Industria e Finanza

Transizione ecologica
Volvo lascia l’Acea: “Meglio prendere strade diverse”

Transizione ecologica
Volvo lascia l’Acea: “Meglio prendere strade diverse”
Chiudi

Dopo Stellantis, un altro grande nome dell’auto europea lascia l’Acea. La Volvo, infatti, ha annunciato che entro fine anno abbandonerà l’associazione europea a causa delle differenze sulle strategie di approccio alla sostenibilità e alla transizione ecologica.

Strade diverse. La Volvo è stata tra le prime Case europee ad annunciare l’addio all’endotermico per il 2030, cinque anni prima della data proposta dalla Commissione Ue, ed è tra le più forti sostenitrici di un rapido passaggio alla mobilità elettrica, mentre l’Acea ha spesso invitato le istituzioni continentali a non accelerare la transizione. Per esempio, dopo il voto dell’Europarlamento sullo stop alla vendita di auto a combustione, l’associazione ha affermato che "qualsiasi regolamentazione a lungo termine che vada oltre questo decennio è prematura in questa fase iniziale". Una posizione in netto contrasto con quella degli svedesi. "Riteniamo quindi che sia meglio prendere una strada diversa per ora", hanno spiegato da Göteborg, aggiungendo: "Quello che facciamo come settore giocherà un ruolo importante nel decidere se il mondo ha una possibilità di combattere il cambiamento climatico”. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Transizione ecologica - Volvo lascia l’Acea: “Meglio prendere strade diverse”

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it