Industria e Finanza

Auto elettriche
Washington apre all'Europa: accordo sugli incentivi difficile, ma ancora possibile

Auto elettriche
Washington apre all'Europa: accordo sugli incentivi difficile, ma ancora possibile
Chiudi

Il 5 dicembre si è svolta nei dintorni di Washington una riunione dell'U.S.-EU Trade and Technology Council, un organismo bilaterale istituito dal governo americano e dalla Commissione europea per discutere di eventuali tematiche di particolare importanza per le relazioni economiche tra le due sponde dell'Oceano Atlantico. Durante l'incontro sono state affrontati numerose questioni, ma l'argomento più caldo ha riguardato gli effetti dell'Inflation Reduction Act (IRA), la legge varata dall'amministrazione Biden che prevede, tra le altre cose, uno stretto legame tra gli incentivi alle auto elettriche e l'origine nordamericana di produzione e materie prime. Si tratta di una disposizione già fortemente criticata dai massimi rappresentanti politici della Ue, perchè considerata "discriminatoria" nei confronti dei costruttori europei, e oggetto di particolari attenzioni da parte, per esempio, del presidente francese Emmanuel Macron. L'incontro è stato solo interlocutorio, ma ha raggiunto comunque un risultato: Washington, per quanto non disponibile ad apportare modifiche sostanziali all'IRA, ha ribadito la sua apertura ad affrontare e a risolvere le divergenze con Bruxelles, il che aumenta le probabilità di raggiungere un accordo entro la fine dell'anno nonostante le numerose difficoltà.

L'impegno. "Riconosciamo le preoccupazioni dell'Unione Eurpea e sottolineiamo il nostro impegno ad affrontarle in modo costruttivo", si legge nel comunicato congiunto diffuso al termine dell'incontro, dove si sottolineano anche "i progressi compiuti dalla task force istituita per affrontare la controversia". Per il segretario di Stato americano Antony Blinken, la riunione ha consentito di compiere "progressi pratici e concreti" su questioni chiave per i rapporti transatlantici e si è detto fiducioso sulla possibilità di risolvere le controversie sugli incentivi americani. "Siamo tutti usciti da questo incontro convinti che questo sia un modo molto positivo e produttivo di procedere sia per l'Unione Europea che per gli Stati Uniti", ha aggiunto Blinken. Il vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, una tra le voci più critiche del Vecchio continente nei confronti dell'Inflation Reduction Act, si è dichiarato "leggermente più ottimista" rispetto a pochi mesi fa. D'altro canto, stando alle ricostruzioni della stampa americana, la task force ha impresso un'accelerazione ai lavori con l'obiettivo di raggiungere un accordo prima dell'entrata in vigore a gennaio di alcune delle misure previste dalla legge americana. Inoltre, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, nel corso del suo ultimo bilaterale con il suo omologo francese, ha aperto alla possibilità di apportare delle modifiche per non penalizzare il settore automobilistico europeo, ma per il momento non si sa quale possa essere la formulazione delle correzioni: la legge, infatti, può essere modificata solo dal Congresso e l'aministrazione Biden non sarebbe intenzionata ad avviare un nuovo iter parlamentare, con il rischio di ritrovarsi con un testo completamente stravolto. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Auto elettriche - Washington apre all'Europa: accordo sugli incentivi difficile, ma ancora possibile

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it