Industria e Finanza

Caro carburanti
Ritornano i rialzi dei prezzi sulla rete italiana

Caro carburanti
Ritornano i rialzi dei prezzi sulla rete italiana
Chiudi

Dopo un martedì contraddistinto da una sostanziale stabilità dei listini, i prezzi dei carburanti alle pompe di servizio mostrano un nuovo "movimento al rialzo": è quanto emerge dalla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, secondo cui Eni è salita di 20 millesimi su benzina e diesel. 

Le rilevazioni. Intanto, le medie dei prezzi, comunicati ieri mattina dai gestori di circa 15 mila impianti all'Osservatorio del ministero dello Sviluppo economico, vedono la benzina, in modalità self service, attestarsi a 2,071 euro/litro (invariato) e il diesel a 2,033 euro/litro (+4). Al servito, benzina a 2,199 euro/litro (+2), diesel a 2,165 euro/litro (+6), gpl a 0,828 euro/litro (+1), metano a 1,843 euro/kg (+14) e Gnl a 1,950 euro/kg (-3). Staffetta Quotidiana fornisce anche le quotazioni dei prodotti raffinati nell'area del Mediterraneo alla chiusura di ieri: benzina a 995 euro per mille litri (+21) e diesel a 1.129 euro per mille litri (-3). Comprensivi di accisa, verde a 1.473,68 euro per mille litri e gasolio a 1.496,14 euro per mille litri.

COMMENTI

  • E' una crescita nella norma, con tasse gia' al minimo storico. Meglio affidarsi ad una metano usata o a un full electric nuova, questo e' evidentissimo. La mancanza cronica di carburante spinge a mischiare con di sintesi, dal costo inimmaginabile per distribuirla in sostituzione del tutto.
     Leggi le risposte