Sergio Marchionne "Non so se faremo la Giulia station wagon"

×
 

"Non lo so se faremo la Giulia Station Wagon: per adesso stiamo guardando come va la Stelvio in questo momento non sono convinto se dare priorità a fare una station, invece di insistere sulla strategia delle Suv Alfa Romeo. Quella delle familiari, del resto, è una partita tutta e solo europea". Sergio Marchionne, parlando al Salone di Detroit, frena sull'ipotesi di una Giulia con il portellone.

Investimenti Usa. Incontrando i giornalisti alla rassegna americana, il ceo di FCA è tornato anche sulle novità politiche in arrivo alla Casa Bianca, bollando come "speculazioni" le ipotesi di annullamento dell'accordo di libero scambio Nafta, che lega Usa, Canada e Messico. "Non abbiamo ancora avuto rapporti diretti con Trump", ha dichiarato. "La mossa annunciata poche ore fa sui nuovi investimenti in America non è legata all'insediamento del nuovo presidente. Del resto, non siamo gli unici a non essere stati toccati dai tweet di Trump: anche Mercedes e Volkswagen non sono state menzionate finora. Gli impianti in Messico, comunque, sono stati concepiti in funzione del Nafta: è chiaro che se cambiassero le condizioni dovremmo riconsiderare tutto. E potremmo anche ritirarci da quel Paese. Ma, oggi come oggi, non c’è chiarezza, e noi (come tutti gli altri) abbiamo bisogno di chiarezza sul quadro che avremo di fronte in futuro. Senza certezze non possiamo decidere nulla".

Thank's Fiat. Intanto, la prima reazione alle dichiarazioni sugli investimenti in Usa non si è fatta attendere: Donald Trump ha postato la notizia sul suo profilo Twitter, accompagnandola con un "Thank's Fiat". Ai giornalisti che gli hanno fatto vedere il tweet, Marchionne ha risposto con un sorriso. "Era un atto dovuto a questo Paese: ricordatevi dove eravamo nel 2009", ha aggiunto.

Le berline Usa e il marchio Jeep. Sul tema delle nuove Jeep, Marchionne ha precisato che "per l’erede della Grand Cherokee serve una nuova piattaforma. Non abbiamo ancora preso una decisione definitiva ma quella dell’Alfa (Giorgio, ndr) mi pare la più indicata". Per quanto riguarda le nuove berline compatte, invece, Marchionne ha detto di "non aver trovato partner validi né dal punto di vista delle architetture né dei costi". "Comunque, ha aggiunto, "la necessità di rinnovarle non c'è, perché l'80% dell'aumento delle vendite dal 2011 a oggi è arrivato da Suv e pick-up. Se lo avessimo saputo all'epoca, non avremmo investito in quel modo sulla Dart. Alcuni, in questi anni si sono addirittura ritirati da quel segmento e per noi la priorità resta quella di globalizzare il marchio Jeep, alla luce degli sviluppi commerciali".

Guida autonoma entro cinque anni. Marchionne, inevitabilmente, ha parlato anche di guida autonoma: "Sono sicuro che arriveremo al livello 4 di autonomia nei prossimi cinque anni, e sono sicuro che Google sia pronta a quella sfida. Per il livello 5 dipende anche dal sistema che si deve adattare".

Ottimista sugli obiettivi. Il titolo FCA, fresco di guadagni record in Borsa, ha destato la curiosità e l'entusiasmo di analisti e investitori: "Credo che gli osservatori si siano accorti che riusciremo a centrare gli obiettivi del 2018: mancano solo otto trimestri e vediamo il traguardo. Non parlo ancora di risultati 2016: forniremo informazioni il 26, ma per il momento non ho notizie negative", ha scherzato l'ad. Che ha confermato l'obiettivo dell'azzeramento del debito e "a seconda della chiusura del 2017" il ritorno al dividendo.

