Industria e Finanza

Microchip
Intel sceglie il Veneto per una nuova fabbrica

Microchip
Intel sceglie il Veneto per una nuova fabbrica
Chiudi

Sarà la località di Vigasio, in provincia di Verona, a ospitare il nuovo stabilimento per la produzione di microchip della Intel, colosso americano dei semiconduttori. La collocazione dell’impianto, non ancora ufficializzata, sarebbe stata scelta d’accordo con il governo uscente di Mario Draghi. La realizzazione della struttura comporta un investimento iniziale di 4,5 miliardi di euro e prevede la creazione di 1.500 posti di lavoro diretti, cui se ne aggiungeranno 3.500 nell’indotto. Un finanziamento importante (pari, forse, al 40% del totale) dovrebbe arrivare anche dallo Stato italiano. Una fabbrica di microchip, come abbiamo avuto modo di raccontare visitando il nuovo impianto di Agrate (MB) della STMicroelctronics, richiede per la sua creazione parecchio tempo, quindi l’inizio dell’operaziona viene collocato in un orizzonte temporale compreso fra il 2025 e il 2027.

Rete di trasporti. L’investimento in Italia della Intel fa parte di un piano più ampio dell’azienda americana che prevede l’iniezione di 80 miliardi di euro nei prossimi dieci anni in diverse parti d’Europa, a iniziare dalle Germania, dove sono previste due nuove strutture a Magdeburgo. Lo stabilimento veneto prevede l’utilizzo di nuove tecnologie per la produzione dei semiconduttori; quanto alla scelta della località, per la quale erano state prese in considerazioni anche altre soluzioni nel Nord-ovest del Piemonte, in Puglia e Sicilia, a essere decisive sono state considerazioni relative ai collegamenti dell’area veronese, ben connessa con la Germania attraverso l’autostrada e la ferrovia del Brennero.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Microchip - Intel sceglie il Veneto per una nuova fabbrica

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it