ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Noleggio

Nuova mobilità
Arriva anche in Italia il servizio di abbonamento Sixt+

Nuova mobilità
Arriva anche in Italia il servizio di abbonamento Sixt+
Chiudi

Come anticipato quasi un anno fa, Sixt rilancia la sua trasformazione da mero noleggiatore e breve termine a mobility provider a tutto tondo, presentando anche in Italia Sixt+, il sistema di abbonamento auto "all inclusive" completamente flessibile, già attivo in mercati più maturi, quali la Germania, la Francia o il Regno Unito. "La trasformazione è partita già dal 2018, quando abbiamo spinto sul passaggio dal fisico al digitale", afferma Angelo Ghigliano, Vice president & managing director di Sixt Rent a Car Italia. "Con Sixt+ facciamo un deciso passo verso il nuovo trend di utilizzo anziché dell’acquisto delle auto, proponendo un abbonamento a 199 euro grazie al quale accedere a un’offerta di diverse categorie di auto a partire da 499 euro al mese, tutto compreso. Ogni mese, inoltre, si può rinunciare al contratto, senza penali, nel massimo della flessibilità". Sixt+ può essere prenotato e gestito via app o via web, con pochi passaggi, completando così i servizi di mobilità della piattaforma Sixt One: ovvero Sixt rent, Sixt ride o Sixt share, per il momento operativo solo in Germania. Questo servizio di abbonamento, al momento solo per il mondo dei privati e dei liberi professionisti, si applica su tutto il parco auto di Sixt ed è possibile sottoscriverlo anche in modalità 100% digitale, dove è possibile aumentare o diminuire il chilometraggio necessario e aggiungere o rimuovere un conducente supplementare o decidere di aumentare la copertura assicurativa fino alla Kasko completa in totale autonomia. 

Piani di sviluppo. Oltre a Sixt+, Ghigliano snocciola le tappe della crescita del brand tedesco in Italia: "Fino al 2017 l’Italia era uno degli oltre 105 paesi dove Sixt è presente con contratti di franchising. Ma quell’anno abbiamo aperto una sede diretta, come in altri 9 paesi europei più gli Stati Uniti, mercato questo dove siamo cresciuti tantissimo anche durante la pandemia. In questi anni abbiamo aperto 44 punti di noleggio in italia (divisi in 23 aeroporti, 11 stazioni e 11 in centro città, ndr). E nel 2022 abbiamo in programma di aprire altre 15 stazioni, soprattutto nei centro-città”. Dove Sixt propone un parco auto soprattutto premium: il 70% dei veicoli lo è già, "soprattutto di marchi tedeschi, ma anche, ad esempio, Maserati", ricorda Ghigliano, sottolineando come questo sia "uno dei nostri atout, insieme al fatto di essere nelle migliori location aeroportuali e in città e di curare maniacalmente il nostro servizio". 

COMMENTI