Industria e Finanza

Bosch
In programma investimenti sull'idrogeno per 1 miliardo di euro

Bosch
In programma investimenti sull'idrogeno per 1 miliardo di euro
Chiudi

La Bosch ha in programma di investire, nel periodo compreso tra il 2021 e il 2024, un miliardo di euro per sviluppare tecnologie legate all’idrogeno. In particolare, l’azienda tedesca, la principale a livello mondiale nella componentistica per l’auto, ha deciso di puntare sulle celle a combustibile, applicate soprattutto ai veicoli industriali come valida alternativa alle batterie. “La mobilità elettrica si sta affermando come il cuore del nostro business”, ma "l'elettrificazione ha dei limiti: senza l'idrogeno, l'Europa non raggiunge la neutralità climatica”, ha avvertito l’amministratore delegato Volkmar Denner durante la tradizionale conferenza stampa di bilancio. 

Il megatrend. Quello dell’idrogeno è considerato dalla Bosch un “megatrend” cui prestare particolare attenzione, soprattutto per le prospettive economiche: si prevede infatti che il mercato dell’idrogeno verde arrivi a valere quasi 40 miliardi di euro entro il 2030, con tassi di crescita medi del 65% l'anno. Inoltre, il valore della domanda di componenti per celle a combustibile sfiorerà i 18 miliardi di euro entro la fine del decennio. "Bosch è già pronta per l’idrogeno. Abbiamo quello che serve per essere leader anche in questo mercato”, ha aggiunto Denner. La multinazionale tedesca sta attualmente sviluppando soluzioni di celle fisse, come degli impianti per la generazione di elettricità per usi industriali e residenziali, e mobili, a partire da una flotta di camion sperimentali.  

L’elettromobilità. Per la mobilità elettrica, invece, sono previsti, solo quest’anno, investimenti per 700 milioni di euro, che porteranno a 5 miliardi i fondi stanziati per sviluppare essenzialmente tecnologie motoristiche. Oggi, i ricavi generati dalla vendita di componenti elettrici stanno crescendo di quasi il 40%, due volte più velocemente del mercato, ma l'obiettivo è di quintuplicare il fatturato annuale per arrivare a circa 5 miliardi di euro entro il 2025, raggiungendo il pareggio di bilancio con un anno di anticipo.

Conti e prospettive. Le strategie per il futuro vanno di pari passo con altri argomenti più attuali, come la crisi da coronavirus e le conseguenze della carenza di semiconduttori. “La Bosch ha superato bene il primo anno della pandemia", ha detto Denner, illustrando i principali risultanti del bilancio 2020: il fatturato, pari a 71,5 miliardi di euro, è calato del 6,4%, mentre l’utile operativo è sceso da 3,3 a 2 miliardi, per un margine in contrazione dal 4,2% al 2,8%. "Il miglioramento delle vendite nella seconda metà dell'anno, oltre a significativi risparmi sui costi, ha contribuito ad attutire l'impatto della pandemia", ha spiegato il direttore finanziario Stefan Asenkerschbaumer. Solo nel ramo automotive, la Bosch ha chiuso il 2020 con ricavi per 42,1 miliardi, in calo del 10% nonostante una produzione automobilistica mondiale in contrazione del 16%. Quanto al 2021, l’azienda guarda ai prossimi mesi con un cauto ottimismo, sopratutto dopo aver registrato una crescita del 17% nei primi tre mesi dell’anno. Le vendite dovrebbero aumentare di circa il 6% e il margine operativo attestarsi tra il 3% e il 4% (per poi risalire al 7% circa nei prossimi due o tre anni), ma molto dipende dall’evoluzione dell’emergenza sanitaria e dalle conseguenze dei colli di bottiglia affrontati dal settore, in particolare per i semiconduttori. L'azienda sta facendo il possibile per supportare i propri clienti ma nel breve termine non prevede alcun miglioramento. Tale tensione potrebbe anche influire sugli sviluppi delle attività nell’intero anno. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Bosch - In programma investimenti sull'idrogeno per 1 miliardo di euro

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it