Mercato

Crisci (Unrae)

Fuori dalla crisi solo con la filiera a regime. Ma ci vorrà tempo

Per il presidente dell’Associazione delle Case estere, il mercato potrebbe tornare a 1,8-1,9 milioni di immatricolazioni già nel 2023. La transizione ecologica, afferma, “va spinta alla massima velocità”, perché altrimenti l’Italia rischia di restare indietro. E sugli incentivi chiede un orizzonte di tre-quattro anni

di Mario Rossi |

In questo articolo

  • C’è il rischio di una frattura tra Paesi che cavalcano la transizione, come la Francia, e Paesi che non lo faranno.
  • È vitale per l’Italia un piano strategico verso l’elettrico, un progetto per lo spostamento della mobilità verso la sostenibilità.
  • Oltre agli incentivi servono una fiscalità eccezionalmente favorevole sulle elettriche aziendali e un piano per le infrastrutture di ricarica.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser