno Vespa durante una puntata del programma "Porta a Porta" dedicata alla figura dell'Avvocato Gianni Agnelli, di cui oggi ricorre il centenario della nascita.

Torino è centrale. "Torino -  ha spiegato Elkann - è  una parte molto importante del gruppo. Torino come componente di un gruppo più grande ha maggiori possibilità. Lo si è visto in modo palpabile con alcuni marchi come Alfa Romeo e Lancia, su cui non abbiamo potuto investire come avremmo voluto negli ultimi anni. In questo nuovo gruppo ci sono opportunità per questi marchi più importanti rispetto al passato". "Per i marchi italiani c'è un futuro più forte all'interno di Stellantis. Nel gruppo ci sono più risorse economiche e di talenti, quindi possibilità maggiori. Stellantis rende la Fiat Chrysler molto più forte. Oggi siamo un gruppo tra i più importanti al mondo. Siamo passati dalla zona sopravvivenza a metà classifica con FCA e ora ci giochiamo la testa del campionato", ha rimarcato. 

Grandi cambiamenti in vista. Elkann ha quindi ricordato la sua visione sul settore automobilistico: "L'industria dell'automobile ha più di 100 anni e i prossimi 10-20 anni porteranno cambiamenti simili a quelli dei primi anni dell'industria. Questo ovviamente spaventa, ma noi riteniamo che questa sia una grande opportunità per tutti in Stellantis, e ovviamente per Fiat e gli altri nostri marchi italiani e la nostra attività in Italia". "Personalmente - ha aggiunto - sono molto ottimista per quello che possiamo fare adesso che siamo una società più grande, presente in più posti del mondo, che ha così tante diverse identità che rendono la nostra identità più forte".

Il ruolo dell'Italia. La diversità è anche di natura geografica ma questo non ridimensiona il ruolo dell'Italia. "La forza di Stellantis è quella di essere una società composta da tante realtà diverse, ognuna radicata nel Paese in cui opera. Ci sono opportunità straordinarie per tutti i Paesi nei quali Stellantis è presente e fra questi c'è sicuramente l'Italia. Siamo orgogliosi delle nostre radici", ha affermato il presidente, ricordando come la  "prima visita che abbiamo fatto" con l'ad Carlos Tavares sia stata "proprio a Torino dove siamo andati a visitare una parte dei nostri stabilimenti in Italia". Il ruolo dell'Italia non sarà limitato neanche dalla presenza dello Stato francese nell'azionariato di Stellantis: "È una società composta da tantissime realtà diverse. Trovo che sia limitante definirla con la partecipazione storica che lo Stato francese ha perché è venuto in soccorso della Peugeot in un momento di difficoltà. Noi ci riteniamo una società presente nei Paesi dove opera e molto orgogliosa delle sue radici e dei suoi marchi". Elkann ha quindi sottolineato la continua centralità dell'auto all'interno della galassia Agnelli ("Rimane molto importante, in questo momento storico siamo ancora più coinvolti in prima persona e abbiamo risorse finanziarie rilevanti da potere investire nel nostro futuro") e non ha mancato di parlare della figura dell’Avvocato con aneddoti e ricordi.

COMMENTI

  • Forse Alfa Romeo e Lancia avranno più possibilità perché le guideranno altri. Levatevi di torno voi, inutili incapaci. Capirete di finanza ma di auto...
  • Adesso sono nella m... sono finiti e noi godiamo della nostra vendetta ahahah bacioni da Arese
  • A Torino hanno sempre avuto un fiuto particolare per i talenti. Potrei citare Vittorio Ghidella, Walter De Silva, Luca De Meo, Chris Bangle e tanti altri. D'altronde se ti fai intervistare da Bruno Vespa.....
     Leggi le risposte
  • Anni di studio (i miei) inutili quando ascolto o leggo le dichiarazioni di Elkann e così mi incupisco. Poi mi passa.
  • Certo che Alfa e Lancia è praticamente impossibile che abbiano meno opportunità di quelle che hanno avuto fino ad ora. Intervista sul nulla farcito di niente
  • Conoscendo gli antefatti, la frase più ovvia che viene da scrivere è: "oggi le comiche". Però vista la situazione, siamo obbligati ad aggrapparci alla speranza che di tutti questi annunci qualcosa si realizzi davvero.....
  • l'uomo forte di Stellantis e' lui, numeri alla mano. il resto sono chiacchiere che ignorano come funzionano le societa' per azioni. ha la maggioranza relativa piu alta, e' sempre lui che appare anche sulla stampa internazionale (insieme a Tavares che e' un dipendente). i Peugeot mai visti ... sara' un caso? direi di no
     Leggi le risposte
  • Fabbrica Stellantis. Vadiam chi saranno le stelle cadenti.
     Leggi le risposte
  • Non sa nemmeno cosa sta dicendo. Lapo avrebbe fatto meglio, ed è tutto un dire. "Abbiamo più talenti ora". Se fossero serviti più talenti, caro il mio presidente Elkann, li avresti trovati anche in Italia in cassa integrazione nei tuoi centri sviluppo che a tuo dire sono l'eccellenza mondiale e l'orgoglio italiano. Solita fuffa. Sto a quanto dice il sig. Bernieri. Ne riparliamo tra 5 anni. Saluti.
     Leggi le risposte
  • Ne riparleremo tra 5 anni .
     Leggi le risposte