Industria e Finanza

Ferrari
A Maranello installato impianto "fuel cell" da 1 MW

Ferrari
A Maranello installato impianto "fuel cell" da 1 MW
Chiudi

La Ferrari ha completato negli scorsi giorni l'installazione, presso la fabbrica di Maranello, di un nuovo impianto da 1 MW di celle a combustibile a ossido solido (solid oxide fuel cell): realizzato da Bloom Energy, fornisce il 5% dell’energia necessaria alle attività produttive, riducendo allo stesso tempo il consumo di carburante (-20% rispetto ai sistemi di cogenerazione) e le emissioni (-99%). 

Le strategie. Il nuovo impianto rientra all'interno delle strategie varate dalla Casa emiliana per diventare "carbon neutral" entro il 2030: a tal fine, durante la recente presentazione del nuovo piano industriale, la Ferrari ha delineato diverse iniziative per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione, tra cui il taglio delle emissioni delle attività produttive, l'utilizzo pervasivo di fonti rinnovabili, l'elettrificazione della gamma, il ricorso a materiali a basso impatto ambientale, l'acquisto di certificati verdi o la creazione del Bosco Ferrari. “Ferrari è più che mai focalizzata a diventare carbon neutral entro il 2030, attraverso l’adozione di tecnologie all’avanguardia e di un approccio scientifico che sono parte del nostro Dna. Siamo entusiasti di collaborare con Bloom Energy, visto il forte impegno comune per un processo di decarbonizzazione, e orgogliosi che il loro primo progetto in Europa sia stato realizzato con noi”, ha commentato l'amministratore delegato Benedetto Vigna. 

COMMENTI

  • Un impianto di Fuel Cell rilascia vapore acqueo. Chissà se qualche ambientalista pensa di protestare contro il contributo ai fenomeni locali di afa soffocante d'estate, di nebbia in autunno e di galaverna in inverno.
     Leggi le risposte