Nuovi Modelli

Mercedes AMG
Ecco le nuove roadster GT e GT C

Mercedes AMG
Ecco le nuove roadster GT e GT C
Chiudi

Al Salone di Parigi (1-16 ottobre) la Mercedes presenterà due varianti roadster realizzate in collaborazione con la Casa di Affalterbach: si tratta delle AMG GT e AMG GT C, con quest'ultima che introduce un allestimento completamente inedito nella gamma.

Classica capote di tela. Fin dall'inizio il telaio di alluminio della GT è stato studiato per dar vita anche alla variante roadster. La carrozzeria è contraddistinta dalla classica capote di tela a movimento elettrico (azionabile fino a 50 km/h), dalle dimensioni particolarmente contenute, mentre è inedito il portellone, che va a congiungersi con i gruppi ottici a sviluppo orizzontale, analoghi a quelli della Coupé. La capote potrà essere ordinata nelle tinte nero, beige e rosso, da abbinare a undici colorazioni esterne e a dieci varianti per i rivestimenti interni.

476 e 557 CV. La Mercedes-AMG GT Roadster adotta il medesimo V8 biturbo di 4.0 litri da 476 CV e 630 Nm di coppia già offerto sulla Coupé, mentre la GT C Roadster propone un'inedita variante della stessa unità capace di erogare 557 CV e 680 Nm. Ambedue i modelli offrono come unica opzione il cambio automatico AMG Speedshift Dct a sette marce, ma differiscono in maniera sostanziale per prestazioni e dotazioni di carattere tecnico. Secondo la Casa, la GT, dotata di differenziale autobloccante meccanico e cerchi da 19", raggiunge i 302 km/h e impiega quattro secondi netti per toccare i 100 km/h con partenza da fermo, con un consumo medio di 9,4 l/100 km ed emissioni di 219 g/km di CO2, mentre la GT C Roadster tocca i 316 km/h, impiega 3,7 secondi nello 0-100 e consuma 11,4 l/100 km con emissioni di CO2 pari a 259 g/km.

Ispirata alla GT R. A livello estetico e tecnico, la GT C Roadster s'ispira alla più estrema AMG GT R, proposta solo con carrozzeria coupé. È dotata del differenziale a controllo elettronico dell'asse posteriore sterzante e delle sospensioni AMG Ride Control, dei passaruota allargati di 57 mm e dei paraurti sportivi. L'assetto prevede cerchi da 19" anteriori e 20" posteriori, oltre all'impianto frenante con dischi anteriori da 390 mm, mentre il cambio automatico offre una diversa spaziatura della prima e della settima marcia, un rapporto finale più corto e una specifica modalità di funzionamento Race. La dotazione di serie include anche la batteria al litio alleggerita, gli interni di pelle Nappa, il volante sportivo AMG Performance e l'impianto di scarico sportivo con valvole parzializzatrici, il cui funzionamento è gestito in abbinamento ai settaggi dell'AMG Drive Select. A fronte di 81 CV extra rispetto alla GT, la GT C dichiara un peso a secco maggiore di 65 kg, per un totale di 1.660 kg.

Debutta il cofano posteriore in compositi. Entrambe le varianti della Roadster sono dotate dell'Active Air Management, con prese d'aria comandate elettricamente nel paraurti anteriore, che gestiscono i flussi d'aria per il raffreddamento in base alle condizioni di guida, ottimizzando di volta in volta l'aerodinamica, i consumi e il funzionamento della meccanica. Alla sola GT C Roadster sono invece riservati alcuni speciali componenti di alluminio e magnesio che permettono di ridurre il peso sull'asse anteriore e bilanciare al meglio le masse. Per risparmiare peso su entrambe le versioni, infine, il portellone è stato realizzato utilizzando una speciale costruzione che sfrutta la fibra di carbonio, messa a punto dalla fabbrica Mercedes-Benz TEC di Sindelfingen e portata al debutto assoluto su un modello di serie per l'occasione. L.Cor.

COMMENTI

  • adoro questa quanto odio la coupe, che davvero sembra troppo scimmiottare la 911 dietro. adesso voglio proprio vedere chi sono quei clienti mercedes che entrando in concessionaria diranno "no, voglio quella" puntando il dito verso una SL.
  • Che figata!!! X me non han sbagliato proprio nulla con sta meraviglia di macchina!
  • A me questa GT piace davvero tanto...
  • Mostruosamente belle !!!
  • Le Spider mi fanno schifo proprio come i ragni da cui hanno preso il nome,mi danno sempre l'impressione che la tela che ,ripara i passeggeri faccia acqua e una sensazione che non riesco ha torgliermi,queste spider non sono ne carne nè pesce,sono loro le prime vere ibride,ma il vento nei capelli che narcisismo folle,ne vale proprio la pena,ma come diceva quel tale,i gusti sono gusti:con due mattoni in mano.......
  • Darei un 10 se non fosse per il fatto che.....16 anni dopo resuscitano la Z8 (BMW) con la stella sul cofano, evidenti somiglianze pure all'interno.