Industria e Finanza

Crisi dei chip
Biden stanzia 52 miliardi per affrancarsi dalla Cina

Crisi dei chip
Biden stanzia 52 miliardi per affrancarsi dalla Cina
Chiudi

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato la nuova legge che finanzierà il settore dei semiconduttori con 52 miliardi di dollari (cioè di euro, visto il cambio attuale). Annunciato per la prima volta nel 2021, il provvedimento porterà ingenti risorse per la produzione e la ricerca sul territorio americano per superare l'attuale crisi dei microchip e per svincolarsi dal sostanziale monopolio asiatico (della Cina e di Taiwan) nel settore. La Casa Bianca ha creato una task force per monitorare il rilascio dei fondi e il loro utilizzo.

Pioggia di finanziamenti e incentivi per l'elettrico. Per il governo Biden si tratta di una delle numerose iniziative volte ad aiutare anche il settore dell'automobile, seppure in massima parte solo per i veicoli elettrici: oltre a non comprare più auto a benzina dal 2027 per la propria flotta, la Casa Bianca ha infatti stanziato fondi per la produzione delle batterie e ampliare la rete nazionale di ricarica. Inoltre, sono previsti nuovi incentivi all'acquisto che penalizzano - almeno per il momento - i costruttori esteri.  

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Crisi dei chip - Biden stanzia 52 miliardi per affrancarsi dalla Cina

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it