Industria e Finanza

Usa
Dodici Stati chiedono di bloccare la vendita di auto endotermiche entro il 2035

Usa
Dodici Stati chiedono di bloccare la vendita di auto endotermiche entro il 2035
Chiudi

Dodici governatori statunitensi hanno inviato una lettera ufficiale al presidente Joe Biden chiedendogli di sostenere politiche volte a interrompere la vendita di veicoli nuovi a benzina e diesel entro il 2035. La missiva, visionata dalla Reuters, è firmata dai vertici di importanti Stati come California, New York, Massachusetts e Carolina del Nord, ai quali si sono affiancati il Connecticut, le Hawaii, il Maine, il New Jersey, il Nuovo Messico, l'Oregon, lo Stato di Washington e il Rhode Island. 

Il contesto. Tra questi, solo California ha già annunciato l’intenzione di mettere al bando le endotermiche entro il 2035: per il momento nessun altro Stato ne ha seguito l’esempio, per quanto il Golden State, anche per via delle sue prerogative legislative, rappresenti da decenni un punto di riferimento su temi come l’ambiente e l'inquinamento. Diversi politici americani hanno esortato Biden a varare analoghe politiche, ma l’inquilino della Casa Bianca ha escluso un sostegno ai programmi della California già durante la scorsa campagna elettorale per le presidenziali. In particolare, 71 democratici della Camera hanno chiesto regole severe sulle emissioni per garantire che il 60% delle nuove auto sia a emissioni zero entro il 2030, mentre 10 senatori hanno invitato "a fissare una data entro la quale le vendite di nuovi veicoli endotermici finiranno completamente".

Il piano di rilancio. Per ora, Biden si è limitato a stanziare ingenti risorse a favore della mobilità elettrica. All’interno del piano di rilancio economico da oltre 2 mila miliardi di dollari presentato poche settimane fa, sono previsti infatti 174 miliardi di dollari destinati a investimenti e agevolazioni per promuovere le auto a batteria e la creazione di una infrastruttura di ricarica. Tuttavia, non è stata inserita alcuna disposizione relativa alla graduale eliminazione dei motori a combustione interna. 

Le richieste. Tramite la lettera, i dodici governatori esortano Biden a definire un “chiaro percorso normativo per garantire che, entro il 2035, tutte le nuove autovetture e i nuovi veicoli leggeri in vendita siano a emissioni zero” e a stabilire "traguardi significativi lungo il percorso per monitorare i progressi”. L'auspicio dei vari Stati e di alcuni parlamentari è che il presidente decida una data precisa, in modo da accelerare la transizione energetica del settore automobilistico e del mercato statunitense, dove attualmente le auto elettriche non superano il 2% del totale. I governatori vogliono anche che vengano cancellate le normative introdotte dall'amministrazione Trump: nella missiva si chiedono infatti standard sui consumi di carburante più severi. Ulteriori richieste riguardano il via libera a "finanziamenti sostanziali per gli investimenti in infrastrutture di ricarica e rifornimento”, nonché la rimozione o la modifica degli attuali vincoli ai crediti d’imposta concessi ai costruttori per promuovere la vendita di auto elettriche. 

COMMENTI

  • I miglioramenti si fanno strada da soli. I peggioramenti, invece, vanno imposti con gli "editti"
  • E i pochi "republicans" vedi Baker in Massachusetts, sono più sinistri dei democrats...
  • Tutti governatori di Stati ricchissimi e radical-chic. Stanno ponendo le basi per una profonda spaccatura sociale, e si chiamano pure "democratici".