Alfa Romeo Giulia Vista da vicino: aerodinamica, carbonio, cambio manuale

×
 

Quello che è andato in scena stasera ad Arese è stato il primo atto della nuova Alfa Romeo. La Giulia lancia uno “statement” forte, con la trazione posteriore che torna realtà di grande serie, e la promessa di proiettare le vendite del marchio verso orizzonti mai raggiunti: “Con nessun altro brand sarebbe possibile passare da 70 a 400mila unità in tre anni” sostiene Marchionne: “Solo l’Alfa ci può riuscire”.

La Giulia bianca. Lasciando a un secondo momento le considerazioni e gli approfondimenti, ci possiamo concedere ora una carrellata tra le foto della vettura, appena scattate al Museo: oltre all’esemplare in rosso entrato in scena sulle note di “Vincerò”, intonate da Andrea Bocelli, ne è stato esposto un secondo in livrea bianca.

Prese e sfoghi. Così vestita, la Giulia lascia vedere tutta l’aggressività dei suoi stilemi: spicca in particolare la cura per l’aerodinamica e il raffreddamento, con sottili feritoie supplementari che incorniciano gli elementi orizzontali del trilobo. Da notare anche gli sfoghi d’aria sul cofano, e quelli sul passaruota, che danno origine allo “scavo” che percorre la fiancata, all’altezza delle maniglie.

Posteriore e sottoscocca (completamente carenato). Ulteriore dettaglio su cui concentrare l’attenzione: i piccoli “lip” verticali nella zona posteriore del laterale, all’altezza dei gruppi ottici, che servono a “staccare” il flusso d’aria dalla carrozzeria e “pulirlo”, evitando indesiderate turbolenze in coda. Grande anche la cura riservata al sottoscocca: gli scatti dell'estrattore ci permettono di osservare un fondo vettura completamente carenato, oltre che virtualmente piatto.

Le appendici in Cfrp. Numerose anche le caratteristiche appendici in fibra di carbonio a vista, materiale che caratterizza il piccolo profilo spoiler posteriore, sottolinea le minigonne e torna nel vistoso splitter anteriore, che "sigilla" il fondo della vettura in un tutt'uno con il diffusore (in cui sono alloggiati i quattro terminali di scarico).

Ricordi di Maserati e cambio manuale. Questa nuova Alfa Romeo, che omaggia palesemente le Maserati GranTurismo e GranCabrio nella fanaleria posteriore, è ricca di dettagli da scoprire anche negli interni: il volante ha un design completamente nuovo, così come l'intera plancia. Sul tunnel, oltre al controller girevole per il sistema d'infotainment - molto simile nella filosofia al comando delle rivali tedesche - e a quello dell'Alfa Dna, spicca la leva di un cambio manuale a sei marce: la Giulia Quadrifoglio sarà certamente offerta anche in questa versione.

Sedili a guscio e avviamento al volante. A sottolineare la vocazione sportiva, gli interni abbondano di fibra di carbonio a vista, impiegata per le finiture di numerosi dettagli (notevole il pomello del cambio), e soprattutto per il guscio dei sedili, che appaiono particolarmente sottili in questi primi scatti. Oltre al nuovo logo, sul volante spicca anche il comando d'accensione: una bella trovata, da vera supercar (e infatti lo adotta tutta la produzione Ferrari più recente).

Una targa inequivocabile. Gli esemplari esposti ad Arese sono dotati di impianto frenante carboceramico - verosimilmente un'opzione a richiesta - con pinze a sei pistoncini davanti e quattro dietro. Il caliper del freno a mano, come si vede dalle nostre immagini, è separato da quello principale. La chicca vera, però, è un'altra: la targa della vettura bianca - AR 105 IT - è una chiara sottolineatura da parte dell'Alfa Romeo dell'italianità del progetto. E un regalo di compleanno - il 105°, appunto - a un marchio che per troppo tempo ha lavorato al di sotto delle sue potenzialità.

