Industria e Finanza

DeLorean
Fondatori denunciati per furto di proprietà intellettuali

DeLorean
Fondatori denunciati per furto di proprietà intellettuali
Chiudi

La storia della DeLorean può essere descritta in qualsiasi modo, ma, di sicuro, non è stata né fortunata, né tantomeno di successo. Ora, il nuovo tentativo di rilancio sembra patire la stessa sfortuna del passato: secondo la stampa texana, la Karma Automotive, a sua volta non certo famosa per i risultati raggiunti sul mercato statunitense (dieci anni fa, quando si chiamava Fisker Automotive, è fallita una prima volta e oggi è di proprietà di un conglomerato cinese), ha depositato una denuncia presso il tribunale federale di Houston, accusando i fondatori della DeLorean Motor Company di aver rubato brevetti e proprietà intellettuali.

delorean-dmc-12-14

La causa. In particolare, nella documentazione depositata a corredo dell’istanza legale, la Karma dichiara di aver lavorato “su una potenziale joint venture" per elettrificare le vecchie DeLorean DMC-12, il modello reso popolare dalla saga cinematografica di "Ritorno al futuro". L'azienda parla di un "Progetto 88” destinato a costruire restomod a batteria della DMC-12 originale, utilizzando scocche DeLorean e propulsori elettrici della Karma. L'iniziativa era stata proposta senza alcun successo a Stephen Wynne, il meccanico inglese diventato proprietario di alcuni cespiti della vecchia DeLorean fallita nel 1985 in seguito ai guai giudiziari dell’imprenditore omonimo. A tenere i rapporti con Wynne sarebbe stata, in particolare, una delle quattro persone citate esplicitamente nella denuncia della Karma.

Gli accusati. L’azienda californiana spiega, sempre all’interno della documentazione, che alcuni suoi dipendenti hanno prima formato una nuova società, chiamata “Reimagined”, mentre erano ancora impiegati alla Karma e assegnati al progetto sulle DMC-12 e poi si sono dimessi, portando con sé informazioni sulla progettazione e lo sviluppo di un veicolo elettrico. La causa riguarda, per l'appunto, la "DeLorean Motors Reimagined" con sede a San Antonio (Texas), dove la nuova azienda ha già ricevuto alcune sovvenzioni pubbliche per insediare i propri uffici. Inoltre, nel mirino della Karma sono finite quattro figure apicali: l’amministratore delegato Joost de Vries, il direttore operativo Alan Yuan, il responsabile del marketing Troy Beetz e il direttore creativo Neilo Harris. De Vries, accusato di aver proposto il "Progetto 88" a Wynne, che, tra l’altro siede nel consiglio di amministrazione della nuova DeLorean, ha bollato le accuse di Karma come "infondate" e sottolineato come la nuova Alpha5, prossima al debutto durante la Monterey Car Week, non abbia nulla da spartire con i progetti della Karma: "Questa vettura ha un lignaggio DeLorean molto specifico e unico che non ha alcuna relazione con la Karma Automotive dal punto di vista del design, dell'ingegneria, della catena di approvvigionamento o della produzione”.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

DeLorean - Fondatori denunciati per furto di proprietà intellettuali

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it