Industria e Finanza

Abarth
La strada verso l'elettrica inizia con un sondaggio

Abarth
La strada verso l'elettrica inizia con un sondaggio
Chiudi

In Casa Abarth si pensa al futuro e da una iniziativa dedicata agli appassionati si apre la strada che porterà alla nascita del primo modello elettrico. Con la Nuova 500 a batterie già sul mercato il passo verso una variante pepata è breve, ma per trasferire il Dna Abarth in questo momento serve l'aiuto e il sostegno della community, forte di oltre 160.000 persone in tutto il mondo.

Si vota per il suono dell'Avas. Attraverso l'Abarth Performance Creator, sui canali social gli appassionati potranno votare le soluzioni migliori e contribuire a dare vita ai modelli del futuro. La prima sfida riguarda il suono della prossima Abarth, ma non quello dello scarico: verranno infatti proposte alla community tre varianti dell'Avas, ovvero il dispositivo obbligatorio che avverte i pedoni della presenza di un veicolo elettrico a bassa velocità. In futuro, invece, la community verrà consultata sul design e sull'esperienza di guida del nuovo modello. I tre temi sonori proposti alla community sono denominati Next Track (ispirato alla Formula E), Cyber Fun (derivato dal mondo del gaming) e Rock'N'Roar (legato alla musica rock): i voti ottenuti sui social saranno cruciali per la definizione del prodotto finale.

Abarth diventerà un brand di sole elettriche. Sul conto della Abarth a batterie il gruppo Stellantis non ha ancora fornito dettagli, ma è molto probabile che la vettura possa debuttare in anteprima già entro la fine del 2022. La base è chiaramente quella della 500 a batteria, con modifiche all'assetto e al powertrain pensate per spostare l'asticella verso l'alto, dall'efficienza alle prestazioni. Non si tornerà indietro: il ceo Tavares ha infatti già confermato che Abarth diventerà un brand full electric tra il 2023 e il 2024.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Abarth - La strada verso l'elettrica inizia con un sondaggio

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it