Fabio Sciarra

P. S.

Mi spiace ma l'Alfa Romeo non è questa roba, l'auto presentata non è altro che una mera mossa di marketing, un Frankenstein con telaio Maserati, motore Ferrari e di proprietà di una casa comandata dalla FCA (stessa "azienda" che sta facendo morire una leggenda come la Lancia). Di Alfa Romeo non ha proprio niente, detto da un'ammiratore dell'Alfa.

COMMENTI

  • Mi spiace ma l'Alfa Romeo non è questa roba, l'auto presentata non è altro che una mera mossa di marketing, un Frankenstein con telaio Maserati, motore Ferrari e di proprietà di una casa comandata dalla FCA (stessa "azienda" che sta facendo morire una leggenda come la Lancia). Di Alfa Romeo non ha proprio niente, detto da un'ammiratore dell'Alfa.
     Leggi risposte
  • Basta che palle, su cambiate un po' notizia dalla testata che ormai questa è stantia, tanto qualcosa di più sotto gli occhi e fra le mani ne avremo solo, forse, fra un anno
  • Alfa is back. Dopo un'attesa lunga e spasmodica, eccola qui. Leggendo i commenti su questo post, però, non è stato espresso un parere unanime guardando le sue foto. C'è chi è rimasto deluso dalla linea, che è sì sportiva e sanguigna ma non originale quanto, ad esempio, fu quella della 156-capolavoro. E ne mette in dubbio la qualità, che deve confrontarsi con i numeri di vendita delle tedesche, che, ahinoi, se divorano il mercato premium in Europa e nel mondo, qualche punto ai concorrenti lo daranno. E c'è chi ne è rimasto innamorato subito, inorgoglito dello sforzo di Marchionne per ritornare ai fasti dell'Alfa pre-Fiat. Vediamo. L'auto non sarà originalissima, ma tutte le sue doti deve ancora dimostrarle col tempo. Vedremo se darà dei punti a BMW per il piacere di guida (e ce la può benissimo fare, con la Ferrari alle spalle). Vedremo se le finiture non sono più da Fiat (che in passato non ha brillato neanche per i suoi marchi premium). Vedremo se l'assistenza soddisferà i clienti (e quella Fiat non è tanto diversa dalla concorrenza). Personalmente avrei osato di più sulla linea, ma evidentemente il profilo basso scelto era più sicuro per un ritorno a breve sulle vendite. Buona fortuna. Speriamo di ritornare ad essere uno dei Paesi del mondo che produce di più e con maggior qualità, (terzo o quarto produttore mondiale) visto che nel 2013 siamo sprofondati al 21°posto del ranking OICA con circa 600.000 unità/anno, superati da Paesi con una notoria tradizione automobilistica come il Messico, la Thailandia, l'Iran, la Slovacchia, l'Indonesia, la Turchia, l'Argentina.
  • "Vista da vicino: aerodinamica, carbonio, cambio manuale" Cambio manuale? C'è ancora qualcuno che lo usa? Su una sportiva, poi? Forse qualcuno in Italia si ostina ancora, ma al posto loro, io non mi sarei mai sognato di metterlo sulla Quadrifoglio nemmeno come opzione, figuriamoci sulla vettura della presentazione ufficiale.
     Leggi risposte
  • "Vista da vicino: aerodinamica, carbonio, cambio manuale" Cambio manuale? C'è ancora qualcuno che lo usa? Su una sportiva, poi? Forse qualcuno in Italia si ostina ancora, ma al posto loro, io non mi sarei mai sognato di metterlo sulla Quadrifoglio nemmeno come opzione, figuriamoci sulla vettura della presentazione ufficiale.
  • Aggiungo il mio commento per vedere se dipende dal n. dei commenti il permanere di questo articolo da 1 mese in prima pagina. Facciamo l'esperimento.
