Industria e Finanza

Mercato europeo
Stellantis in testa alle vendite di auto e veicoli commerciali leggeri

Mercato europeo
Stellantis in testa alle vendite di auto e veicoli commerciali leggeri
Chiudi

Nel primo trimestre dell'anno Stellantis ha conquistato la vetta del mercato europeo dei veicoli leggeri, che somma le vendite di auto e mezzi commerciali. In particolare, in un contesto generale che ha visto una domanda di 3.619.749 vetture e furgoni (+3,8% sui primi tre mesi del 2020) il gruppo guidato da Carlos Tavares ha registrato una crescita del 10,8% e una penetrazione del 23,6%, con 854.151 immatricolazioni. 

La spinta dei commerciali. Di queste, secondo i dati Acea, le automobili sono state 669.676: pertanto, ammontano a ben 184.475 i mezzi commerciali, che rappresentano un segmento di particolare importanza per il tessuto industriale italiano. Stellantis produce oltre la metà dei suoi commerciali leggeri ad Atessa, in provincia di Chieti, dove può contare sul maggior impianto europeo del settore: le catene di montaggio assemblano i Fiat Ducato, Peugeot Boxer e Citroën Jumper al ritmo di circa 300 mila unità l’anno; nel primo trimestre sono stati prodotti 81.480 veicoli commerciali (+40%). Nel solo segmento dei mezzi da lavoro, il gruppo nato dalla fusione tra FCA e PSA ha raggiunto una penetrazione del 34,3%. 

Gli altri prodotti. La leadership è stata replicata anche nella classifica dei prodotti più popolari in Europa: la Peugeot 208 si è piazzata al primo posto in una top-ten che vede anche la presenza della Citroen C3 e della Peugeot 2008. Inoltre, il segmento A registra sempre il predominio delle Fiat Panda e 500 con oltre il 38% di quota, mentre la Peugeot 208 e la Nuova Fiat 500 sono tra le prime tre vetture elettrificate nella loro rispettiva categoria. In termini geografici, il gruppo sottolinea le performance di alcuni mercati come l’Austria (+22,1%), la Francia (+17,6%), la Germania (+4,3%) e l’Italia (+27,2%) e il primo posto per quota di mercato in Belgio (25,2%), Francia (37,7%), Grecia (28,8%), Italia (41,3%), Lituania (40,7%), Portogallo (34,3%), Spagna (28,9%) e Ungheria (16,9%).  

COMMENTI

  • Numeri Numeri Numeri non me ne frega un accidenti
  • Purtroppo tutti questi numeri altisonanti non portano alcun beneficio alla cara vecchia Italia. D'altronde molti non si rendono conto che la parte "italiana" rappresenta meno del 10% della produzione Stellantis e che per i mezzi leggeri Fca e Psa erano già ai vertici europei di vendita da anni
     Leggi le risposte
  • Nel frattempo che si celebra questa "vittoria di Pirro", legata per lo più ai furgoni e ai modelli ex PSA, lo stabilimento di Melfi (che è l'unico della ex FCA che abbia una parvenza di attività lavorativa), chiude totalmente per ulteriori 10 giorni a Maggio PV, coi dipendenti in CIG pagati dalla collettività (ça va sans dire) ...
     Leggi le risposte
  • Penso che Stellantis sia il miglior gruppo al mondo. VW, MB e BMW dovrebbero imparare da loro..
     Leggi le risposte
  • Questa fusione ha anche il compito di lottare contro il gruppo VW e questa è una buona notizia. In Italia, per ora, escono soltanto (o quasi) veicoli commerciali (e tanti!). Dobbiamo aspettare Q3 Q4 2022 per finalmente vedere delle novità da parte del Ex FCA. Con un gruppo al 50 % è già un bel inizio!
  • Il Ducato si conferma la cosa migliore fatta da Fiat (perché è nato in Fiat) negli ultimi 30 anni. E visto che la concorrenza, anche blasonata con tanto di stella, non manca, è evidente che sia uno dei migliori prodotti concepiti nell'automotive, anche se serve per faticare e non per fare i fighetto. Strano che a Torino non abbiano pensato di tirare a campare senza mai aggiornarlo fino a portarlo a naturale estinzione, come fanno con tutto il resto.
  • Quindi il gruppo STELLANTIS nel primo trimestre ha venduto 669.676 vetture ma quelle costruite in Italia quante sono?
     Leggi le risposte
  • Speriamo riescano a mantenere forte le identità dei marchi!
  • Bravo STELLANTIS GROUP! Always Top. Top car Brand Group.
  • Mah, Stellantis numero uno nel Continente Senza Profitti - non so fino a che punto e' cosa da celebrare. Con tutti i brand generalisti che ha in Europa, ha il dovere moral-industriale (se esiste) di essere il piu' grande. Tutti noi, Bar Sport e stampa specializzata, valuteremo il Tava in base a quanto riesce a sviluppare almeno due marchi premium (Alfa e Maserati) ed a lanciare con successo l'elettrificazione -lui ed il suo enorme team.
     Leggi le risposte
  • Con un mese di ritardo ma, finalmente, questa news è arrivata pure su Quattroruote. Complementi per la velocità !👍Mentre il secondo Gruppo a livello continentale, appena la loro redazione pubblica qualcosa, c'è la corsa a scriverne news, sia pure gli inizi produzione di un qualsivoglia modello (a cui puntualmente non esiste alcun commento visto che non interessa nessuno, nemmeno ai Vagfans). Questa, invece, interessa molto più da vicino noi italiani che abbiamo il più grande sito produttivo europeo di veicoli commerciali e, a quanto pare, a tanti non Interessa per niente...
     Leggi le risposte