Mercato

Gruppo Fca
Torna l'utile nel primo trimestre. Boom dei ricavi col mini-euro

500x-melfi-fca

Il Gruppo Fca ha annunciato i risultati per il primo trimestre dell'anno in corso, evidenziando una forte inversione di tendenza rispetto al periodo corrispondente del 2014: il rosso di 173 milioni di dodici mesi fa si è trasformato in un utile netto da 92 milioni. Positivi anche l'andamento dei ricavi, cresciuti del 19% a 26,4 miliardi (ma l'incremento risulta del 4% a parità di cambi), e l'adjusted Ebit (+22%, a 800 milioni).

Confermati i target 2015. Male l'America Latina. Fiat Chrysler Automobiles, che conferma i target già annunciati per il 2015 (4,8-5 milioni di veicoli, ricavi di 108 miliardi, Ebit tra 4,1 e 4,5 e utile netto di 1-1,2 miliardi di euro), ha comunque accusato una leggera flessione delle consegne a livello globale, causata dal cattivo andamento del comparto latino-americano: le auto vendute nel primo trimestre sono state 1,1 milioni, il 2% in meno rispetto al Q1 2014.

Europa e Nordamerica in crescita. Per un risultato commerciale negativo, quello sudamericano appunto, vanno segnalati la conferma della regione nordamericana, ancora in crescita grazie alla spinta di Ram e Jeep (sono 60 i mesi consecutivi di segno più), e il buon andamento di quella europea, dove il Gruppo beneficia dei risultati della Renegade.

Debacle in Borsa. Per il secondo trimestre consecutivo, le attività europee del Gruppo hanno chiuso in utile: un andamento positivo condiviso con tutte le region operative (in Nordamerica l'utile è cresciuto del 58% a 601 milioni, cifra comunque lontana da Gm e Ford), eccezion fatta per l'America Latina, dove la flessione delle vendite ha pesato sui risultati finanziari: la perdita è risultata di 65 milioni di euro. Nonostante i risultati siano stati sostanzialmente in linea con le attese degli analisti, il titolo Fca ha registrato un andamento negativo in Borsa (-4,65% a 14,15 euro), chiudendo a Piazza Affari come maglia nera del listino (-2,28% il Ftse Mib). A pesare sulle azioni è stato il quadro di riferimento generale, con i dati sul Pil Usa che hanno depresso i mercati azionari anche in Europa e qualche piccolo segnale della trimestrale che ha consigliato agli investitori delle prese di profitto.

Confermati i target Ferrari. Nella conference call con gli analisti, il ceo Fca e presidente di Ferrari, Sergio Marchionne, ha detto che per il Cavallino è "confermato il volume della produzione registrato nel 2014". Malgrado il calo del 6% delle vendite accusato nel primo trimestre, Ferrari ha aumentato i ricavi e ha incrementato l'ebit rettificato a 100 milioni di euro, ha indicato Marchionne, ribadendo che la quotazione del 10% è prevista per il terzo trimestre di quest'anno, mentre lo spin-off della parte restante è in calendario per il primo trimestre del 2016.   

Fabio Sciarra

COMMENTI

  • Ecco i veri motivi che hanno portato al crollo delle azioni Fiat Chrysler http://www.italiasalva.it/2015/05/azioni-fiat-chrysler-trimestrale.html
  • "Debacle in borsa".. usiamo titoli da giornaletto scandalistico ora? da quando sono quotati non mi sembra un "debacle".
  • La butto lì: ma in Brasile non è che Fiat ha sempre venduto tipo di auto sulle quali non vuole più investite? O ha in progetto di sbancare con Maserati ed Alfa anche in Brasile?
     Leggi le risposte
  • E la macchina elettrica dove è? Il futuro non aspetta. Pensano veramente che la gente dopo aver provato per la prima volta una elettrica ha ancora voglia di comperare altro?
     Leggi le risposte