New Stratos Confermata la produzione, la sportiva debutterà a Ginevra

Mirco Magni Mirco Magni
New Stratos
Confermata la produzione, la sportiva debutterà a Ginevra
Chiudi
 

Sono trascorsi quasi otto anni da quando Michael Stoschek riportò in vita il mito della Lancia Stratos creando una sportiva con meccanica Ferrari e look ispirato alla dominatrice dei rally degli anni 70: proprio alla fine del 2010 guidammo la Nuova Stratos sul circuito francese di Le Castellet. Durante il prossimo Salone di Ginevra l'interessante progetto dell'imprenditore tedesco prenderà finalmente vita: la Manifattura Automobili Torino, infatti, ha appena annunciato di aver ottenuto la licenza per produrre una serie limitata di 25 esemplari della New Stratos.

2018-Lancia-Stratos--2

Leggera e con 550 CV. Il prototipo si basava sulla meccanica della Ferrari 430 Scuderia: il telaio, realizzato in estrusi di alluminio, aveva un passo più corto di 20 cm rispetto alla sportiva del Cavallino, così da riprendere le proporzioni della Stratos originale. Dietro all'abitacolo era presente lo stesso V8 4.3 litri della Scuderia modificato e portato a 540 CV di potenza (contro i 510 del modello originale). La versione che sarà presentata a Ginevra sarà ancora più potente e raggiungerà quota 550 CV e 519 Nm: il 4.308 cc della versione di produzione si abbinerà a un cambio sequenziale a sei rapporti che permetterà alla sportiva di scattare da 0 a 100 km/h in 3,3 secondi, raggiungendo i 200 km/h in 9,7 secondi e toccando una velocità massima che, a seconda della versione, spazierà tra i 274 e i 330 km/h. L'impianto frenante, con dischi carboceramici da 398x36 mm all'anteriore e da 350x34 mm al posteriore, rispettivamente abbinati a pinze a sei e quattro pistoncini, permetterà alla sportiva con carrozzeria di fibra di carbonio di fermarsi dai 100 km/h in soli 2,2 secondi. Confermate anche altre caratteristiche come l'attenzione alla leggerezza costruttiva (la New Stratos peserà solo 1.247 kg a secco) che permetterà di raggiungere un rapporto peso potenza di 2,3 kg/cv e la possibilità di trasportare, all'interno di appositi vani creati nelle portiere, due caschi, sottolineando l'impostazione sportiva di questa due posti.

2018-New-Stratos-12

Anche GT e Safari. I 25 clienti che acquisteranno una New Stratos avranno la possibilità di personalizzare svariati particolari della propria auto, potendo scegliere tra diversi optional e allestimenti specifici. La piattaforma di base consentirà anche di sviluppare una versione GT e una variante Safari ispirata al modello originale utilizzato per le corse su terra. Durante il Salone di Ginevra saranno esposte le diverse varianti della New Stratos e, proprio in occasione della kermesse svizzera, verranno rivelati anche i prezzi e le tempistiche per le consegne.

guidosolo italiano

bellissima, ma senza quella carica emotiva che seppe dare all'originale quell'autentico artista dell'automotive che è marcello gandini. doveroso e statuario tributo che pininfarina (se non ricordo male questa new è sua) dà al suo storico concorrente. già, l'originale: per me la più seducente auto sportiva di sempre, estrema e mai disposta a scendere a compromessi. anche questo è essere lancia

Giacomo Cacciavillani

Ma perché nn la vende la Lancia invece di farla morire??E soprattutto come hanno fatto a perdere la concessione sul nome e marchio Stratos??Come se un imprenditore tedesco tra 10 anni si comprasse i diritti sul nome Testarossa.

RUGGERO ACQUE

Tutti affermano che Marchionne è solo uno speculatore. In Ferrari sta investendo parecchio, nel resto del gruppo no. La Ferrari oggi, forse a qualcuno è passato inosservato, non ha rivali. Porsche, con l'avvento dei SUV diesel da <100k euro ha perso appeal (911 scomparse, al contrario di Macan che vende a gonfie vele); Lamborghini non è riuscita a rinnovare un concetto di auto che non è altro che l'evoluzione della Countach di 40 anni fa. Aston Martin sta tentando un timido rilancio. Poi il nulla. Quando cacciò Montezemolo, lo fece asserendo che non si può far aspettare un cliente coi soldi in mano più di un anno prima della consegna...e lasciare fuori dai cancelli maree di papabili clienti pronti a comprare. Ferrari oggi può permettersi di aumentare sensibilmente i numeri senza inflazionare il blasone: ecco il motivo del continuo impegno nell'evoluzione del prodotto. Al contrario, il settore flotte aziendali, quella fetta di mercato che significa numeri ma soprattutto margini, è in mano alla triade. Con la truffa del valore residuo, questi non si schiodano più dallo scranno. Tutti stanno applaudendo la nuova Volvo, che grazie ai soldi cinesi ha rinnovato l'intera gamma in 3 anni, raggiungendo una qualità mai raggiunta prima (che pure erano macchine pregevoli), ma sotto al sedere dei rappresentanti ci sono sempre MB, BMW e Audi. Figuriamoci che futuro avrebbe avuto Lancia...

