ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Noleggio

Immatricolazioni
Il lungo termine tenta il rimbalzo, il breve no

Immatricolazioni
Il lungo termine tenta il rimbalzo, il breve no
Chiudi

Continua a migliorare, pur rimanendo in territorio negativo, il livello delle nuove immatricolazioni per il noleggio a lungo termine rispetto ai mesi pre-pandemici del 2019 e del 2020: dopo il -14,21% di gennaio e il -16,43% di febbraio sugli stessi mesi del 2020, ecco il -4,91% di marzo, confrontato però da Dataforce sullo stesso mese del 2019, visto che lo scorso anno, in Italia, il mercato era bloccato a causa Covid-19. La società di analisi tedesca, specializzata nel mondo automotive, ha infatti comunicato che confronterà i numeri del mercato da marzo a maggio sui corrispondenti mesi del 2019, visto che una comparazione dei dati del 2021 con quelli relativi al periodo corrispondente del 2020 non sarebbe significativa.

I numeri. Il dato complessivo delle immatricolazioni di auto a noleggio a lungo termine nel primo trimestre 2021, confrontato con lo stesso periodo del 2019, indica una flessione del 2,1%, pari a poco più di 1.500 unità. Anche per il comparto del noleggio a lungo termine dei veicoli commerciali leggeri la situazione è negativa: le nuove targhe di marzo sono state 3.712, con una flessione dell’8,91% sullo stesso mese del 2019. Le stime di Dataforce prevedono, nel 2021, un mercato Nlt a quota 260 mila immatricolazioni per le auto, con una crescita rispetto al 2020 del 22,6%, ma ancora in calo di 8 punti percentuali rispetto al 2019. La previsione sui veicoli commerciali leggeri è negativa rispetto sia al 2020 (-7,8%) sia al 2019 (-16,8%). Sui risultati pesa il fatto che, a causa del lockdown, le percorrenze sono sensibilmente diminuite e, nel contempo, si sono allungati i contratti, soprattutto per le auto sopra i 160 g/km di emissioni di CO2 (calcolati secondo il vecchio ciclo Nedc).

Boom delle ibride. Arval ritorna ad essere la prima società di Nlt per immatricolazioni in Italia, grazie a 16.498 nuove targhe nel primo trimestre, di cui il 50% sono vetture ibride (tra le quali il 47% di tipo plug-in), registrando un +21,69% sul 2019. Al secondo posto c'è Leasys, che al contrario chiude il primo trimestre dell’anno a -21,37%, a quota 15.771 automobili - circa un terzo delle quali sono elettrificate, in gran parte però di tipo mild hybrid - che supera la concorrente francese di poche unità solo nel mese di marzo. Chiude il podio, consolidando la propria posizione, Volkswagen Financial Services con 8.303 nuove immatricolazioni nel primo trimestre, ovvero un +34,77% sul 2019. Segue LeasePlan, a -18,65%, e ALD Automotive, che crolla ancora, a -43,8%. Seguono società tutte reduci da ottime perfomance: Alphabet (+53,7%), Free2Move Lease (+164,14%), UnipolRental (+29,87%), Mercedes-Benz Charterway (+116,02%), Sifà (+102,91) ed EsMobility (+44,51%). Appena fuori dalla top ten, Toyota Fleet Mobility, ora Kinto, che due anni fa non esisteva, Program Autonelggio (+77,11) e Athlon (-92,18%).  

Discesa senza fine per il breve termine. Le immatricolazioni per il noleggio a breve termine continuano a soffrire per quanto riguarda le auto (-54,95% a marzo 2021 rispetto allo stesso mese del 2019), con un -63,87% nel trimestre che vede mancare oltre 40 mila targhe. Per i veicoli commerciali, invece, il dato è positivo, con un +6,21% a marzo e +21,92% nel trimestre, valori sempre parametrati sui dati del 2019. A marzo, la flessione degli operatori di dimensioni maggiori è simile alla media del comparto: l’unica compagnia in positivo è Europcar, con un +13,30% su marzo 2019, mentre nel trimestre guida la classifica Avis Budget group, seppur in calo. I player di medie dimensioni hanno contenuto le perdite a -27,87%. Mancano all’appello, poi, le immatricolazioni a uso noleggio delle Case e dei concessionari: rispetto allo stesso mese di due anni fa, le nuove immatricolazioni si sono contratte di oltre la metà. Nell'ambito dei veicoli commerciali leggeri, il mercato del noleggio a breve termine è molto frazionato, con i piccoli operatori che, messi assieme, raggiungono i volumi più importanti: nel settore, Locauto è il protagonista di questo primo trimestre 2021. Gli ultimi numeri elaborati da Dataforce spingono a nuove stime al ribasso, sia per il dato finale relativo al 2020 (-14,4%) sia nel confronto con il 2019 (-58%): si calcolano solo 75 mila nuove auto immatricolate per l'anno in corso. I veicoli commerciali leggeri si dovrebbero invece fermare a 9.500 immatricolazioni, registrando un -2,5% sul 2020 e un -18,9% sul 2019. 

COMMENTI