Multe

Su Quattroruote di marzo
A Roma gli incassi dei verbali giù del 78%

Su Quattroruote di marzo
A Roma gli incassi dei verbali giù del 78%
Chiudi

Milano si conferma, anche nel 2016, capitale italiana delle multe. In base alla consueta elaborazione realizzata da Quattroruote su dati del Sistema informativo degli enti pubblici e pubblicata sul numero di marzo (in edicola dal 25 febbraio), nel 2016 Palazzo Marino ha incassato dalle sanzioni amministrative più di 157 milioni di euro. Rispetto ai dati di un anno prima, però, c’è un calo sensibile, il 21,6%. E forse è proprio per questo motivo che la giunta guidata da Giuseppe Sala ha deciso un’altra infornata di autovelox fissi in città…

A Roma incassi giù del 78%. Ma la novità più clamorosa viene da Roma. All’ombra del Cupolone, infatti, gli incassi inseriti nel “cervellone” della pubblica amministrazione sono crollati del 78%, a 31,4 milioni, rispetto al 2015. Il risultato è che nel giro di appena un anno la Capitale è precipitata dal 1° al 5° posto nella classifica degli incassi registrati dai Comuni capoluogo di provincia. La spiegazione di questo tracollo? Delle due l’una: o i “pizzardoni” hanno smesso di fare le multe (e non è detto che ciò sia dovuto a un migliore comportamento alla guida dei romani) oppure qualche funzionario del Campidoglio si è “dimenticato” di inserire i dati nella banca dati. Più probabile questa seconda ipotesi, visto che nel secondo semestre risultano appena 1,2 milioni di euro…

A Milano 117 euro a testa. Tornando alla classifica, tra Milano e Roma si piazzano, nell’ordine, Torino (47,1 milioni), Firenze (34,6 milioni) e Bologna (34,4 milioni). Da notare che il capoluogo lombardo primeggia anche nella top ten pro capite. Prendendo a riferimento la popolazione residente nelle rispettive città l’1 gennaio 2016, i milanesi hanno versato nelle casse di Palazzo Marino, l’anno scorso, quasi 117 euro a testa. Seguono Padova (92,30), Parma (90,78), Firenze (90,30) e Bologna (89,08).

Mario Rossi

Il Comune di Roma, che nei giorni 14, 15 e 16 febbraio abbiamo contattato più volte con posta elettronica ordinaria e certificata e per telefono per avere conferma dei dati, senza avere avuto risposta, il 23 febbraio ha precisato quanto segue:

"I dati inseriti nel SIOPE sono provvisori in quanto relativi a regolarizzazioni contabili solo parziali. I dati definitivi dell’anno 2016, per cui sono in corso di completamento gli atti, si attesteranno sulla media dello scorso anno o in misura leggermente superiore, e saranno disponibili dopo l’approvazione del rendiconto (entro il mese di aprile 2017).

Inoltre, il Comando Generale della Polizia Locale di Roma Capitale ha precisato che nel 2016 il totale delle sanzioni effettuate dagli agenti è stato dello 0,37% superiore allo stesso periodo del 2015. Quindi, il Comando Generale conferma che l'attività sanzionatoria è stata caratterizzata da continui incrementi come peraltro accaduto nell'anno precedente".

COMMENTI

  • E se i cittadini fossero più prudenti ?
  • E se i cittadini fossero più prudenti ?
  • Sarebbe bello un vostro articolo a maggio(visto che fino a tale mese Roma latita)su dove e come vengono spesi questi introiti! Almeno sulle città più importanti d'Italia. Grazie.
  • Direi che Roma è nel caos amministrativo, ovvio sia tutto sballato... Comunque meglio premunirsi, con la guida autonoma tra qualche anno le multe, al massimo, arriveranno ai costruttori... ;)
  • Duri cosi' anche coi costruttori ? Mandate raccomandate A/R pure a FCA per avere conferma che le loro ECU spengono l'antinquinamento dopo 23 secondi ? magari... Comunque adesso c'è il weekend e capisco subito se riposate o vi tocca fare straordinarie per controllarmi. Ciao a tutti i leoni della redazione
     Leggi le risposte
  • Roma e nel caos più totale per le multe,come Milano,stiano attenti con i movimenti populisti,tanto il fascismo è alle porte già se ne avvertono i sintomi.
  • Diciamo che a Roma di vigili per le strade, specialmente in zone meno centrali se ne vedono pochini e che comunque di automobilisti che non rispettano stop, precedenze semafori rossi, con bambini allo stato brado nei posti posteriori, con cellulare all'orecchio, con auto che non si sa come abbiano passato una revisione, ne circolano impunemente molti, per non parlare di lavavetri agli incroci, ambulanti, zingari che circolano con probabili auto senza revisione, assicurazione, tassa di proprietà, gente che butta per strada di tutto e non solo dai finestrini delle auto, cani pericolosi senza guinzaglio e museruola, ecc.ecc....
     Leggi le risposte