Industria e Finanza

Bosch
Denner: "L'Europa è fissata con le elettriche e trascura altre tecnologie"

Bosch
Denner: "L'Europa è fissata con le elettriche e trascura altre tecnologie"
Chiudi

I vertici della Bosch tornano a lanciare dure accuse all’Unione Europea in merito alle strategie sul contenimento delle emissioni nel campo dei trasporti. In particolare, l’amministratore delegato Volkmar Denner ha nuovamente stigmatizzato l'insistenza di Bruxelles nel voler puntare tutto sulle auto elettriche, accusandola di trascurare altre tecnologie - come l’idrogeno e i carburanti sintetici - in grado di contribuire al raggiungimento degli obiettivi sul clima. 

Serve un approccio neutrale. In sostanza, Denner ha rimarcato la propria diffidenza nei confronti dell'Ue ribadendo, per esempio, come le proposte iniziali di Bruxelles per gli standard Euro 7 fossero irrealizzabili. Ma l'ad tedesco ha anche espresso la propria soddisfazione per alcuni recenti sviluppi delle discussioni sul tema, orientate a un confronto più obiettivo con il settore automobilistico e a un approccio tecnologicamente neutrale: "Le iniziative per il clima non devono riguardare la fine del motore a combustione interna, ma la fine dei combustibili fossili", ha puntualizzato il top manager. "L'elettromobilità rende il trasporto su strada a emissioni zero, ma lo stesso vale per i combustibili rinnovabili". Del resto, per quanto abbia già stanziato 5 miliardi di euro sulle tecnologie per l'elettrico e un altro miliardo sull’idrogeno, la Bosch ritiene che gli odierni motori diesel e benzina abbiano raggiunto un livello tale "da non avere più un impatto rilevante sulla qualità dell’aria”. Anche per questo, la multinazionale tedesca intende continuare a investire sulle tecnologie per propulsori endotermici "per almeno altri 20 o 30 anni".

Le accuse alla Ue. Denner ha quindi accusato l'Europa di concentrarsi "sull'obiettivo a breve termine" di cancellare i motori a combustione e di evitare "di parlare delle conseguenze che si avranno sull'occupazione". Per dare forza alla propria tesi, secondo la quale Bruxelles sarebbe troppo concentrata sulle auto elettriche, il manager tedesco ha citato l’esempio della corsa allo spazio tra la Russia e gli Stati Uniti: "La mobilità a impatto zero è un obiettivo ambizioso, quasi quanto lo era volare sulla Luna negli anni 60. Ma invece di limitarsi a fissare il grande obiettivo del 'primo uomo sulla Luna' e lasciare che gli ingegneri decidano come raggiungerlo, come fece all'epoca il presidente degli Stati Uniti Kennedy, la Commissione europea sta facendo le cose al contrario. Con una simile politica, che equivale a un monopolio tecnologico, lo sbarco sulla Luna non avrebbe avuto successo". "Questo", ha aggiunto Denner "è un modo infallibile per cancellare percorsi alternativi alle iniziative per il clima. Se la società vuole veramente un'azione al riguardo", ha concluso l'ad della Bosch, "è essenziale non mettere uno contro l'altro gli approcci tecnologici. Dobbiamo, invece, combinarli".

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Bosch - Denner: "L'Europa è fissata con le elettriche e trascura altre tecnologie"

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it