La Volkswagen ha presentato il anteprima l'impianto elettrificato che sarà proposto sulla Golf 8. Si tratta di una soluzione mild hybrid 48V compatibile con i propulsori 1.0 e 1.5 TSI della famiglia EA211 evo, che sarà proposta in abbinamento al cambio automatico Dsg doppia frizione. La Volkswagen non ha per il momento fornito i dati tecnici completi di queste versioni: ne sapremo di più nei prossimi mesi, quando la vettura sarà presentata ufficialmente. La Golf di ottava generazione sarà fisicamente disponibile a partire dal 2020.

Fino a 0,4 l/100 km in meno. A fronte di un costo ridotto rispetto alle soluzioni plug-in hybrid, questo sistema consente di ottimizzare i consumi riducendo i consumi fino a 0,4 l/100 km rispetto al dato standard. Il generatore (BSG) è collegato al propulsore con una cinghia e agisce sia come motorino di avviamento sia come boost, immagazzinando allo stesso tempo l'energia recuperata in decelerazione in una piccola batteria al litio montata sotto al sedile anteriore destro.

Modalità sailing e software predittivo. In frenata è possibile recuperare fino al 40% dell'energia e la vettura può viaggiare anche in modalità sailing, spegnendo il motore endotermico in rilascio e riattivandolo senza vibrazioni. Infine la vettura è dotata anche di un sistema predittivo in grado di analizzare il percorso impostato sulla navigazione e i limiti di velocità rilevati per ottimizzare il funzionamento del powertrain e ridurre consumi ed emissioni.