Verso le elettriche. Nella consueta panoramica su tutti i grandi temi che attendono FCA nei prossimi anni, Marchionne ha parlato anche di elettrificazione. "Andremo avanti su questo fronte, perché non basta Trump a fermarla. La Cina e anche l'Europa detteranno i ritmi, e poi è anche un atto dovuto. Io non credo che il mondo si sveglierà un giorno e ci saranno solo auto elettriche, per ragioni ecologiche ed anche economiche, ma la tendenza è quella". E a proposito di alimentazioni, Marchionne si è soffermato anche sul futuro del diesel: "Per via degli eventi degli ultimi anni, il diesel oggi si ritrova con una pessima e ingiusta reputazione. Il dato di fatto è che l’adeguamento dei motori al prossimo step delle norme europee sulle emissioni lo mette a rischio di fattibilità economica, con costi che andrebbero al di là di quelli degli ibridi elettrico-benzina. Basti un dato, adeguare l’80% dei nostri motori alle norme future comporta un investimento di mezzo miliardo di euro. È chiaro che a queste condizioni il futuro del diesel nel campo automobilistico è seriamente a rischio".

Uscita di scena a fine 2018. Non si è parlato, invece, di novità per l'Italia: "La macchina produttiva italiana va bene, abbiamo tanto da fare, ma non ci sono grandi novità per gli stabilimenti italiani". Marchionne, che si è definito "scioccato" per l'arresto del manager VW avvenuto nelle scorse ore, ha inoltre confermato che intende lasciare il timone del Gruppo FCA alla fine del 2018. "Il piano di successione procede", ha spiegato, "il mio successore sarà un manager interno. L'annuncio arriverà da John (Elkann, ndr) e dal consiglio. Ancora non possiamo dire quando. Il mio obiettivo è completare il piano 2018: vogliamo 9 miliardi di utile operativo, 5 di utile netto".  

Le alleanze con GM e le tech company. Nel corso dell'incontro con la stampa si è parlato molto anche di partnership. "Ci ho provato e sono stato respinto'', ha detto il manager italo-canadese, alludendo al tentativo di alleanza con la GM finito con un nulla di fatto nel 2015. "Non so dare una risposta su futuri merger", ha poi aggiunto Marchionne, "perché da un lato ci sono i costruttori tradizionali, ma dall'altro c'è tutta un'industria nuova, quella californiana, che sta cercando di entrare nell'auto, con i fondi e le capacità economiche per intervenire in forze. La nostra stessa capitalizzazione vale una frazione di certi giganti hi-tech. Quindi fare previsioni su alleanze con eventuali partner in questo momento è del tutto impossibile". ''Non stiamo inseguendo nessuno", ha poi aggiunto, "nessuno ha voluto ballare, e la musica si è fermata". ''C'è comunque da dire che alla fine degli anni 90 abbiamo già visto tutto questo, con la bolla della new economy. Uber non ha mai guadagnato un dollaro, ma ha una capitalizzazione quattro volte superiore alla nostra. Io non credo che certe valutazioni possano durare per sempre. Anche se questo non significa che non dobbiamo continuamente cercare strade nuove, come fanno in California". Un approccio che rimane sempre aperto dunque, anche sul fronte delle alleanze: "Le cose cambiano nell'arco di sei mesi. Non escludo nuove intese prima della mia uscita di scena. E l'accordo con Google, di cui siamo partner di sviluppo e non solo fornitori, lo dimostra: è un'intesa che va oltre la flotta sperimentale delle cento Pacifica, e da cui non stiamo perdendo soldi, che è già tanto".

Niente spin-off Alfa-Maserati, possibilista su Magneti Marelli. Rispondendo poi alle domande dei cronisti, Marchionne ha spiegato che il marchio Fiat resterà negli Stati Uniti come brand di nicchia. Smentite, invece, le voci di spin-off dei marchi Alfa Romeo e Maserati "C'è un limite a tutto", ha commenato il manager al riguardo. Più possibilista, invece, sulla cessione di Magneti Marelli: "Dobbiamo chiederci se è essenziale per FCA", ha dichiarato. "E la risposta è no".   

