Industria e Finanza

Brembo
Ricavi record nel primo trimestre, utile raddoppiato

Brembo
Ricavi record nel primo trimestre, utile raddoppiato
Chiudi

La Brembo, uno dei principali fornitori italiani di componentistica per auto, è tornata ai livelli pre-covid nel primo trimestre: i ricavi, infatti, sono saliti al massimo storico di 675,1 milioni di euro, in crescita del 17,2% rispetto ai primi tre mesi dell’anno scorso e dell’1,2% sul pari periodo del 2019.

Gli altri dati. L’azienda bergamasca di sistemi frenanti ha riscontrato un andamento positivo in termini sia di segmenti operativi (+13,1% per l’auto, +40,5% per le moto, +31,6% per i commerciali e +3,3% per le competizioni) sia di mercati geografici (+20,9% in Italia, +6,1% in Germania, +27,6% in Francia, +97,4% in Cina, +20% in Giappone e +5,9% in Nord America). L’effetto volumi, unito a un calo dei costi, ha determinato una crescita dell’Ebitda da 102 milioni a 135,6 milioni, per un’incidenza sui ricavi dal 17,7% al 20,1%, mentre l’utile operativo è migliorato da 50,3 milioni a 83,7 milioni, con un margine passato dall’8,7% al 12,4%. Il trimestre è stato quindi chiuso con un utile netto di 61,4 milioni, più che raddoppiato rispetto ai 29,8 milioni di un anno fa.

Le parole di Bombassei. "Siamo entrati nel sessantesimo anno della Brembo con un risultato particolarmente incoraggiante”, ha commentato il presidente dell'azienda, Alberto Bombassei. "I dati del primo trimestre mostrano infatti una ripartenza robusta e confermano il trend che ha caratterizzato gli ultimi tre mesi del 2020. Nella storia della Brembo non avevamo mai registrato ricavi così alti in un primo trimestre, che crescono non solo rispetto allo stesso periodo del 2020, ma anche e soprattutto rispetto al 2019. Nonostante lo scenario di mercato rimanga permeato da uno stato di incertezza, questi risultati ci consentono di guardare con fiducia ai prossimi mesi”, ha concluso l’imprenditore bergamasco. In particolare, secondo l’azienda "il livello degli ordinativi conferma la buona partenza dell’anno”, ma non mancano alcuni fattori cui prestare particolare attenzione: "il gruppo sta monitorando attentamente gli impatti della carenza di componenti elettronici sulla filiera produttiva dei propri clienti, al momento difficili da stimare".

COMMENTI