ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Noleggio

Made in Italy
La Giulia Veloce diventa Grand Tour per Hertz

Made in Italy
La Giulia Veloce diventa Grand Tour per Hertz
Chiudi

In un momento difficile per le prenotazioni turistiche nel nostro paese, Hertz continua a rilanciare sul suo segmento premium lanciando la Giulia Grand Tour nella sua Selezione Italia in collaborazione con Garage Italia; “un segmento che conta per il 20% del mercato” ricorda Massimiliano Archiapatti, direttore generale e ad di Hertz Italia. Con ottimi margini. Dopo il grande successo della Spiaggina, quindi, il sodalizio di Hertz Italia con la società milanese voluta da Lapo Elkann, ha fatto nascere questa Giulia personalizzata sulla base della Diesel Veloce da 210 CV e trazione Q4 e realizzata in tre esemplari che, al momento, verranno posizionati a Roma, Firenze e Milano, all’interno della proposta Selezione Italia.

Selezione Italia fa scuola. L’idea tutta italiana della filiale del Belpaese della multinazionale statunitense ha fatto scuola, tanto che recentemente è stata lanciata la British Collection in Inghilterra, sulla base delle auto premium del gruppo Jaguar Land Rover, e la Kollektion 7 – Made in Germany con BMW, Mercedes-Benz e Porsche. “Ma stiamo pensando di sbarcare proprio con la Selezione Italia in altri paesi” dice Archiapatti, con Olanda e Stati Uniti in pole position. E proprio la Giulia Grand Tour nasce per esaltare in chiave assolutamente originale la bellezza e lo stile italiano, con una selleria realizzata da Alcantara di colore blu lapislazzulo, lo stesso del wrapping applicato sulla carrozzeria, con in più un affresco, quello della Sala Papalina del Castello Odescalchi di Bracciano, riprodotto sul tetto dell’auto.

Selezione Italia, ottimi margini. Anche nel remarketing. La proposta premium di Hertz, che vede il meglio dell’automotive italiana, dalle Maserati alle Alfa Romeo top, alle Abarth, aiutano i margini di Hertz, come per tutto l’autonoleggio, sotto pressione dall’offerta low cost (che la stessa multinazionale statunitense che cura con il brand Firefly). La Giulia Grand Tour costa per il noleggio giornaliero 200 euro, ma, seppur acquisita con una soluzione di Buy Back, apre però interessanti possibilità di remarketing, perché, come ha anche spiegato l’ad di Garage Italia, Enrico Vitali, le personalizzazioni delle auto, anche di piccole come la 500 Abarth, piacciono sempre di più.

COMMENTI

  • Almeno ne sbolognano qualcuna alla Hertz e svuotano i depositi