stefano bausola

sulla Stratos in particolare direi che una produzione limitata a 25 esemplari nulla abbia a che fare con "rilancio" del marchio, sul fatto che abbiano avallato il progetto non saprei, io credo che non abbiano avallato un bel nulla e che le meccaniche ferrari il crucco le pagherà ben care sempre che le forniscano per davvero; per il sig, Pentimalli che l'avvocato amasse il suo paese è sicuramente vero, cosa c'entri con la produzione di auto non lo capisco, visto che di fatto aveva venduto agli americani di GM anzichè investire sul prodotto (come hanno fatto invece i tedeschi da cui forse dobbiamo imparare qualcosa non solo a livello ingegneristico ma anche di marketing)

stefano bausola

per il Sig. Ruggero: quanta verità!!! aggiungo che Marchionne avendo ben poche risorse da investire le ha giustamente investite dove aveva maggiori possibilità di ritorno (Jeep e Maserati-Alfa); sul valore del marchio occorrerebbe che i cosiddetti lancisti si chiedano come mai VW abbia più volte fatto offerte (a mezzo stampa) per Alfa e non per Lancia...

RUGGERO ACQUE

@Stefano Damico: "assoluta incapacità del successivo management Fiat di gestire un patrimonio di tale inestimabile valore". Io 'sto valore di Lancia non l'ho mai visto. I Pesenti regalarono la Lancia agli Agnelli pur di disfarsene, lo stesso fece la Bianchi con l'Autobianchi e idem per Alfa Romeo, che al momento del passaggio a Fiat, produceva auto tremendamente obsolete (la tanto osannata 75 non era altro che una Giulietta ricarrozzata). Non mi sembra che Agnelli abbia strappato suddetti marchi a suon di miliardi (all'epoca c'erano ancora le Lire) a fantomatiti possibili altri acquirenti, solo per il gusto di mandarli a picco. Io mi chiederei, se Lancia non l'avesse comprata Agnelli, quanti anni fa sarebbe stata chiusa?? Ricordo che marchi gloriosi come Rover e Saab hanno abbassato le serrande già da un po', mentre un'azienda da sempre innovatrice quale Volvo, è stata regalata ai Cinesi (comprata a 6, venduta a 3), pur di disfarsene. Ma agli amministratori delegati da bar certe ottiche non entrano in testa. Lancia è ricordata fuori dai nostri confini solo per le vittorie della Delta, punto. Però vedo che pure Subaru (cioè Toyota) ha trasformato la sua mitica Impreza nell'antitesi di quello che fu (provando ad aumentarne almeno un po' le misere vendite). In passato ho sentito parlare che FCA sarebbe interessata a creare una linea di prodotti Lancia dal numero limitato (e prezzo alto): si parlava di Delta HF (su piattaforma Giorgio) da 100k euro, mossa dalle alte quotazioni dei modelli ancora circolanti. Può essere che abbia avallato questo progetto tedesco per sondarne la fattibilità. Anche se poi, i puristi di turno, se questo accadesse, contesterebbero all'attuale management che dovevano produrre una Delta ultra tecnologica a 25k euro (e cmq poi si comprerebbero Audi, perché vale di più quando la rivendi)...vai avanti tu che mi vien da ridere

Stefano Damico

Idea interessante la Stratos. C'è voluto un tedesco per realizzarla. Come sappiamo invece la Lancia ha fatto una brutta fine, con il colpo di grazia finale dato da Marchionne. Dopo la eccellente gestione Ghidella che diede alla luce auto incredibili per l'industria automobilistica italiana, come la Thema 8.32, il glorioso marchio è andato a picco. Questo soprattutto per l'assoluta incapacità del successivo management Fiat di gestire un patrimonio di tale inestimabile valore. Delta Integrale, Lancia Thema e anche le gloriose Lancia Fulvia, Lancia Gamma Coupè, e molti altri modelli di tutto il secolo scorso, sono ormai solo un pallido ricordo di un'Italia che fu, e che non sarà mai più. Strano poi che Marchionne ci venga a raccontare che Lancia è conosciuta solo in Italia e che è invendibile all'estero, dopo anni di vittorie nei rally della Lancia Delta. Chi non è capace di fare auto non può neanche venderle. Questa è la verità.