Da Detroit, Fabio Sciarra

Marco Vicini

Il concetto è molto semplice: Il mercato delle SW, SUV e delle 7 posti NUOVE > 40k€ è soprattutto aziendale. Le 3 volumi aziendali sono veramente una mosca bianca. Boh, non capisco, mancanza di volumi di produzione? Strano vedere continue offerte sulle Panda dove, credo, forse mi sbaglio, i margini non saranno così alti. Saluti

COMMENTI

  • Il concetto è molto semplice: Il mercato delle SW, SUV e delle 7 posti NUOVE > 40k€ è soprattutto aziendale. Le 3 volumi aziendali sono veramente una mosca bianca. Boh, non capisco, mancanza di volumi di produzione? Strano vedere continue offerte sulle Panda dove, credo, forse mi sbaglio, i margini non saranno così alti. Saluti
  • Bizzarra la scelta di non sviluppare un Giulia SW. L' 80% delle aziendali sono tedesche e SW. Il resto sono tedesche SUV e monovolume 7 posti. I pochi che si possono permettere di pagare 40-60k€ per un'auto sono le aziende (in full leasing). Perdere il mercato "ricco" non mi sembra logico ma Marchionne è in FCA ormai da tanto tempo... ....anche la mancanza di un 7 posti "italiana" è illuminante.
  • Produrre una Giulia sw non credo che richiederebbe un grande impegno finanziario...però penso che prima venga un'alfa di segmento E da produrre magari a mirafiori e una suv gemella della levante che si venderebbe molto bene negli states.
  • Penso che S.M. abbia altro cui pensare in questo momento!
  • comunque, quanto ci ricorda o'san in merito alla cassa integrazione di grugliasco, secondo me fa riflettere, specie se tale notizia viene messa in relazione alle dichiarazioni di marchionne rilasciate a detroit. può un'unità produttiva lavorare sempre a pieno regime producendo due modelli di lusso presentati contemporaneamente? sotto questo punto di vista, le risorse dovrebbero essere impiegate per sviluppre alternative al ciclo di vita dei suddetti modelli da implementare sulle stesse linee produttive prima ancora che spese per mettere a punto una giulia sw
     Leggi risposte
  • ok bella conferenza...non sa se faranno la giulia station wagon, non sa niente su elettriche o altro, nessuna notizia a proposito del marchio lancia...praticamente distrutto......e vedere quel mostro di 300 c col marchio lancia thema è un offesa al buon gusto.....bravo bravo marchionne ...continua così...tanto le poche tasse che pagate le versate all'estero
  • Sarebbe un peccato non farla. In definitiva non si tratterebbe di un modello nuovo, ma solo di una modifica dal costo contenuto che però permetterebbe di allargare un poco la gamma che secondo me è ancora troppo ridotta.
  • intanto cassa integrazione a grugliasco. Maserati. Notizia del 10/01/2016
     Leggi risposte
  • Per me caro Marchionne potreste anche smettere di fare auto, se gli italiani fossero del mio parere in Italia non vendereste neanche un bullone invece che auto, visto che investite 1 miliardo con 2000 posti di lavoro negli USA ti sei venduto a Obama prima, mentre oggi ti sei venduto a Trump sei peggio delle puttane di strada
     Leggi risposte
  • Tralasciamo il fatto che Marchionne abbia fatto un grandissimo lavoro dal suo insediamento ad oggi (diciamo un 80% di cose buone e un 20 di cose pessime), ma presentarsi ad un salone internazionale, in "casa tua", dichiarando che non hai deciso se produrre o no una vettura pressochè cruciale per il riscatto non ti fa molto onore. Giulia ha i suoi mercati principali in Europa e USA ok? In Europa, a parte Italia, Germania e Scandinavia le SW non se le filano più da molto tempo, facendo quote minime. In USA peggio che andar di notte, quindi penso che l'eventuale scelta di non farla sia giusta. Quello che non si vuole capire è che più varianti proponi e più clienti acchiappi. In FCA è dal 2011 che non esiste una SW di mediograndi dimensioni (159-Croma), tutti quelli che non vogliono i SUV vanno alla concorrenza, e poi spostarli da lì è dura caro Serghio... Questi sono errori che la dirigenza si porta dietro dai tempi di Carlo Cudega: finita la Lybra ZERO berline Lancia, Kamal e Kubang rimasti concept, auto elettrica dismessa dopo la Seicento. Non sei la BMW che può permettersi di non fare più la serie 3 GT, 2 milioni di veicoli li venderai sempre, sei Alfa Romeo, hai fatto un 2015 col record negativo di vendite, dovresti calarti le braghe e far vedere di che pasta sei fatta (e abbiamo visto tutti che razza di auto è la Giulia, il punto di riferimento della catgoria). Più decisioni e più coraggio, senza quello non si va da nessuna parte
     Leggi risposte
