Industria e Finanza

Nevs
Cina, via libera alla produzione: si parte dalle 9-3 elettriche

Nevs
Cina, via libera alla produzione: si parte dalle 9-3 elettriche
Chiudi

Il governo cinese ha dato il via libera alla nuova fabbrica della National Electric Vehicle Sweden (Nevs), il costruttore che nel 2012 ha acquistato la Saab: l'azienda, svedese ma con capitali asiatici (anche statali), sta completando lo stabilimento di Tianjin, a sud-est di Pechino.

Si parte dalle 9-3. Lo stabilimento, in grado di produrre 200 mila vetture all’anno, dovrebbe muovere i primi passi entro la fine dell'anno. Il primo obiettivo della Nevs è la consegna di 150 mila 9-3 elettriche alla Panda New Energy, una società cinese di leasing specializzato in auto a batteria. Oltre al nuovo stabilimento, la Nevs può contare sulla storica fabbrica di Trollhättan (quartier generale e sede della Ricerca e Sviluppo) e su un altro sito cinese, a Longyan.

Addio Saab. I piani per il futuro riguardano lo sviluppo di altri veicoli elettrici per il mercato cinese, basati – almeno in teoria – sui “70 anni di storia della Saab”. Il marchio, in ogni caso, non tornerà in vita: nonostante l'acquisto degli asset della Casa svedese (Saab Automobile Powertrain AB, Saab Automobile Tools AB e la fabbrica Trollhättan, comprati dalla GM), la Nevs non è infatti riuscita a ottenere i diritti sul brand. Tecnicamente, le ultime Saab sono le 9-3 elettriche prodotte nel 2014, poco prima della bancarotta che ha stoppato l'utilizzo del marchio. D.C.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Nevs - Cina, via libera alla produzione: si parte dalle 9-3 elettriche

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it