Massimo Bernieri

Credo che l'unico "contatto" con la vera Stratos,è solo il nome.Personalmente se avessi soldi da spendere per una auto "supercar",non avrei dubbi su una Ferrari.Quanto alla Lancia,credo non ci sia spazio per una berlina superiore come la BMW serie 5,Merceden classe 5 e Audi A6.L'ultima Lancia di successo:la Thema (non quella americana) è del 1984 e chi ha meno di 30 anni forse non se la ricorda neanche.Oramai solo una berlina non si vende:occorrono le varianti integrali,station,suv crossover di cui i tedeschi sono maestri.Ci hanno impiegato 40 anni una montagna di soldi per farsi una immagine:cosa che FCA non ha.

Vittorio Pentimalli

Per Guidosoloitaliano, non ho capito cosa dovrei fare io per Lancia. Io mi limito a constatare quello che è sotto gli occhi di tutti. Non sono stati fatti investimenti, non si sono prodotte auto anche minimamente interessanti, sono state vendute con quel marchio solo vecchie auto americane assolutamente non degne del brand. E fra pochissimo Lancia sparirà. E a chi si deve questo? Lascio a te la risposta.

Vin Leo

Capisco che i fari a scomparsa ora non sono più permessi e che hanno voluto riprodurre la forma del faro aperto, ma quel disegno trapezoidale la fa assomigliare (almeno in foto) più ad una Nissan che alla Stratos, forse (e dico forse) io li avrei realizzati tondi. ... Ciò premesso, l'auto nel suo complesso è un risultato spettacolare, bellissima soprattutto in nero. è probabile che i 25 esemplari andranno velocemente a ruba e dovranno pensare di aumentarne la tiratura, sempre che i problemi non nascano dal reperimento della meccanica F430, fosse quella della 488 potrebbero realizzarne tante. .... Devono pure sbrigarsi a reperire sul mercato dei ricambi i loghi e le scritte Lancia prima che quella famiglia di dissoluti parassiti e il loro dipendente/esecutore non dicano definitivamente "stop"....

Pierluigi  7110

bella idea, andranno a ruba a qualunque prezzo. è vergognoso che abbiano lasciato affondare un marchio tecnicamente e commercialmente storico come lancia, sarà una mia idea ma sono convinto che se anni fa avessero fatto un bel suv un po snob (se un suv puo essere definito bello :) )avrebbero sbancato e la lancia sarebbe stata salva...peccato...

Vittorio Pentimalli

Inglesi, tedeschi, francesi che vogliono far continuare i miti Lancia. Cosa dice Marchionne? Ah già, dice che all'estero Lancia non se la fila nessuno... certo se prova a vendere vecchi bidoni americani...

Audio Car

E' un' iniziativa per nostalgici danarosi. Quantomeno parliamo di una macchina di razza (personalmente comunque non mi piace). Forse è il giusto modello per chiudere il ciclo di un glorioso marchio che forse non avrà più un seguito.

Pic    67

Che sia un imprenditore tedesco a far voler rivivere la Stratos, la dice lunga di come una Lancia avrebbe potuto avere un "suo" posto all'interno di FCA!

