Cronaca

Car Innovation 2016
Start up da finale

Car Innovation 2016
Start up da finale
Chiudi

Dalle auto connesse alle self-driving-car, dall’intrattenimento di bordo alla sicurezza informatica. A “Car Innovation 2016” sono state premiate le startup che sviluppano prodotti originali e modelli di business innovativi nel settore dell’automotive innovation. La competizione è stata lanciata da Euro engineering, società di consulenza del gruppo Adecco e da Digital Magics, business incubator quotato sul mercato AIM Italia (dedicato alle piccole e medie imprese) della Borsa Italiana.

L’evento. Oltre 30 i progetti partecipanti e 12 i finalisti selezionati, che hanno partecipato a una sessione di mentorship e tutoring per lo sviluppo dell’idea. In più, avranno la possibilità di presentare le loro innovazioni ad aziende di spicco del mercato automotive italiano e non solo, allo  spazio di co-working TAG Milano Calabiana. L’obiettivo della “call for ideas” è trovare i migliori progetti tricolore e portare una reale innovazione in uno dei settori che ha da sempre visto l’Italia all’avanguardia: infotainment, telematica, connected vehicle, cybersecurity, powertrain/propulsion system, stile, fuel efficiency/hybrid vehicle e autonomous vehicle le tematiche da esplorare.

Le più votate. A tutte le idee selezionate sarà data la possibilità di inviare la candidatura per aderire ai programmi IBM per le startup e ottenere crediti; potranno pure essere valutate da Innogest SGR per un eventuale investimento. Ecco quelle che hanno ricevuto più voti: Bermat (piattaforma software e hardware per la creazione di auto personalizzate); Brain One (telemetria smart per gli action sport) e MDPtech (che ha ideato iTec, sistema di controllo per mobile electronic dedicato a veicoli industriali, commerciali, macchine operatrici e agricole). “Abbiamo avuto non poche difficoltà per scegliere i dieci progetti finalisti perché il numero di buone idee era superiore; così ne abbiamo selezionate 12. Sono state preferite le più innovative, le più ‘hardware’ e pesanti, quelle legate all’elettronica ma anche alla meccanica, cercando di dare una fotografia il più completa e ampia possibile dello scenario car innovation in Italia”, sottolineano all’unisono Marco Guarna, Managing director di Euro engineering Italia ed Edmondo Sparano, Chief digital officer e consigliere di Digital Magics.

Altre finaliste. Per quanto riguarda gli altri finalisti, CarMe.io rappresenta una piattaforma di servizi software per fleet management, car pooling e car sharing; DriWe si occupa di mobilità elettrica; Easy Rain ha progettato un nuovo sistema di sicurezza in grado di eliminare l’acqua in eccesso tra pneumatici e manto stradale; Egoista Motors è una monoposto low cost targata (design tipo Formula 1) elettrica e/o ibrida, mentre Kiunsys ha sviluppato una serie di soluzioni innovative (hardware e software) per la smart mobility, lo smart parking e la city logistic (aiutano le città a rendere la mobilità più efficiente e sostenibile). La lista è lunga: Powerseed Commuter Board ha messo a punto un nuovo concetto di “veicolo” per il mix-commuting urbano: uno scooter elettrico a due ruote evoluzione degli attuali “hoverboard”, facilmente trasportabile, pratico, connesso e ricaricabile in auto; SHU è un sistema di supporto per la ricarica delle batterie dei mezzi di trasporto ibridi/elettrici (auto, bus, furgoni, tir, macchine agricole e navi) che utilizza turbine eoliche ad asse verticale; Spin8 fornisce un servizio chiavi in mano del sistema di ricarica aperto a tutti i modelli di veicoli elettrici e con una piattaforma per rendere il sistema accessibile a tutti (anche da smartphone); Unlimited Car Communication (UCC) ha sviluppato un’applicazione che legge ad alta voce i messaggi che arrivano sul cellulare, e-mail e social network, senza la necessità di guardare o toccare lo smartphone mentre si guida.  V.B.

COMMENTI