  • per un gruppo che si dà come obiettivo quello di concorrere a livello globale, credo sia un non senso tralasciare un mercato per concentrarsi su altri. quindi alex masters ha, una volta ancora e come sempre, torto su tutto. semmai sposterei il discorso sulle priorità: oggi un suv è preferito ad una sw in tutto il mondo e non so fino a quando le sw avranno un mercato. ciò non significa che una giulia giardinetta oggi non sia da fare, ma dopo la stelvio, comunque. la triade, quando rinnova un modello, non deve fare altro che continuare un discorso già intrapreso da tempo, con una base di partenza pronta (so di semplificare, anche questa operazione è costosa ed assorbe energie e risorse). alfa deve riallacciare un discorso interrotto tempo fa e ripreso con notevoli variazioni: meglio concentrarsi prima su quanto è vitale per poi differenziare. oggi i suv sono più promettenti delle wagon, senza se e senza ma. oggi chi deve cambiare una sw guarda anche l'offerta a ruote alte e le quote di mercato crescenti dimostrano quali sono i nuovi orientamenti
     Leggi risposte
  • straquoto Alex Masters. Che senso ha parlare di nuovi mercati per un brand storico che dovrebbe puntare a riprendersi i vecchi dove è ben conosciuto ed apprezzato? Come se la Leika (faccio per dire) mollasse gli storici appassionati di macchina fotografica del vecchio continente che la conoscono per puntare sul mercato di marte dove è una perfetta sconosciuta... GP abbiamo capito che stai a miami e sudamerica ma all'Alfa che gliene frega di miami e sudamerica quando ha il suo core business in europa?? anzi, proprio in italia e germania dove ci sono più appassionati del marchio?? e non stiamo parlando di gente che spende trentamila euro per un auto come per le coreane ma di gente disposta a spenderne 50... Detto questo, quanto vuoi che costi adattare un telaio per fare una SW? Vi sembra un'investimento folle quando hai già motori e tutto? a me, come diceva il saggio, me pare na strunzata.
     Leggi risposte
  • Marchionne dovrebbe spiegarmi come fa con i soldi necessari a sviluppare una variante sw da una berlina già esistente a progettare addirittura un nuovo SUV. E' proprio un mago della finanza !
     Leggi risposte
  • invece di svelare i dati tecnici della stelvio qv, preferisce soffermarsi su una insignificante familiare, spero che un giorno terminino di produrre questo obsoleto segmento di auto
     Leggi risposte
  • Peccato un SW o una coupe' SW stile CLS sarebbe stata bellissima considerando la linea dell' auto. La 159 sportwagon e' ancora tra le piu' belle SW in circolazione nonostate abbia i suoi anni.
     Leggi risposte
  • Mi fa sorridere che sulla Giulia SW risponda che non lo sa ancora... Per me è un furbone e la risposta la sa già, non ho idea di quale sia però, ma per me hanno già deciso. Dico questo perchè la berlina è stata presentata a giugno 2015, le vendite iniziate in pieno 2016, quanto pensa di doverci ancora pensare per prendere una decisione??? Se decidesse di farla oggi, quando potrebbe iniziare a venderla, nel 2020???!!! Per questo per me è già deciso in un senso o nell'altro, fa parte della strategia comunicativa far finta di lasciare porte aperte/chiuse, così se ne parla...
     Leggi risposte
  • Le sedan si vendono bene in tutto il mondo, le giardinette ormai le comprano solo tedeschi e italiani per (non ) caricare la legna nei weekend. Non credo serva aggiungere altro, a meno di non vedere oltre il proprio naso.
     Leggi risposte
  • Io di Giulia dalle mie parti(vicentino) continuo a non vederne. Mentre ovunque ti giri salta fuori un' Audi, o altra tedesca (SW...). Che il mercato europeo non gli interessi ha dell'incredibile. E come italiano mi dispiace che abbia tale considerazione di Magneti Marelli. Finirà a chi se la merita..
     Leggi risposte
  • Datti Settembre 2016 - Solo Italia Audi A4 - 1406 (SW-1325 / 4p -81) BMW S3 - 816 (SW 657/ 4p - 159 ) Alfa Giulia - 762 (SW - 0 / 4p - 762) Alfa potrebbe vendere un gran numero di giulia SW in Italia, certamente più di Audi Vendite Giulia a Novembre 1974 E facile intuire che solo in Italia Alfa potrebbe vendere quasi altrettanti SW quanto venduto Giulias 4p in tutta Europa. Il costo di aggiungere un sw al Giullia è certamente diminutivo confrontato con il ritorno dell'investimento
     Leggi risposte
