Industria e Finanza

Intel e guida autonoma
L’acquisizione di Mobileye è quasi conclusa

Intel e guida autonoma
L’acquisizione di Mobileye è quasi conclusa
Chiudi

Intel ha annunciato la chiusura dell’offerta pubblica di acquisto per le azioni ordinarie in circolazione di Mobileye, l’azienda israeliana specializzata in sistemi di visione per la guida assistita e autonoma: l’operazione è un passaggio fondamentale dell’acquisizione avviata lo scorso marzo, quantificata in circa 15,3 miliardi di dollari.

Un gigante per l’assistenza alla guida. Con la chiusura dell’Opa, il colosso americano dei chip incamera l’84% delle azioni Mobileye: per i titoli rimanenti è prevista una seconda fase, con deadline al 21 agosto, in cui gli investitori della tech company israeliana potranno portare le proprie azioni in adesione all’offerta. Da tempo, Intel dedica numerose energie allo sviluppo della guida autonoma, anche con divisioni ad hoc (l’Automated Driving Group): in particolare, la multinazionale fornisce hardware, connettività e - soprattutto - piattaforme di autoapprendimento basate sulle reti neurali, in parole povere il “cervello” delle auto robotizzate. Mobileye, invece, si occupa degli “occhi”, ovvero dei chip e dei sistemi dedicati alla computer vision: un complemento ideale per il gigante di Santa Clara, convinto delle enormi potenzialità dell’auto hi-tech. Le previsioni, peraltro, parlano già di un giro d’affari di 70 miliardi di dollari entro il 2030.

Shashua ancora al vertice. In seguito all’acquisizione, l’Automated Driving Group e Mobileye uniranno le forze. L’azienda israeliana resterà a Gerusalemme e continuerà a essere guidata da Amnon Shashua, uno dei due fondatori: il top manager sarà al tempo stesso ceo e chief technology officer, mentre Ziv Aviram, l’altro cofondatore, lascerà l’azienda.   

2017-BMW-Serie7-autonoma-1

Il progetto iNext. Assieme a Continental e a Delphi, Intel e Mobileye collaborano con la BMW per sviluppare la iNext, l’ammiraglia elettrica che sarà prodotta a Dingolfing a partire dal 2021. La tecnologia è attualmente in fase di test, implementata su una quarantina di prototipi su base Serie 7: il primo esemplare è stato svelato a San Jose lo scorso maggio. Nel numero di giugno di Quattroruote abbiamo raccontato la nostra visita all'Advanced Vehicle Lab di Intel e il faccia a faccia con un’Audi SQ5 modificata dalla Delphi, dotata di un sistema di livello 4 della scala Sae. D.C.

COMMENTI