  • io non trovo questa somiglianza con la XE che per me e' proprio una macchina insipida. aspetto di vederla dal vivo per poi guidare veramente. per il momento mi piace
  • Passata la sensazione a caldo e alla luce di informazioni aggiuntive e commenti della stampa i cui operatori sono gli unici che abbiano qualche dato a noi non percepibile attraverso le loro foto, confermo i miei giudizi. Bella, considerato che, quella vista, rappresenterebbe il top di gamma, è anche discreta non è invadente, credo che non sia ancora un modello di transizione rispetto a quelle,la gamma intera, che vedremo al salone in cui verrà presentata. Qualcuno sa se in quella occasione sarà presentata la versione soupè e spyder, Grazie!
  • Magari quando inizieranno a vendere questa capiranno pure che devono togliere il maledetto superbollo.
  • L' auto è bella, trasmette emozioni anche a distanza e tutto ciò alla faccia dei soliti detrattori e livorosi criticoni di sempre che tutti ben conosciamo. Auguri, quindi, all'ALFAROMEO GIULIA e a chi vi lavora, spero tanto che quest'auto sia in grado di ripristinare l'antico feeling che aveva con i suoi clienti, molti dei quali costretti ad acquistare le scialbe auto tedesche dalle ben note linee scontate e banali.
  • La prima alfa che comprerei dopo l'Alfetta.
  • Bella, aria grintosa, ovviamente i fari non sono più tondi, la tecnologia cambia e quindi le linee si adattano, e si adattano molto bene. Quei fari stretti danno alla linea maggiore grinta. Il muso con lo scudo Alfa Romeo classico con le ellissi laterali, da sempre caratteristica Alfa. Poi i fianchi con gli sfoghi d'aria vicino ai pasturato danno un0impressione corniola d'altri tempi. Il posteriore ricorda vagamente,ma qui è difficile non assomigliare a qualcun altra, alla Bmw, però la Bew non ha gli spolverini che danno un'aria di vecchia Giulia, con il posteriore che rientrava. Insomma è bella e finalmente c'è il tanto agognato ritorno alla trazione posteriore. Una vera Alfa Romeo sta tornando in vita, o meglio, in vendita. Mi manca di vedere gli interni, spero siano adatti all'epoca di oggi.
  • Spero che le versioni a benzina nn consumino tanto .. Oppure facciano una a gpl da 180/250 cv..! La 156 mi è piaciuto tanto cn il volante in radica ! La asta ho una 1.6 turbo 180 cv sw a gpl.. La Giulia a trazione posteriore è bellissima .. soldi permettendo preferisco la Giulia
  • E' bella da impazzire, la coda, in discesa e corta mi ricorda insieme il "mille e nove" e l'ultma spyder di Pinin. Se il prezzo del top di questo modello si attesterà sugli 80 testoni bassi, farà sfracelli veramente in tutti e cinque i continenti anche in antartico vorranno sta bestia. Rimane l'incognita della qualità se realizzerà i numeri. Se questo A.D. otterrà ciò che a suo tempo fu impedito all' ing. Ghidella. Raggiunto i numeri, Innalzare il livello della qualità verso l'eccellenza.
  • Spero che sia all'altezza anche nell'infotainment
  • Permettetemi una riflessione: davvero pensate che chi avrà la fortuna di guidare un auto di tale fattura con queste meccaniche, pensi alle cretinate sulle somiglianze??? io credo che in testa gli frulli un unico pensiero: chi se ne fotte a cosa somiglia, sto guidando un bolide da 510CV che ruggisce da far pigliare paura più accellero e più va come una dannata e reattiva da togliere il fiato, quasi me la faccio sotto dall'emozione (del resto è stata proggettata proprio per questo fine). Le somiglianze, le riflessioni, i calcoli non sono nel DNA degli Alfisti e tantomeno degli Italiani, sono le EMOZIONI che provi mentre guidi che fanno la differenza tutto il resto è NOIA.