  • Immagine misera. Mentre BMW e company danno per scontato fare una SW (che vende più delle berline in EU) e si divertono con varianti GT, coupè 2p, coupè 4p, tu stai lì a far capire che non sai se puoi investire su una variante che da sola raddoppierebbe la vendite di Giulia sull'unico mercato certo e storico che ha (EU) in attesa che arrivino gli ordini attesi da Usa-Cina. Francamente imbarazzante, oltre ad essere un messaggio di impotenza è un invito a chi aspetta la SW a guardare altrove, a meno che non si rassegnino a salire su un carro armato come lo Stelvio
     Leggi risposte
  • Ormai il messaggio di Marchionne è chiaro, realizzerà ciò che è "più" profittevole. Quindi al momento da priorità alla produzione alla Stelvio che potrà garantire un maggiore numero di vendite e profitti rispetto ad una Giulia SW. Poi se AR continuerà a fare soldi potrebbe tentare la produzione di un SUV più grande dello Stelvio e aumentare la produzione a Mirafiori. ricordo che per il momento il mercato che Marchionne cerca per AR è USA e Cina, poi Europa. Produrre una vettura con un portellone e due vetri non è così difficile e complicato ma al momento "distrae" sinergie per il personale impegnato in progetti più importanti. Inoltre deve anche rinnovare la GranCabrio e GranTurismo. ormai a fine vita. Spero che in futuro porti la produzione di un'ulteriore SUV JEEP in Italia che possa condividere la produzione con un ipotetico sostituto del Freemont.
  • Saranno tutti i giorni col pallottoliere:-)....meglio vendere 10-15,000 giulia in più grazie alla sw a prezzi di solo 2000 euro più alti delle berlina , reali anche meno, ....o meglio vendere un pò meno auto ma attirare in stelvio anche alcuni potenziali di giulia sw....con prezzi però di 6-8000 euro più alti di giulia berlina?...saranno almeno 3 anni che stanno facendo questi conti, insieme a quelli su quale pianale usare per le prossime segmento C:-)...scherzi a parte qualche scelte l'avranno fatta. Ma come...fiat secondo alcuni in Usa va benissimo le poche vendite di 500L erano programmate e il canadese che dice che resteranno solo come nicchia, a proposito ma a parte queste conferenze alla zelig:-)qualche novità FCA la porta a detroit? se si aprono i siti dodge-chrysler c'è una gamma con quasi solo my2016....
     Leggi risposte
  • aspettare. di vedere. come va. come non va. la giulia. la stelvio. il tempo passa. i soldi sono pochi....che immagine da peracottari: fare una station sembra una questione di vita o di morte per l'alfa. un investimento che potrebbe mandare a carte quarantotto i conti di fca. praticamente un'ammissione di fragilità estrema. o di tirchieria intima. o come sempre prende tutti per i fondelli, da pokerista incallito qual'è (tanto i vizi saltano fuori, e poi meglio giocare con le carte che con i rapimenti....). A me fanno ridere quelli che cercano di interpretare le sue parole e quelli che gli fanno domande. Secondo me spara cazzate a muzzo così come gli capita, tanto per vedere che succede. Magari a Cassino stanno già prteparando lunotti, chi lo sa.
     Leggi risposte
  • L'auto avrebbe una sua clientela, che inizierei col portare a casa prima d'intraprendere avventure "in anello aperto" con modelli completamente nuovi. Però Marchionne ha ormai una tradizione consolidata nelle dichiarazioni da pokerista, quindi secondo me è un bluff e la Sportwagon avrà il suo disco verde. Se poi mi sbagliassi e non si facesse, i consumatori in cerca di una wagon se ne faranno una ragione e si rivolgeranno altrove: di costruttori che trattano l'Europa da mercato strategico, grazie al cielo, ce ne sono ancora parecchi.
  • Vedo solo della grande miopia nel non voler produrre una Giulia Wagon sicuramente splendida e ogni giorno che perdono diventa un giorno regalato ai tedeschi....
  • spero in una giulia sportwagon perché, al di la dei numeri, la linea della giulia si adatta perfettamente a questo tipo di macchina. sarebbe bellissima, è un peccato non vederla in produzione. credo che potrebbe davvero sovvertire le analisi di mercato di marchionne.
  • Non ha detto che non si farà, nè che non si farà. Insomma, non si sa. Ricordo che pochi anni fà Marchionne affermò che investire su Alfa sarebbe stata una incognita e che non ci si poteva attendere di rivaleggiare con le tedesche. Evidentemente mentiva, avendo già in mente cosa fare col marchio. Oggi Giulia e Stelvio, e sono già in programma un suv di gamma superiore, uno più piccolo e la berlina di segmento superiore. Insomma, mi sa che qui si bara ancora...
  • Magneti Marelli. Secondo i giornali economici, la MM verrebbe tolta dalla FCA per entrare in Exor. Sarebbe solo spostata di scatola e non ceduta a terzi. Siccome è politica della Exor quella di trattare le varie partecipazioni come indipendenti, questo darebbe più valore a MM, vista dai concorrenti FCA non più come "Gruppo Fiat" ma come fornitore di tecnologia come gli altri. Inoltre, in Exor c'è nel consiglio un rappresentante della Samsung Electronics, quindi si può intuire con chi si alleerebbe.
