Mercato

Norvegia
Elettriche e ibride conquistano il 42% del mercato

Norvegia
Elettriche e ibride conquistano il 42% del mercato
Chiudi

Un anno fa, la Norvegia ipotizzava di mettere al bando, a partire dal 2025, le automobili con motore a combustione interna. Una scelta paradossale per un Paese che, a oggi, rimane il più grande produttore di petrolio dell’Europa occidentale. A giudicare dai dati di mercato, però, un eventuale alt alle endotermiche potrebbe essere quasi superfluo, visto che quasi un’auto nuova su tre è un’elettrica pura (il 27% del totale). E il parco circolante riflette la tendenza: a giugno, infatti, le auto a batteria hanno raggiunto il 42% delle immatricolazioni, una quota destinata a crescere con l’arrivo di nuovi modelli.

I vantaggi. In Norvegia, le elettriche e le ibride plug-in sono spinte dagli incentivi e dalla tassazione agevolata: tra i vari benefit, uno dei più convincenti è l’esenzione dall’Iva, che nel Paese è pari al 25%. I clienti possono inoltre contare su una rete pubblica che, a oggi, conta ben 9.113 colonnine, 1.474 delle quali a ricarica rapida.

I modelli più venduti. A giugno, la Volkswagen e-Golf è risultata l’elettrica più venduta (874 immatricolazioni sulle 1.258 totalizzate dalla Golf). Seguono la Tesla Model X (609), la Renault Zoe (scalzata dal secondo posto con 428 consegne) e la BMW i3 (420). L’unica auto “tradizionale” nella top 5 è la Volkswagen Passat in versione ibrida GTE (393 esemplari), marcata stretta dalla Opel Ampera-e (389). Al settimo posto troviamo la Nissan Leaf (384 unità), davanti alla Mitsubishi Outlander PHEV: con 4.268 immatricolazioni, l’ibrida plug-in resta al vertice delle vendite norvegesi degli ultimi 12 mesi.

Pionieri a zero emissioni. Visti i grandi volumi di vendita, molti costruttori hanno puntato sulla Norvegia per lanciare le loro nuove Ev. Non appena la produzione sarà a regime, la Opel punta a conquistare una grossa fetta del mercato con l’Ampera-e, mentre l’Audi ha già aperto i pre-ordini della nuova Suv elettrica: la vettura, basata sulla e-tron quattro concept, non è stata ancora presentata.

COMMENTI

  • beh, ma se le auto ibride od elettriche praticamente le paga lo stato, ne venderebbero tante ovunque... paesi che vivono della vendita di petrolio e legname (agli altri...) non fanno testo. E comunque le ibride (a benzina) sono una bella realtà anche qui da noi: quando una cosa ha senso, si vende, perchè molti sono disposti a spendere (un po', mica il doppio) di più per avere una macchina che inquina meno.Ricordandoci che la corrente elettrica non nasce sugli alberi nè tantomeno la regalano ed in buona parte è prodotta bruciando petrolio ed annessi.
  • Al di là delle polemiche (inutili) questa è la strada. Nei prossimi dieci anni chi vive nelle grandi città ne vedrà delle belle. Mia figlia che vive a Milano doveva cambiar macchina e valutando divieti, inquinamento e menate varie dalla 500C è passata alla Yaris ibrida e il marito dal Mecedes classe B alla C-HR ibrida.
  • La Norvegia, paga gli incentivi con i soldi del petrolio che vende ad altri paesi. Io li chiamo truffatori ecologisti !
     Leggi le risposte
  • Mentre in Danimarca con la fine degli incentivi, le vendite crollano del 60% !!! Ovviamente sta succedendo lo stesso che con le centrali eoliche e fotovoltaiche. Dovevano essere un miracolo economico ma sono diventate un incubo finanziario .
  • Voglio trasferirmi in Norvegia.. siamo senza speranza qui da noi. 70% di Golf immatricolate sono elettriche!!!!!
  • Paese all'avanguardia. Uno tra quelli che vorrei visitare insieme a canada usa bahrein cina indonesia nord korea giappone thailandia australia kazakistan
     Leggi le risposte
  • Paese all'avanguardia. Uno tra quelli che vorrei visitare insieme a canada usa bahrein cina indonesia nord korea giappone thailandia australia kazakistan
  • Direi che la notizia è che nonostante una legislazione altamente punitiva, ben il 58% dei clienti hanno scelto vetture a combustione e oltretutto neanche ibride. Poi ovviamente stiamo parlando di una situazione del tutto anomala.
  • per 6 mesi all'anno vanno in letargo con gli orsi e per i restanti 6 si preparano al letargo successivo. contenti loro di tenere le auto attaccate alla presa, contenti tutti
  • Ecologisti grazie al petrolio...... tutti bravi a fare i gay col xxxx degli altri.
     Leggi le risposte