Tecnologia

OnStar Go
L'assistente personale diventa più intelligente grazie a IBM

OnStar Go
L'assistente personale diventa più intelligente grazie a IBM
Chiudi

OnStar si evolve e diventa OnStar Go grazie al "matrimonio" con Watson, il software di intelligenza artificiale sviluppato dalla IBM: a partire dall'anno prossimo, il sistema di connettività implementato sulle vetture della General Motors e della Opel diventerà una piattaforma ancora più smart, pronta a fornire contenuti ancora più personalizzati e ad assistere meglio la clientela con nuove funzioni.

La benzina si paga dall'infotainment. OnStar Go sarà in grado di imparare i gusti e le abitudini dei proprietari (previo consenso), ricordando appuntamenti e impegni, studiando i migliori percorsi per arrivarci. Non mancheranno contenuti multimediali tagliati su misura (stazioni radio e notiziari, scelti in base alla localizzazione e alle preferenze personali). Il nuovo sistema, inoltre, abiliterà alcune funzioni avanzate come il pagamento digitale del carburante nei distributori convenzionati: grazie all'associazione con Masterpass, un servizio di portafoglio virtuale realizzato in collaborazione con Mastercard, i proprietari potranno completare l'operazione con un tocco sullo schermo dell'infotainment. Il costruttore ipotizza anche delle offerte commerciali studiate ad hoc, ma non è ancora chiaro se e come verranno implementate.

Debutto nel 2017. OnStar Go con Watson verrà rilasciato negli Usa entro la fine del 2017: GM calcola che le vetture compatibili saranno circa 2 milioni, tutte dotate di connessione 4G LTE. Già oggi, OnStar offre diversi servizi di assistenza e di connettività: la lista comprende la risposta automatica in caso di emergenza, il soccorso stradale, la manutenzione preventiva, l'app per controllare le funzioni in remoto e l'help desk in caso di furto del veicolo, geolocalizzato grazie al collegamento internet.   

Redazione online

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

OnStar Go - L'assistente personale diventa più intelligente grazie a IBM

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it