  • Le station wagon non sono nel DNA dell'Alfa Romeo, piuttosto una Giulia GT, quella sì.
     Leggi risposte
  • L'importante è che facciano una C-CUV concorrente di GLA e X2, al diavolo la SW.
  • Le station wagon non sono nel DNA dell'Alfa Romeo, piuttosto una Giulia GT, quella sì.
     Leggi risposte
  • Marchionne spiega che "l'unico criterio è quello della profittabilità. Si può fare tutto, purché non ci si perda"... Oggi il titolo Ferrari vale più di quanto non fu quotato sia a New York che a Milano, con la differenza che FCA viaggia velocemente al suo valore pre spin-off. I fatti sono questi, le analisi sgangherate lasciatele fare ai ciaparat al di qua e al di là dell'Alpe...
  • l'indecisione sulla Sw mi preoccupa:dove pensano di rilanciare l'Alfa Romeo?se non la rendono "cool" in Europa non possono pensare di vendere altrove.
     Leggi risposte
  • 200c-dart sono ancor in produzione o vanno avanti un annetto, stile fremont, coi fondi di magazzino? Quali concorrenti sono uscite da quella fascia di mercato...suzuki:-)
     Leggi risposte
  • Va beh insomma andando per punti; . 1) niente Giulia SW, ergo del mercato europeo ci interessa il giusto, cioè molto poco, . 2) Dart e C200 non avranno un'erede, si risolve così il dubbio di dove spostarne la produzione, . 3) ritiene sbagliato a posteriori l'investimento per la Dart, ma (di certo volutamente) dimentica che è stata approntata in fretta e furia solo perchè serviva a far scattare la clausola contrattuale sull'acquisizione di Chrysler sulle famose 40 miglia per gallone, . 4) Se è davvero confermato, è molto positivo che FCA collabora attivamente con Google sulla automazione e non è soltanto un noleggiatore di veicoli come sembrava all'inizio dell'accordo, . 5) la situazione finanziaria del gruppo va bene secondo lui e gli obiettivi saranno centrati, dunque la famiglia proprietaria può sorridere e continuare ad incamerare denaro per alimentare la vita dissoluta e parassita dei suoi componenti, di contro "non ci sono grandi novità sugli stabilimenti italiani", ergo, la CIG continua massiccia e ancora a lungo in molti siti, . 6) Cederanno Magneti Marelli proprio alla vigilia della rivoluzione ibrida ed elettrica, non è strategica per il gruppo??? direi assolutamente falso. ma essendo uno dei "gioielli di famiglia" è strategica per incassare molto denaro contante che difficilmente ricaverebbero vendendo altri asset poco o nulla redditizi, . 7)La sua uscita di scena a fine del 2018 è assolutamente tardiva per sperare che il suo successore (probabilmente Altavilla) possa rilanciare la Lancia (gioco di parole), a quel tempo la Y sarà arrivata al capolinea e il marchio già scomparso, dunque anche volendo, rimetterlo sul mercato sarà un'impresa ardua al limite dell'impossibile, . 8) Saltata la trattativa con GM non ci sono altre alleanze all'orizzonte, eppure, se si cercano partner puramente tecnico/commerciali c'è chi si da da fare continuamente (vedasi Ghosn e l'impero che ha messo in piedi in pochi anni), dunque l'obiettivo al di la delle dichiarazioni ufficiali era un altro, forse la cessione a GM di tutta la baracca??? . 9) Trump ha scritto "Thank's Fiat" e non FCA, ha tralasciato la parte americana composta da Chrysler, sarà solo per superficiale ignoranza, o c'è sotto un sottile messaggio subliminale???
     Leggi risposte
  • Per la serie non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire!! I tedeschi sentitamente ringraziano.
  • Poi alla fine hanno riso tutti?
     Leggi risposte
  • FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19396/poster_d11e1091-badc-4887-b615-bd7ad416e48c.jpg Mercedes EQ-A Concept in 60 (in inglese) http://tv.quattroruote.it/news/video/mercedes-eq-a-concept-in-60-in-inglese- News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19400/poster_5bc718e4-8b86-4400-9590-58a22de2bedb.jpg Audi Elaine Concept: l'auto è sempre più intelligente http://tv.quattroruote.it/news/video/audi-elaine-concept-l-auto-sempre-pi-intelligente News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19405/poster_fd8b1cfb-e0ea-49d1-bcd4-59efc1729934.jpg Bugatti Chiron da record: 0-400 km/h in soli 42 secondi http://tv.quattroruote.it/news/video/bugatti-chiron-da-record-0-400-km-h-in-soli-42-secondi News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News

