Mercato

Seat Leon Sportstourer
Nuovi motori per la station wagon

Seat Leon Sportstourer
Nuovi motori per la station wagon
Chiudi

La Seat ha aggiornato la gamma motori della Leon Sportstourer introducendo tre nuove motorizzazioni: la 1.5 TGI a metano da 130 CV, la 1.0 eTSI mild-hybrid a benzina da 110 CV e una versione del 2.0 TDI diesel da 115 CV. A questi si aggiunge anche l'ingresso a listino di un'inedita variante integrale.

440 km a metano. La Sportstourer a metano monta il 1.5 TGI da 130 CV già visto su altri modelli del gruppo Volkswagen, abbinato al cambio automatico Dsg a sette rapporti. Secondo il costruttore, i consumi sono compresi tra 6 e 6,7 m³/km, mentre le emissioni di CO2 nel ciclo Wltp sono comprese tra i 108 e i 120 g/km. La familiare è dotata di tre serbatoi per il metano che, complessivamente, hanno un volume netto di 17,3 kg e, a detta della Casa, consentono di percorrere a metano fino a 440 km, che diventano 600 sfruttando anche il serbatoio di benzina da nove litri. Grazie a questa configurazione, la vettura è omologata monovalente e ciò comporta alcuni benefici fiscali, che variano a seconda della Regione di residenza, oltre alla possibilità di accesso in zone a traffico limitato. La TGI è disponibile in abbinamento a tutti gli allestimenti presenti nella gamma e, grazie al contributo del marchio e agli incentivi statali, è offerta a partire da 22.250 euro.

Mild hybrid da 110 CV. La gamma di powertrain elettrificati, invece, si allarga con l’introduzione del 1.0 eTSI mild hybrid da 110 CV, abbinato al doppia frizione Dsg. In determinate condizioni, il sistema a 48 V permette alla vettura di procedere con il propulsore endotermico spento, mentre in fase di frenata recupera energia che viene poi utilizzata per supportare il motore a combustione durante le accelerazioni. I consumi e le emissioni di CO2 dichiarate si attestano tra 5,3 e 6,2 l/100 km e tra 120 e 141g/km rispettivamente. La nuova motorizzazione mild hybrid è disponibile per tutti gli allestimenti presenti a listino e, al netto degli sconti della Casa e degli incentivi, è offerta a partire da 20.700 euro.

Un nuovo diesel entry-level. Per quanto riguarda i propulsori diesel, il 2.0 TDI ora è disponibile in una nuova versione da 115 CV che, offerta in abbinamento a tutti gli allestimenti, dichiara emissioni di CO2 al di sotto del limite necessario per accedere agli ecoincentivi statali: sconti compresi, il prezzo parte da 20.900 euro. Il 2.0 TDI da 150 CV accoppiato al cambio automatico Dsg a sette marce, invece, ora è offerto anche con la trazione integrale 4Drive negli allestimenti Business, FR e Xcellence. In questo caso i prezzi partono da 26.600 euro.

COMMENTI