  • il solito scassone che diventerà "l'auto blu" per antonomasia. del resto trovare originalità e personalità su una berlina non è affatto facile.
     Leggi risposte
  • Mi aspettavo un'auto anche bella e di una certa classe. Non mi sembra. Il davanti sproporzionato e "plasticoso". Nel complesso l'auto mi sembra "paccioccosa" non saprei come definirla in altro modo. In sostanza, per me brutta. Speriamo nelle prestazioni. Gli interni si vedono poco, sembrano discreti anche se architettonicamente non "fusi". Insomma io non la comprerei perchè con quello che costerà si può pretendere di più, secondo me, come corpo vettura. Le prestazioni le vedrete voi. Poi un consiglio. Parlate troppo bene di tutto. Non sono sicuro che diciate quello che veramente pensate, forse quello che dovete. Scusate la sincerità. Posso sbagliare, ma questa è la mia impressione.
     Leggi risposte
  • Mi aspettavo un'auto anche bella e di una certa classe. Non mi sembra. Il davanti sproporzionato e "plasticoso". Nel complesso l'auto mi sembra "paccioccosa" non saprei come definirla in altro modo. In sostanza, per me brutta. Speriamo nelle prestazioni. Gli interni si vedono poco, sembrano discreti anche se architettonicamente non "fusi". Insomma io non la comprerei perchè con quello che costerà si può pretendere di più, secondo me, come corpo vettura. Le prestazioni le vedrete voi. Poi un consiglio. Parlate troppo bene di tutto. Non sono sicuro che diciate quello che veramente pensate, forse quello che dovete. Scusate la sincerità. Posso sbagliare, ma questa è la mia impressione.
  • Mi fapiacere vedere che i commenti non sono appiattiti sull'osanna a qualunque cosa si chiami ALFA. Tutto ciò che ha di buono di telaio e di estetica è un copia/incolla di BMW serie 3 e 4gc. Il resto è eccesso, ignoranza e malagrazia. Uniche eccezioni: nel male, la coda da Infiniti; e nel bene l'anteriore a quadrilateri (se funziona e se serve: col 50% del peso al posteriore potrebbe essere superfluo, Porsche e BMW docunt). Brutta non è, i modelli sono bellissime auto, ma certo non le supera, anzi! La meccanica di questa versione "unobtanium" non merita commenti, ovviamente, non è un problema tirare fuori cavalli a piacere se costo ed affidabilità non sono un problema. Semmai fa pensare la necessità di questa "sparata" fuori target. Spero che le versioni "da padre di famiglia", quelle che dovranno effettivamente competere con chi negli ultimi decenni ha brillantemente occupato il posto dell'ALFA Romeo, siano meno cafone; ma dubito che sia possibile cancellare quel ridicolo ghigno da cartoon inferocito dal frontale. Complimenti ai designer ed a chi l'ha deliberata. Ma un buon analista, no, eh?
  • Ennesima (dopo Quattroporte e Ghibli) occasione sprecata. Per battere i tedeschi bisogna farli sognare e questa nuova Giulia, per quanto ben fatta, non fa sognare. Il muso e' un vorrei ma non posso, il terzo volume, almeno in foto, sembra sgraziato. Perché abbandonare i gruppi ottici tondi? Anche il design degli interni, seppur bello, non e' andato oltre. Detto questo sicuramente la comprerò pero' non posso nascondere che ero in attesa di qualcosa di straordinario. PS: ma perché Marchionne non affida Alfa e Maserati a Felisa e i suoi uomini????
  • Ennesima (dopo Quattroporte e Ghibli) occasione sprecata. Per battere i tedeschi bisogna farli sognare e questa nuova Giulia, per quanto ben fatta, non fa sognare. Il muso e' un vorrei ma non posso, il terzo volume, almeno in foto, sembra sgraziato. Perché abbandonare i gruppi ottici tondi? Anche il design degli interni, seppur bello, non e' andato oltre. Detto questo sicuramente la comprerò pero' non posso nascondere che ero in attesa di qualcosa di straordinario. PS: ma perché Marchionne non affida Alfa e Maserati a Felisa e i suoi uomini????
  • ritornano le alfa che trasmettevano passione,divertimento di guida e rispetto di questo storico marchio...le critiche sterili su linea o non mi piace, sono il meglio che avete voi cruccofili...dai potete fare di meglio anmche se con questa macchina cosa potete dire...
  • Mai stato un estimatore ne dell'Alfa ne di Marchionne. Ma devo ammettere che stavolta sono rimasto stupefatto. Non li credevo capaci di una proposta così ardita e convincente allo stesso tempo. Questa Giulia ha tutte le carte in regola per rivaleggiare con le tedesche e anche qualcosa in più in termini di apeal, visto il suo patrimonio genetico. Quindi giusto aprire le danze con la QV da 500 cavalli. Bravi. Ma si ricordino che il fatturato si fa con auto più basic, quindi dovranno essere altrettanto convincenti anche con le versioni d'attacco per rivaleggiare con i bavaresi. Speriamo non sia un fuoco di paglia.
  • 400.000 in tre anni...ahahahah!
  • Io sono abituato ad acquistare le riviste del settore ed in effetti noto come le auto tedesche siano sempre fedeli a se stesse. Negli ultimi anni l'alfa ( che sembrava destinata a diventare una audi rimarchiata), come è successo alla povera lamborghini ( con cui a distanza di dieci anni i crucchi perdono ancora gran soldoni), in realtà è un prodotto totalmente nuovo. Certo la 8c come la 4c , e le varie one shot viste nelle case dei ricchi sono altra cosa. questa volta penso che anche i germanofili si potranno ricredere, ammesso che si possano permettere la giulia senza l'imitatore da 327 km/h. Uno schiaffone in faccia alle solite tedesche viste, riviste ma che piacciono a quelli che nella vita scopano sempre allo stesso modo, che comprano solo macchine diesel, che tifano per la francia ai mondiali e che comprano le macchine a rate. La giulia sarà un successo mondiale a partire dalle vendite in germania dove l'alfa è considerata una supercar. spero che sia così visto che la nostra povera italia sta sprofondando e dare lavoro ai connazionali non sarebbe male, come d'altronde fanno tutti gli altri che sono molto nazionalisti.
  • C'è più somiglianza tra Giulia e BMW Serie 3 che tra Aygo, C1 e 108!
  • Sinceramente dall'aspettative che c'erano su quest'auto, sono un po' deluso. C'era un rendering che girava su varie riviste con fari tondi posteriori un terzo volume meno netto e lungo muso con frontale piu marcato veramente Alfa, un linea vagamente Aston martin nelle proporzioni che mi faceva ben sperare. Quest'auto non è brutta anche se l'attacco secondo e terzo volume è un po' forzato, la trovo poco coraggiosa, una volta eravamo maestri nel design, ora stiamo un po' copiando in tutte le direzioni,e trovo che ci siano un miscuglio di cose già viste su altre auto. Insomma da rivedere, soprattutto dal vivo, magari chissà....
  • Sinceramente dall'aspettative che c'erano su quest'auto, sono un po' deluso. C'era un rendering che girava su varie riviste con fari tondi posteriori un terzo volume meno netto e lungo muso con frontale piu marcato veramente Alfa, un linea vagamente Aston martin nelle proporzioni che mi faceva ben sperare. Quest'auto non è brutta anche se l'attacco secondo e terzo volume è un po' forzato, la trovo poco coraggiosa, una volta eravamo maestri nel design, ora stiamo un po' copiando in tutte le direzioni,e trovo che ci siano un miscuglio di cose già viste su altre auto. Insomma da rivedere, soprattutto dal vivo, magari chissà....
  • Prima di dare giudizi sulla qualità o su come andrà,bisognerebbe fare una prova su strada e vedere dopo decine di migliaia di km sulla ns strade disastrate,se ci saranno scricchiolii o cose del genere.Per le prestazioni anche se percorresse un giro di pista più alto di 1" rispetto a marchi premium tedeschi,per me non cambierebbe il giudizio perché sono prestazioni ottenute al limite che mai si potrebbero raggiungere su strada. Per la linea,può piacere a seconda dei gusti di ognuno(hanno venduto negli anni '80 vagonate di Volvo 740 che sembrava fatta con l'accetta e aveva il nome della dichiarazione dei redditi di quei tempi..) ma oggi,con le prove nella galleria del vento per ottimizzare il cx,evitare fruscii aereodinamici.rispettare le norme EuroNCAP,protezione investimento pedoni ecc,portano ad avere una linea similare come le F1 di oggi che se fossero dipinte tutte di nero senza sponsor,faremmo fatica a riconoscerle.Non c'è più quella libertà progettuale che c'era quando uscì la Giulia nel 1962 che la riconoscevi a distanza di centinaia di metri e sarebbe improponibile disegnare una auto come la Citroen AMI 6 con il montante posteriore rovesciato.Oggi,se vedi una BMW o AUDI dallo specchietto retrovisore a 200 mt,non sai che modello è.Se per Marchionne questo sarà il modello della "svolta"anche per far percepire un aumento della qualità,dovrebbe da subito portare la garanzia dai due anni di minimo di legge ai tre anni come le giapponesi per non parlare dei cinque o sette anni delle coreane.Se avrà successo,lo dirà il mercato perché il detto "il cliente ha sempre ragione" è sempre valido.
  • Ma solo a me sembra una 156 versione tuning tamarro?
  • in passato ho avuto due Alfa Romeo e questa mi piace davvero poco per un giudizio definitivo aspetto la versione normale, queste appendici della quadrifoglio sono inguardabili
  • Mi sembra un pò "tozza", comunque molto si giocherà sull'affidabilità.
  • Bella ma me la aspettavo più originale. A parte il frontale con gli elementi tipici Alfa, la trovo un po' troppo classica, un mix tra BMW Serie 3 e Audi A4. E' molto tondeggiante, io me la aspettavo con qualche spigolo in più. Non ha richiami vintage, come potevano essere dei fari posteriori tondi. I fari posteriori non sono nemmeno "artistici" come quelli della Giulietta. Anche la targhetta Giulia è in stampatello invece che in corsivo. Ha uno stile che mi ha spiazzato. Magari questa nuova Giulia diventa un classico. Comunque una berlina con 510 cavalli... com'è che si dice adesso... è tanta roba.
  • se dovessi scegliere di comprare una di quella categoria...sicuramente opterei per la Ghibli...è decisamente più bella e di una classe superiore...insomma non credo che questa Giulia possa far incrementare le vendite dell'Alfa dai 70.000 attuali alle 400.000 previste da Marchionne!
     Leggi risposte
  • ci vedo bene Insigne sopra (il giocatore del Napoli)!
  • Alcuni spunti richiamano la Dodge Charger, auto davvero bella
  • caro Stefano, a differenza di quello che tu pensi ( o meglio, presumi di pensare), io non sono "anti-fiat", sono anti-banalità: nessuno ha detto che le altre case non hanno prese d'aria (sai leggere? l'ho mai scritto?).. ho semplicemente affermato che mi sembra una banale tamarrata. Concordo che i fari audi/skoda o simil-maserati piacciono a tanti.. ma non è una buona ragione per copiarli. Altrimenti la clientela sceglierà sempre l'originale. (l'alfa 159 ad esempio era moooooolto più originale)
  • Decidetevi! Per uno il posteriore è quello della Infiniti, per un altro è uguale a quello della BMW, per un altro ancora è copiato pari pari dalla Audi, un altro ancora dice che è il clone della Ghibli. Allora, per proprietà transitiva, vuol dire che le auto sono tutte uguali.
  • Decidetevi! Per uno il posteriore è quello della Infiniti, per un altro è uguale a quello della BMW, per un altro ancora è copiato pari pari dalla Audi, un altro ancora dice che è il clone della Ghibli. Allora, per proprietà transitiva, vuol dire che le auto sono tutte uguali.
  • Tutto sto tempo, ritardi, aspettative per cosa? una berlina che un palese mix tra bmw e audi! Poi è fantastico vedere gli alfisti che denigrano audi in continuazione sbavare dietro a questa alfa che tanto la ricorda. Siete fantistici, anche i commmenti in stile "vendo subito la mia bmw per questa". Tecnicamente niente da dire sembrerebbe molto valida, almeno sulla carta, ma come design è la classica berlina da spacciatore dell'est, che magari la ridipinge arancione. Poi sono curioso di vedere l'entry level...
  • Personalissimo parere: Sotto pelle sembra che finalmente sia tutto al posto giusto (complimenti management fiat per aver capito dopo più di 25 anni cos'è un'Alfa) e sia tutto di qualità. Vista da fuori è un po' ...bruttina. Esteticamente la trovo anonima, con un posteriore che è pari pari a quello di una Infiniti e una cura dei dettagli direi approssimativa (vedi maniglie porta, grafica del nome sul posteriore ...etc). SI poteva fare assai meglio. Avrei anche consigliato a quei cervelloni del marketing di giocare meglio con i nomi ...quale migliore occasione per rispolverare anche le tre letterine GTA??
  • Beh vista così non è che mi faccia impazzire. Attendo di vederla dal vivo e magari in una edizione più normal look che no così tamarrata. Certo il BMW Style non mi esalta molto ma è chiaro che non sarà certo né l'Italia né l'Europa il suo mercato ma più logicamente USA e quindi va da se che la linea deve essere quella. Personalmente avrei gradito fari più cattivi e meno strabici e quelle unghiate sotto i fanalini posteriori l'avrei lasciati alla Ghibli così come per i fanalini posteriori la Giulietta ha il più bel c..o della C e mi sarei ispirato a quello ma forse volutamente è stata trascurato qualsiasi riferimento all'attuale produzione della Casa al di fuori della 4C attualmente esportata in America. Attendiamola dal vivo e poi, prezzi alla mano, valuteremo ma non so quanto Marpionne sarà interessato dal giudizio italiano. All'estero che dicono?
  • Ma quale Giulia!! questa è l'erede tamarrata della 147, un mattone malamente arrotondato. E' il frutto del traghettamento della FCA oltre oceano. La povera Giulia si è trovata in mezzo al guado e ne ha pagato le conseguenze. Io non so chi ha disegnato questa cosa, una accozzaglia di stilemi Alfa assemblati senza capo nè coda. Lo scudetto così e così, la bocca esagerata cerca di mascherare il muso quadrato con risultato peggio della Mito, la scalfatura rettilinea del fianco non ha slancio. Sarà anche colpa della fissa degli Americani per il lavoro in team, ognuno ci ha messo del suo. Puttanate, per disegnare un'auto ci vuole una mano sola che detti la linea, prova ne siano i bozzetti già citati in questo forum, la rossa e la bianca; http://www.toplisttips.com/wp-content/uploads/2014/12/2014-Alfa-Romeo-Giulia-Pics.jpg http://www.diseno-art.com/news_content/wp-content/uploads/2014/08/Alfa-Romeo-Giulia-Concept.jpg Secondo me attualmente l'unico erede ed interprete dello stile Italiano…è un Belga; è Louis de Fabribeckers, il designer della carrozzeria Touring Milano. Le sue auto sono stupende, la Giulia avrebbe dovuto disegnarla lui.
  • io odio le macchine tedesche perchè anche se hanno 500 o 1000cv sono sempre autolimitati a 250/km/h invece questa alfa romeo 300km /h puo arrivare e così deve fare!