    UTILITÀ

    SERVIZI PER LA TUA AUTO

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui >
    Targa
    Cerca

    SCOPRI
    QUANTO PUOI RISPARMIARE

    Uilizza subito il servizio calcola assicurazione per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze
    In collaborazione con https://www.facile.it
    1. Inserisci i tuoi dati anagrafici
    2. Inserisci i dati del veicolo
    3. Inserisci i dati assicurativi
    4. Confronta i risultati

    Calcola il tuo tagliando

    ×
    Lorem ipsum dolor

    Cerca gli pneumatici più adatti a te

    Oltre 23.000 pneumatici a prezzi incredibili.
    In collaborazione con
    Dimensioni
    Larghezza
    • Larghezza
    Altezza
    • Altezza
    Diametro
    • Diametro
    Tipologia
    Cerca

    Cerca annunci usato

    Marca
    Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CITROEN
    • DACIA
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • HONDA
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MAHINDRA
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MAZZANTI
    • MCLAREN
    • MERCEDES
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PAGANI
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROLLS ROYCE
    • ROMEO FERRARIS
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TAZZARI EV
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Modello
    Seleziona
    • Seleziona
    Prezzo

    da a

    CAP

    PROVE SU STRADA QUATTRORUOTE

    Costo di una singola "prova su strada": 3,59 euro (IVA inclusa). Pagamento da effettuare con carta di credito.
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona