Mercato

Mercato italiano
Novembre: oltre 134 mila auto nuove

Mercato italiano
Novembre: oltre 134 mila auto nuove
Chiudi

Ancora un mese di forte progresso quello di novembre in Italia: il mercato delle auto nuove è cresciuto del 23,5% rispetto a un anno fa. Le 134.021 unità vendute lo scorso mese hanno portato il consuntivo da inizio 2015 verso un totale di 1.464.747 immatricolazioni, il 15,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2014.

2015 a 1.570.000 auto, ferme le previsioni per il 2016. Dati che generano un moderato ottimismo presso l'Unrae, e che portano l'associazione a prevedere una chiusura d'anno a quota 1.570.000 unità, diecimila in più rispetto alle proiezioni di ottobre. Resta invece confermato il target "realistico" di 1.640.000 vetture per il 2016.

Privati forti, rimbalza il noleggio (grazie al breve termine). Ancora una volta, la domanda dei clienti privati ha superato (seppur di poco) la media del mercato, attestandosi al +25,1% (+17,9% da inizio anno) per una quota del 65,1% (63,5% da inizio anno). Da segnalare anche il rimbalzo del noleggio (+35,7%), dovuto al salto in avanti del breve termine (+98,7%).

Alimentazioni: tradizionali ok, gas giù. Si conferma anche a novembre l'andamento positivo delle alimentazioni tradizionali, con il diesel che mette a segno un +28,6% e la benzina che progredisce del 42,8%. Resta forte la flessione della domanda per i modelli a Gpl (con il -20,8% di novembre che porta il bilancio da inizio anno in passivo, -0,8%), e soprattutto a metano (-31,8% a novembre, -11% da inizio anno). Se le ibride crescono ancora (+27,8%, a 2.449 unità), le elettriche non godono dello stesso sprint (-3,3% a 88 unità), pur rimanendo positive da inizio anno (+31,5%, 1.335 unità).

FCA oltre la media del mercato. Ok anche Alfa. Ancora una volta, come era stato nei mesi precedenti, il Gruppo FCA ha registrato una crescita superiore a quella del mercato, incamerando un +26% a novembre, e portando il progresso da inizio anno al +17,6% rispetto al 2014. Si distinguono ancora una volta gli incrementi di Jeep (+67,1%) e Fiat (+29,3%), ma va segnalato anche l'exploit di Alfa Romeo (+17,7%). Leggera flessione, invece, per Lancia (-1,8%), che però resta in territorio positivo da inizio anno (+0,5%).

Solo Toyota in flessione. Per quello che riguarda gli altri Gruppi, il panorama è indistintamente caratterizzato da progressi in doppia cifra: l'unica eccezione tra i big è rappresentata da Toyota. Il Costruttore giapponese è risultato in flessione a novembre (-2,1%), appesantito dal marchio principale (-4,4%), mentre la Lexus, che si attesta comunque su volumi di nicchia (404 unità a novembre) ha registrato un importante passo in avanti (+39,8%).

Nessuna battuta d'arresto per Volkswagen. Risultano ampiamente positivi a novembre, i numeri del Gruppo Volkswagen: i marchi che fanno capo a Wolfsburg hanno raggiunto complessivamente un incremento del 21,4% rispetto alle cifre dello stesso periodo dell'anno scorso. Tutti i brand, inoltre, hanno registrato incrementi a doppia cifra: l'Audi ha guadagnato il 13,2%, la Seat il 19,1%, la Skoda il 12% e la Volkswagen il 27,1%. Cifre in forte contrasto con quelle ottenute proprio da Wolfsburg negli Stati Uniti, dove la forte flessione è stata determinata dallo stop volontario alle vendite dei TDI.

I modelli in top ten. Per quello che riguarda la classifica dei modelli più venduti, restano davanti a tutti le Fiat Panda e Punto, con 9.906 e 5.145 unità rispettivamente, mentre si insedia al terzo posto la 500X (4.603 unità), superando la Lancia Ypsilon (4.276). Bene anche la Renault Clio, quinta con 3.855 unità, e la Ford Fiesta, settima assoluta a quota 2.548.

Fabio Sciarra

COMMENTI

  • Buongiorno dopo il DieselGate non compro un'auto de gruppo VW neanche con gli sconti. Ed io che apprezzavo VW e un golf del 2004 TDI 140 cv lo avevo guidato per 200.000km. Altro tema il silenzio de 4ruote dopo non essere stata capace o aver voluto scoprire que altarini. Da questa scoperta sono molti soggetti ad uscirne infangati. Vi ricordate come 4ruote lottava per tutto ció che era Sicurezza? Cinture, abs, alcol, asfalto, segnaletica. Ed il diesel NO!! Mazzocchi se ci sei batti in colpo.... Luca
  • Le auto immatricolate a novembre sono state vendute ad agosto o settembre? In ogni caso ben prima del dieselgate. Gli effetti dello scandalo li dovremo vedere da gennaio. A prescindere da vw secondo me da gennaio inizieremo a vedere l inizio del crollo dello strapotere diesel. Sbaglierò ma secondo me è così. Non sarà un crollo verticale ma un lento inesorabile declino.
  • Quello che conta è adesso non 50anni fa.
  • Direi tutte buone notizie. Evidente che la "esterofilia" degli italiani è una leggenda da sfatare, anzi quando propone buone auto FCA passa rapidamente all'incasso. Non capisco il drastico calo di GPL e metano (qualcuno ne conosce i motivi?), capisco invece il problema della mancata crescita dell'ibrido fermo all' 1,8%. Essendo praticamente monopolio Toyota, credo che più di qualcuno sarebbe interessato a questa alimentazione, ma l'orrore del design nipponico tiene lontani i più da questo marchio.
  • la vw in italia è andata bene ma negli stati uniti a venduto il 24 percento in meno del novembre 2014
  • dai dati è chiaro che nulla o quasi è cambiato nelle preferenze degli italiani. A parte l'ottimo risultato della 500X, quello che sorprende è la tenuta della galassia vw, incredibile, tutti pensavano ad un tonfo, dopo quintali di pagine e pubblicità negativa, ed invece che sorpresa nulla cambia. Ma quello che mi sorprende ancor di più è la scarsa coscienza ecologica degli italiani, incuranti che il diesel sia nocivo, pronti a comprare e ricomprare questa tipologia di motore, a mio avviso destinato all'estinzione. In sostanza il richiamo delle sirene della qualità tedesca tengono e in effetti è così bisogna ammetterlo, i primi della classe rimarranno sempre primi e gli ultimi sempre gli ultimi. E' da 50 anni che è così e lo sarà sempre.
     Leggi le risposte
  • Gli sconti delle case sono mai stati così buoni, gli interessi in banca sono sottozero ed i risparmi accumulati conviene bruciarli magari in un bel macchinone (così il vicino schiatta di invidia), la benzina costa niente ecco spiegato il bum, venuto dopo il patatrac.
  • ????? E allora quest'articolo? Come ve lo spiegate? http://www.repubblica.it/economia/2015/11/27/news/volkswagen_bonus-128295852/ Non so cosa pensare.... Si tratta forse di precauzione o forse in Europa la mentalità ecologica è più forte che in Italia... o forse la percezione dei clienti può essere stata diversa...
     Leggi le risposte
  • tre fiat prodotte in italia nelle prime tre posizione: mi sembra una buona notizia. poi che dopo il dieselgate la quota diesel sale al 57,2%, percentuale mai raggiunta negli ultimi due anni è incredibile. e l'unica casa grande che perde è Toyota, con la più ampia Gamma di ibride è anche un strano dato di fatto , anche se le sole ibride quadagnano. il diesel viene comunque premiato.
  • E poi dicono che c'è la crisi...
  • Ottima la scelta di fiat di cercare di vendere più panda diminuendo i prezzi, vendute più alte, aumento di produzione con conseguente meno ricorso all cig a pomigliano. Forse con le nuove norme sul lavoro non sono più così convenienti le cig? Finalmente bene 500x....ovvio che cali 500L ma normale sia così, anzi per la tipologia di auto che rappresenta vende ancora molto. VW-audi....mah secondo me in italia-eu non caleranno più di tanto nemmeno nei mesi prossimi quando ci saranno le consegne delle auto prenotate in pieno periodo dieselgate
  • forse ho dei problemi con la matematica, ma se in un mercato che aumenta del 23.5 % e Audi/Skoda/Seat vengono enfatizzate per "incremento a doppia cifra" con un 13.2/12/19.1 %, secondo la mia opinione hanno perso rispetto al mercato rispettivamente il 10.3/11.5/4.4 % la versione giusta dovrebbe essere che hanno limitato le perdite, però forse mi sbaglio io!! boh.
     Leggi le risposte
  • Alla faccia del Dieselgate la VW ha venduto il 50% di Golf diesel in più rispetto all'anno scorso.
     Leggi le risposte
  • Continua la crescita della 500X, a novembre sale addirittura in terza posizione assoluta, sotto la Punto e sopra la Y, in compenso la 500L scende al non posto.
     Leggi le risposte