Industria e Finanza

Renault
In trattativa con Geely per le attività nei motori endotermici

Renault
In trattativa con Geely per le attività nei motori endotermici
Chiudi

La Renault sarebbe in trattative con la Geely e con una compagnia petrolifera (che, secondo indiscrezioni raccolte dalla testata francese Le Monde, sarebbe la saudita Aramco) per cedere quote delle proprie attività legate ai tradizionali motori endotermici, a benzina e a gasolio: lo riporta la Reuters. Secondo le fonti di agenzia, il costruttore francese sarebbe intenzionato a lasciare, in totale, il 60% delle azioni: nello specifico, il 40% al colosso cinese e il 20% all’altra azienda coinvolta nell’operazione, mantenendo, così, solo una quota di minoranza del suo “vecchio” business. L’obiettivo di questa trattativa è liberare fondi da dirottare sulle attività collegate all’elettrico, che, non è un mistero, la Renault vorrebbe scorporare.

In casa, solo elettrico. Il programma è già impostato. La Casa francese dovrebbe presentare, nell’autunno prossimo, un piano per la creazione di un’unità, con sede in Francia, focalizzata esclusivamente sugli EV, che impiegherà circa 10 mila addetti e potrebbe essere quotata in Borsa nella seconda metà del 2023. Un’altra unità, di base all’estero, raggrupperebbe invece le attività legate a motorizzazioni a benzina, ibride e sulle trasmissioni, con produzioni in Spagna, Portogallo, Turchia, Romania e America Latina. Della “vecchia Renault”, insomma, il costruttore francese finirebbe col conservare una quota del 40%. Ma la trattativa non è ancora finalizzata e nell’operazione potrebbe esserci spazio “per altri costruttori”, hanno spiegato alla Reuters fonti vicine a Boulogne-Billancourt.

Giapponesi assenti. Non sarà della partita, con ogni probabilità, la Nissan, partner industriale della Régie nell’alleanza che coinvolge anche la Mitsubishi. I francesi avrebbero proposto alla Casa di Yokohama di entrare nell’accordo, ricevendo, però, risposta negativa. L’accordo con Geely consentirebbe l’arrivo di capitali freschi e, contemporaneamente, permetterebbe alla Renault – che così facendo potrà condividere i costi relativi legati a propulsori tradizionali - di concentrare gli sforzi su investimenti orientati al futuro. Il coinvolgimento nell’operazione di una compagnia petrolifera, invece, secondo le fonti citate dalla Reuters risponderebbe alla ricerca di un partner di supporto nello sviluppo di idrogeno verde e di infrastrutture necessarie per realizzare veicoli fuel cell in parallelo a quelli puramente elettrici.      

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Renault - In trattativa con Geely per le attività nei motori endotermici

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it