Industria e Finanza

Transizione ecologica
Per il Parlamento europeo il bando delle endotermiche è definitivo

Transizione ecologica
Per il Parlamento europeo il bando delle endotermiche è definitivo
Chiudi

L'assemblea plenaria del Parlamento europeo ha approvato, in via definitiva, il testo provvisorio sottoscritto lo scorso ottobre dal Consiglio Ue sull'ormai famoso bando delle endotermiche incluso nel pacchetto "Fit for 55". In particolare, i deputati hanno votato ad ampia maggioranza per licenziare l'accordo sulla revisione degli standard in materia di emissioni di anidride carbonica per le auto e i furgoni di nuova immatricolazione.

Le tappe. Il testo, che ha ricevuto 340 voti a favore e 279 contrari (21 gli astenuti), stabilisce il percorso verso la riduzione delle emissioni del 55% per le auto e del 50% per i furgoni entro il 2030 e il loro azzeramento totale nel 2035. Tuttavia, rispetto alle proposte iniziali della Commissione europea, sono previste delle "tappe intermedie". Per esempio, è previsto che la stessa commissione presenti, entro il 2025, una "metodologia per valutare e comunicare i dati sulle emissioni di CO2 durante l'intero ciclo di vita delle autovetture e dei furgoni venduti sul mercato dell'UE, corredata, nel caso, di proposte legislative". Inoltre, entro dicembre 2026 Bruxelles dovrà "monitorare il divario tra i valori limite di emissione e i dati reali sul consumo di carburante ed energia, presentare una "una metodologia per adeguare le emissioni specifiche" dei costruttori e "proporre adeguate misure" di controllo. Infine, il testo impone alla Commissione di pubblicare ogni due anni, a partire dalla fine del 2025, una "relazione per valutare i progressi compiuti verso la mobilità su strada a zero emissioni".

Le deroghe. Confermate anche alcune deroghe, tra cui quella da molti definita "salva-Motor Valley": infatti, i costruttori responsabili di "piccoli" volumi annuali di produzione (da 1.000 a 10.000 auto e da 1.000 a 22.000 furgoni) possono non rispettare i limiti fino alla fine del 2035 (quelli che immatricolano meno di mille veicoli all'anno continueranno a essere esenti). Infine, l'attuale meccanismo di incentivazione dei veicoli a zero e basse emissioni (fino a 50 g/km di Co2) sarà rivisto con nuovi obiettivi per adattarlo alle tendenze commerciali previste: per il periodo 2025-2029, il benchmark ZLEV è fissato al 25% per le vendite di nuove auto e al 17% per i furgoni, ma dal 2030 sarà rimosso completamente.  

Prossimi passi. In ogni caso, l'iter legislativo non è ancora concluso, visto che sono previsti ancora altri passi. Dopo il voto dell'Europarlamento, il testo dovrà essere approvato in via formale anche dal Consiglio Ue e, in caso di via libera, potrà essere pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Transizione ecologica - Per il Parlamento europeo il bando delle endotermiche è definitivo

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it