Mercato

Valore residuo
Pensare per tempo al futuro

Valore residuo
Pensare per tempo al futuro
Chiudi

Quanto vale un'auto a quattro anni dall'acquisto? Per rispondere alla domanda abbiamo consultato la divisione Analisi di mercato di Quattroruote Professional e messo in evidenza le prime classificate, con alimentazione ibrida, nei principali segmenti di mercato. 

Renault-Clio-1

Dalle compatte... Dalla nostra analisi sono assenti le citycar, perché, almeno per ora, quasi tutte le Case preferiscono adottare soltanto unità a benzina, riservando le versioni elettrificate ai segmenti superiori. Fanno eccezione le mild hybrid del gruppo Stellantis, cioè le Fiat Panda e 500, spinte dal tre cilindri 1.0 da 70 CV, abbinato a una batteria al litio da 11 Ah. Fra le compatte, è la Renault Clio a conquistare il gradino più alto del podio con le E-Tech (41,1%). La francese, una delle poche nella categoria a offrire una gamma completa, con motorizzazioni a benzina, Gpl e gasolio, precede di un soffio la Ford Fiesta (41%) e la Toyota Yaris (40,2%). Per quanto riguarda il segmento C, è la Mercedes Classe A a prevalere, con la 250 e Automatic plug-in hybrid (47,5%), davanti all'Audi A3, che dispone di versioni mild e alla spina (45,1%) e alla Volkswagen Golf (43,9%). Appena giù dal podio la Toyota Corolla (43,7%), la cui gamma è interamente full hybrid. Passando al segmento D, ecco un tris di premium con un'altra Mercedes in testa, la Classe C (43,6%), seguita dalla BMW Serie 3 (42,8%) e dalla Volvo V60 (40,2%). Come la media giap, anche la wagon di Göteborg presenta una gamma interamente ibrida. 

hyundai_tucson.jpeg

... alle D-Suv. Per quanto riguarda le Suv, invece, è la Mini Countryman a primeggiare nel segmento B, con le sue varianti alla spina Cooper S E All4 (46,5%), davanti alla Renault Captur (46,1%) e alla Jeep Renegade (45,1%). Fra le C-Suv, svetta la neonata quarta generazione della Hyundai Tucson (48,8%), la quale, fatta eccezione per le 1.6 CRDi a gasolio, offre una gamma interamente ibrida. Secondo posto per la Ford Kuga (47,2%), che precede la Peugeot 3008 (46,8%). La Volvo XC60 (46,1%), infine, guida il plotone delle D-Suv davanti all'Audi Q5 (45,4%) e alla BMW X3 (45,1%). Sfiora il podio la Toyota RAV4 (45,3%), anch'essa disponibile solo con varianti elettrificate. 

volkswagen_golf_ehybrid_72.jpeg

Alimentazioni a confronto: plug-in (quasi) senza rivali. Nell'ambito dei sei segmenti citati, abbiamo poi messo a confronto le alimentazioni tradizionali (benzina e diesel) di altrettanti modelli importanti con le rispettive versioni ibride (mild, full o plug-in), per scoprire quali si svalutano meno, sempre a quattro anni dall'acquisto. Nonostanate le varianti alla spina abbiano limiti oggettivi (sono convenienti soltanto se si affrontano percorsi quotidiani nei limiti della loro autonomia elettrica e si ha la possibilità di ricaricarle nel box di casa), nella stragrande maggioranza dei casi sono risultate quelle che tengono meglio il valore. Nel segmento C, in particolare, la Volkswagen Golf plug-in hybrid (44,4%) supera, sia pure di poco, la TDI a gasolio (44,2%). Gap più ampio, nel D, tra le plug-in BMW 320e e 330e (43,4%) e le loro alternative a benzina (41,1%) e mild a 48 volt a gasolio (42,7%). Ancora  più netto, passando alla B-Suv Renault Captur, il divario tra la plug-in (46%) e la TCe a benzina (42,8%), mentre la full hybrid E-Tech (45,9%) tiene il valore quasi quanto la ricaricabile. In casa Mercedes, tra le D-Suv, le GLC 300 de e 300 alla spina (44,2%) ottengono percentuali migliori rispetto alle mild a benzina (43,8%) e alle diesel (43,7%). Alla fine, la versione plug-in (45,5%) è "battuta" dalle mild, da 197 e 250 CV (46,1%), anche se non dalle benzina (44,8%), solo nel caso della C-Suv Volvo XC40. Chiudiamo con il segmento B e la Ford Fiesta, che non ha varianti ricaricabili: qui le mild 1.0 EcoBoost da 125 CV (41%) fanno meglio delle benzina da 75 e 100 CV (40,3%). 

COMMENTI

  • Alla fine, dopo 4 anni, la perdita di valore delle auto tradizionali è sostanzialmente allineata a quella delle auto ibride. Mi sarei aspettato invece un crollo dei diesel ed un'ottima performance delle elettrificate. Ormai è da 10 anni che si straparla di auto elettriche/elettrificate ma la "spallata" delle elettriche ancora non si vede. Quindi i giochi sono ancora aperti (almeno qui nel Belpaese...)