  • mi sembra aver letto che i primi progetti (quelli italiani) sono stati bocciati, di fatti, questa machina e stata disegnata per gli americani, qu'on questo frontale troppo esagerato senza una minima delicatezza, ne rafinatezza estetica.Tutta potenza comme piace oltre oceano. E un auto nata per la mondializzazione, troppo "passepartout", manca di carattere e non dimostra italianità , come sanno fare da tempo i tedeschi con loro prodotti molti recercati nel mondo. E tutto da sperare nella meccanica, se no addio Alfa romeo
  • a parte l'estetica degustibus.....quest'auto ha una gran sostanza. solo pochi giorni fa nell'articolo della nuova serie7 si parlava di auto provenienti da altri pianeti...addirittura con parti in carbonio e alluminio..... per carità vero ma si parlava di una berlina di superlusso; qui parliamo di una segmento D con ingredienti del tutto analoghi se non superiori..... Quest'auto, ovviamente sarà da provare e testare, almeno sulla carta alza l'asticella di parecchi livelli sopra la concorrenza....e fa sembrare un po piu ridicoli tutti quegli orpelli tipo lucette interni o schermi piu o meno grandi che ci spacciano come tecnologia lunare....
  • date un'occhiata qui, non ci siamo già visti? https://www.youtube.com/watch?v=psZ9hmL5hrg
  • BELLA
  • Una vettura equilibrata e sportiva, senza nessuna particolarità e guizzo nello stile. Ricorda altre vetture, può essere giusta, sicuramente rispetto ai molti studi circolanti molto più banale ed abbottonata. Lontanissima dalla 159, questa può essere scambiata con altre imho.
  • Potrebbe sembrare anche una 156 Tuning, elaborata da qualche ragazzino eccentrico... Delusione grande, spero la versione definitiva sia all'altezza!
  • Non mi piace molto, almeno in questa versione sportiva, fa un po' troppo est europa... Sicuramente meglio della bmw serie 3 attuale...
  • Mi piace moltissimo in questa veste ultra sportiva. Aspetto di vedere le versioni normali. Quanto mi piacerebbe vederla l'anno prossimo nel campionato DTM col nuovo regolamento con motori 2.0T, farebbe vedere i sorci verdi alle tedesche in casa loro come la mitica 155 V6 TI.
  • Devo dire che alla fine Mor_x_bond aveva ragione nelle sue anticipazioni, il design è decisamente poco caratterizzante, se non si guarda lo scudetto anteriore è difficile classificarla come Alfa Romeo, ci vedo anch'io, come già scritto da altri, diversi richiami alla serie 3. Comunque, fermo restando che andrà vista dal vivo, dalle foto non mi sembra un cattivo risultato, tenuto conto che questa è la versione estrema e che quelle più "normali" saranno certamente meno "cariche". Nei mercati a cui è destinata (America e Asia) ha tutte le carte in regola per ben figurare, nella vecchia Europa invece, se verrà confermato che non ci sarà la versione Station Wagon inevitabilmente i numeri saranno ridotti, e questo indipendentemente dal design bello o brutto che sia dal momento che ormai le segmento D vendono soprattutto nella variante giardinetta. E il nome??? Mi sembra un caso analogo a quello della Panda 2, i "geni" del marketing avevano deciso si dovesse chiamare Gingo, poi le note vicende li costrinsero a chiamarla Panda, mai episodio fu più fortunato per Fiat, speriamo ora che questa Giulia (che lo stesso canadese aveva smentito si sarebbe chiamata così) ne ripercorra le gesta, lo speriamo per Cassino e per l'italia tutta.......
  • Linea azzeccata e gli interni sembrano "Alfa" in chiave moderna e tecnologica. Molto bella, darà del filo da torcere a Bmw e Audi! Non sarà originalissima, ma per vendere non è detto che debba essere per forza così.. Speriamo di vedere presto la "normale" e la station.