Industria e Finanza

2035
Francia e Germania si scontrano sullo stop alle endotermiche

2035
Francia e Germania si scontrano sullo stop alle endotermiche
Chiudi

Lo stallo istituzionale sullo stop alla vendita di auto a benzina e diesel per il 2035 rischia di danneggiare gravemente il tradizionale asse franco-tedesco alla base delle dinamiche politiche dell'Unione europea. Nelle ultime ore, infatti, Parigi ha rivolto dure critiche ai dubbi espressi dai tedeschi, che hanno di fatto bloccato l'iter di approvazione del provvedimento, e da Berlino è arrivata una risposta dura e piccata. "È molto deplorevole che il governo francese stia minacciando una resa dei conti nella disputa sul bando delle endotermiche", ha affermato ad alcune testate del Funke Media Group il ministro delle Finanze della Germania, Christian Lindner, tra i fautori della richiesta rivolta alle istituzioni europei di inserire esplicitamente una deroga per gli e-fuel nel pacchetto di misure Fit for 55.

Le parole di Le Maire. Il politico tedesco ha così risposto a quanto dichiarato dal ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, secondo il quale l'Unione europea deve attenersi, senza se e senza ma, all'originario divieto per il 2035. "Non possiamo dire che c'è un'emergenza climatica e poi ritirarci dalla transizione verso i veicoli elettrici", ha affermato Le Maire all'emittente France Info. "Siamo pronti a combattere perché è un errore ambientale ed economico". Secondo Lindner, la Francia, con il suo sostegno al divieto, non tiene conto di quanto le elettriche siano molto più costose delle endotermiche e delle relative conseguenze sul prezzo dei veicoli: "Le Maire sa benissimo che la mobilità in auto potrebbe diventare sempre più costosa per molte persone che lavorano duramente. Dobbiamo prendere sul serio queste preoccupazioni". Il francese, invece, ha avvertito della necessità di fornire delle certezze ai costruttori, evitando di inviare messaggi poco chiari: "Dire che andremo verso l'elettrico, ma rimarremo per un po' con l'endotermico è economicamente incoerente e pericoloso per l'industria. Non è nel nostro interesse nazionale, non è nell'interesse delle case automobilistiche e non è nell'interesse del pianeta".

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

2035 - Francia e Germania si scontrano sullo stop alle endotermiche

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it