ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Noleggio

Immatricolazioni in Europa
Germania e Regno Unito, Paesi da flotte

Immatricolazioni in Europa
Germania e Regno Unito, Paesi da flotte
Chiudi

Dopo un +63% nei primi cinque mesi dell’anno, l’Italia registra ancora il trend migliore, tra i principali mercati europei, per le immatricolazioni di nuove auto anche alla chiusura del primo semestre 2021, con un +51,4%. Dati positivi, ma va tenuto conto che la variazione è sull’annus horribilis del 2020, e resta ancora sotto i numeri del 2019. A  comportarsi meglio sono le flotte aziendali, secondo quanto sottolineano i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei. Nel principale mercato continentale, ad esempio, ovvero la Germania, le auto aziendali hanno messo a segno quest’anno un +31,1%, tornando ai livelli pre-Covid. Con un'accelerazione per le auto alla spina (full electric e plug-in), che rappresentano ormai il 31,1% del mercato corporate, contro il 36% del diesel. Motorizzazione, questa, in declino anche nelle flotte del Regno Unito, dove le auto a gasolio a lungo termine sono calate del 21,7% nella prima metà del 2021, a 93.087 unità, meno del dato combinato di auto elettriche (73.893) e plug-in (58.207). In ogni caso, in UK le flotte hanno visto immatricolazioni aumentate del 47,8% nel 2021, rispetto allo stesso periodo del 2020, ovvero 481.258 mezzi pari al 52,9% di tutte le nuove immatricolazioni di auto, appena sopra le 900 mila unità (909.973 per la precisione).

Il mercato italiano. Con 549.301 immatricolazioni, gli incentivi, seppure scarsi, hanno spinto i privati a tornare a contare per quasi il 62% del mercato, con un più 1,75% nel primo semestre 2021 sullo stesso periodo del 2020. Bene anche il noleggio a lungo termine, con oltre 151 mila immatricolazioni, a più 57,33% anno su anno e un market share che supera il 17%. Il mondo del corporate occupa così oltre il 38% del mercato - ma era oltre il 40% lo scorso anno - a causa soprattutto delle flessioni del noleggio a breve, delle auto immatricolazioni di Case e concessionari e della continua diminuzione delle flotte di proprietà o acquisite in leasing.

COMMENTI