Industria e Finanza

Auto elettriche
Volano i prezzi: ecco perché

Auto elettriche
Volano i prezzi: ecco perché
Chiudi

Carlos Tavares ha lanciato l'allarme in tempi non sospetti: le spese di produzione delle auto elettriche sono più alte del 40/50% rispetto alle controparti endotermiche e, pertanto, i costruttori non avranno vita facile nell’assorbire un differenziale di costo di tale ampiezza. È, però, probabile che l’amministratore delegato di Stellantis non abbia tenuto in conto il recente e fortissimo rincaro delle materie prime che sta spingendo molte aziende, soprattutto cinesi, ad aumentare i prezzi dei loro modelli a batteria. Solo negli ultimi giorni, una ventina di società, tra cui le più note Tesla, Xpeng e Byd, hanno rivisto al rialzo i listini (per un totale di 40 modelli interessati) proprio per includere gli aumenti di valore di alcuni elementi cruciali per la produzione.

Il boom delle materie prime. Nelle ultime settimane alcune materie prime hanno raggiunto livelli record a causa di diversi fattori negativi. Tra tutti spiccano, ovviamente, le conseguenze della guerra in Ucraina. Il carbonato di litio, per esempio, costa quasi 80 mila dollari la tonnellata, 10 volte più dei livelli di un anno fa, mentre il cobalto e il nickel sono quasi raddoppiati nel giro di neanche tre mesi. Trend di forti rialzi sono stati registrati anche da altri elementi importanti come il palladio e il rame o da metalli quali l’alluminio e l’acciaio. In poche parole, alcuni dei principali fattori produttivi sono ormai diventati sempre più costosi e, in alcuni casi, sempre più difficili da trovare sul mercato per colpa delle continue difficoltà della rete logistica globale.

Prezzi sempre più su.  In questo quadro va letto l'aumento generalizzato dei listini. I rincari fanno ancor più specie considerando che interessano in primo luogo i costruttori cinesi, ben più avvantaggiati dei loro concorrenti occidentali grazie alla posizione assunta dalla Cina all’interno della filiera dei principali componenti per le auto elettriche. Bastano pochi esempi. La Xpeng è stata tra le ultime ad alzare i suoi prezzi, aumentandoli di almeno 10 mila yuan (poco più di 1.400 euro). La WM Motor ha optato per un incremento a partire da 7 mila yuan e Byd da 3 mila. La Tesla, dopo due aumenti di fila nel giro di una settimana, ha aumentato di 15.060 yuan il listino base della Model Y prodotta a Shanghai, confermando così gli allarmi lanciati dall’amministratore delegato Elon Musk su “una significativa pressione inflazionistica” sul fronte delle materie prime e della logistica. La Great Wall Motor ha perfino deciso di sospendere la raccolta ordini per i modelli del suo marchio Ora, perché l’aumento delle materie prime ha spinto i costi produttivi a superare i prezzi di vendita.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Auto elettriche - Volano i prezzi: ecco perché

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it