COMMENTI

  • bellissima, ma senza quella carica emotiva che seppe dare all'originale quell'autentico artista dell'automotive che è marcello gandini. doveroso e statuario tributo che pininfarina (se non ricordo male questa new è sua) dà al suo storico concorrente. già, l'originale: per me la più seducente auto sportiva di sempre, estrema e mai disposta a scendere a compromessi. anche questo è essere lancia
  • Ma perché nn la vende la Lancia invece di farla morire??E soprattutto come hanno fatto a perdere la concessione sul nome e marchio Stratos??Come se un imprenditore tedesco tra 10 anni si comprasse i diritti sul nome Testarossa.
     Leggi risposte
  • Tutti affermano che Marchionne è solo uno speculatore. In Ferrari sta investendo parecchio, nel resto del gruppo no. La Ferrari oggi, forse a qualcuno è passato inosservato, non ha rivali. Porsche, con l'avvento dei SUV diesel da <100k euro ha perso appeal (911 scomparse, al contrario di Macan che vende a gonfie vele); Lamborghini non è riuscita a rinnovare un concetto di auto che non è altro che l'evoluzione della Countach di 40 anni fa. Aston Martin sta tentando un timido rilancio. Poi il nulla. Quando cacciò Montezemolo, lo fece asserendo che non si può far aspettare un cliente coi soldi in mano più di un anno prima della consegna...e lasciare fuori dai cancelli maree di papabili clienti pronti a comprare. Ferrari oggi può permettersi di aumentare sensibilmente i numeri senza inflazionare il blasone: ecco il motivo del continuo impegno nell'evoluzione del prodotto. Al contrario, il settore flotte aziendali, quella fetta di mercato che significa numeri ma soprattutto margini, è in mano alla triade. Con la truffa del valore residuo, questi non si schiodano più dallo scranno. Tutti stanno applaudendo la nuova Volvo, che grazie ai soldi cinesi ha rinnovato l'intera gamma in 3 anni, raggiungendo una qualità mai raggiunta prima (che pure erano macchine pregevoli), ma sotto al sedere dei rappresentanti ci sono sempre MB, BMW e Audi. Figuriamoci che futuro avrebbe avuto Lancia...
  • sulla Stratos in particolare direi che una produzione limitata a 25 esemplari nulla abbia a che fare con "rilancio" del marchio, sul fatto che abbiano avallato il progetto non saprei, io credo che non abbiano avallato un bel nulla e che le meccaniche ferrari il crucco le pagherà ben care sempre che le forniscano per davvero; per il sig, Pentimalli che l'avvocato amasse il suo paese è sicuramente vero, cosa c'entri con la produzione di auto non lo capisco, visto che di fatto aveva venduto agli americani di GM anzichè investire sul prodotto (come hanno fatto invece i tedeschi da cui forse dobbiamo imparare qualcosa non solo a livello ingegneristico ma anche di marketing)
  • per il Sig. Ruggero: quanta verità!!! aggiungo che Marchionne avendo ben poche risorse da investire le ha giustamente investite dove aveva maggiori possibilità di ritorno (Jeep e Maserati-Alfa); sul valore del marchio occorrerebbe che i cosiddetti lancisti si chiedano come mai VW abbia più volte fatto offerte (a mezzo stampa) per Alfa e non per Lancia...
  • @Stefano Damico: "assoluta incapacità del successivo management Fiat di gestire un patrimonio di tale inestimabile valore". Io 'sto valore di Lancia non l'ho mai visto. I Pesenti regalarono la Lancia agli Agnelli pur di disfarsene, lo stesso fece la Bianchi con l'Autobianchi e idem per Alfa Romeo, che al momento del passaggio a Fiat, produceva auto tremendamente obsolete (la tanto osannata 75 non era altro che una Giulietta ricarrozzata). Non mi sembra che Agnelli abbia strappato suddetti marchi a suon di miliardi (all'epoca c'erano ancora le Lire) a fantomatiti possibili altri acquirenti, solo per il gusto di mandarli a picco. Io mi chiederei, se Lancia non l'avesse comprata Agnelli, quanti anni fa sarebbe stata chiusa?? Ricordo che marchi gloriosi come Rover e Saab hanno abbassato le serrande già da un po', mentre un'azienda da sempre innovatrice quale Volvo, è stata regalata ai Cinesi (comprata a 6, venduta a 3), pur di disfarsene. Ma agli amministratori delegati da bar certe ottiche non entrano in testa. Lancia è ricordata fuori dai nostri confini solo per le vittorie della Delta, punto. Però vedo che pure Subaru (cioè Toyota) ha trasformato la sua mitica Impreza nell'antitesi di quello che fu (provando ad aumentarne almeno un po' le misere vendite). In passato ho sentito parlare che FCA sarebbe interessata a creare una linea di prodotti Lancia dal numero limitato (e prezzo alto): si parlava di Delta HF (su piattaforma Giorgio) da 100k euro, mossa dalle alte quotazioni dei modelli ancora circolanti. Può essere che abbia avallato questo progetto tedesco per sondarne la fattibilità. Anche se poi, i puristi di turno, se questo accadesse, contesterebbero all'attuale management che dovevano produrre una Delta ultra tecnologica a 25k euro (e cmq poi si comprerebbero Audi, perché vale di più quando la rivendi)...vai avanti tu che mi vien da ridere
  • Idea interessante la Stratos. C'è voluto un tedesco per realizzarla. Come sappiamo invece la Lancia ha fatto una brutta fine, con il colpo di grazia finale dato da Marchionne. Dopo la eccellente gestione Ghidella che diede alla luce auto incredibili per l'industria automobilistica italiana, come la Thema 8.32, il glorioso marchio è andato a picco. Questo soprattutto per l'assoluta incapacità del successivo management Fiat di gestire un patrimonio di tale inestimabile valore. Delta Integrale, Lancia Thema e anche le gloriose Lancia Fulvia, Lancia Gamma Coupè, e molti altri modelli di tutto il secolo scorso, sono ormai solo un pallido ricordo di un'Italia che fu, e che non sarà mai più. Strano poi che Marchionne ci venga a raccontare che Lancia è conosciuta solo in Italia e che è invendibile all'estero, dopo anni di vittorie nei rally della Lancia Delta. Chi non è capace di fare auto non può neanche venderle. Questa è la verità.
  • Credo che l'unico "contatto" con la vera Stratos,è solo il nome.Personalmente se avessi soldi da spendere per una auto "supercar",non avrei dubbi su una Ferrari.Quanto alla Lancia,credo non ci sia spazio per una berlina superiore come la BMW serie 5,Merceden classe 5 e Audi A6.L'ultima Lancia di successo:la Thema (non quella americana) è del 1984 e chi ha meno di 30 anni forse non se la ricorda neanche.Oramai solo una berlina non si vende:occorrono le varianti integrali,station,suv crossover di cui i tedeschi sono maestri.Ci hanno impiegato 40 anni una montagna di soldi per farsi una immagine:cosa che FCA non ha.
  • Per Guidosoloitaliano, non ho capito cosa dovrei fare io per Lancia. Io mi limito a constatare quello che è sotto gli occhi di tutti. Non sono stati fatti investimenti, non si sono prodotte auto anche minimamente interessanti, sono state vendute con quel marchio solo vecchie auto americane assolutamente non degne del brand. E fra pochissimo Lancia sparirà. E a chi si deve questo? Lascio a te la risposta.
     Leggi risposte
  • Capisco che i fari a scomparsa ora non sono più permessi e che hanno voluto riprodurre la forma del faro aperto, ma quel disegno trapezoidale la fa assomigliare (almeno in foto) più ad una Nissan che alla Stratos, forse (e dico forse) io li avrei realizzati tondi. ... Ciò premesso, l'auto nel suo complesso è un risultato spettacolare, bellissima soprattutto in nero. è probabile che i 25 esemplari andranno velocemente a ruba e dovranno pensare di aumentarne la tiratura, sempre che i problemi non nascano dal reperimento della meccanica F430, fosse quella della 488 potrebbero realizzarne tante. .... Devono pure sbrigarsi a reperire sul mercato dei ricambi i loghi e le scritte Lancia prima che quella famiglia di dissoluti parassiti e il loro dipendente/esecutore non dicano definitivamente "stop"....
     Leggi risposte
  • bella idea, andranno a ruba a qualunque prezzo. è vergognoso che abbiano lasciato affondare un marchio tecnicamente e commercialmente storico come lancia, sarà una mia idea ma sono convinto che se anni fa avessero fatto un bel suv un po snob (se un suv puo essere definito bello :) )avrebbero sbancato e la lancia sarebbe stata salva...peccato...
  • Inglesi, tedeschi, francesi che vogliono far continuare i miti Lancia. Cosa dice Marchionne? Ah già, dice che all'estero Lancia non se la fila nessuno... certo se prova a vendere vecchi bidoni americani...
     Leggi risposte
  • E' un' iniziativa per nostalgici danarosi. Quantomeno parliamo di una macchina di razza (personalmente comunque non mi piace). Forse è il giusto modello per chiudere il ciclo di un glorioso marchio che forse non avrà più un seguito.
  • Che sia un imprenditore tedesco a far voler rivivere la Stratos, la dice lunga di come una Lancia avrebbe potuto avere un "suo" posto all'interno di FCA!
     Leggi risposte
  • leggi tutto

    FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19385/poster_f941db38-f451-4820-ab4b-184e431c7c79.jpg La storia della nuova Skoda Karoq http://tv.quattroruote.it/news/video/la-storia-della-nuova-skoda-karoq News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    Il nuovo numero di Quattroruote vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Scarica la prova completa in versione PDF

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DALLARA
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MAHINDRA
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona