Nuovi Modelli

Audi
La gamma Q3 si allarga con la Sportback

Audi
La gamma Q3 si allarga con la Sportback
Chiudi

La nuova interpretazione dell'Audi Q3 amplia la schiera delle Suv coupé dei Quattro Anelli e, nel contempo, fa sconfinare la denominazione Sportback nei territori delle “ruote alte” dove, fra l’altro, verrà ancora utilizzata per identificare altre proposte sportiveggianti.

Non rinnega le origini. Il nuovo modello rientra tra le pedine dell’offensiva lanciata dall’Audi nel settore delle Suv che, secondo quanto annunciato un paio di mesi fa dai vertici del brand in un incontro con gli azionisti, prevede solo in questa seconda parte del 2019 l’arrivo di ben sette nuove proposte. Si tratta di uno schieramento in cui, accanto ad alcune primizie assolute, si affiancheranno incisivi aggiornamenti come quello che ha interessato la famiglia della Q7 e inedite interpretazioni di temi già noti. Ed è questo il caso, per l’appunto, della Q3 Sportback che, dal canto suo, non fa nulla per nascondere la parentela con il modello originario, pur sfoderando una personalità marcata.

Robusta e slanciata. Per farsi strada tra le Suv coupé e per prospettare una silhouette atletica, l’ultima nata della famiglia “Q” non irrobustisce i muscoli nei lineamenti, ma definisce la zona superiore della carrozzeria, che ne slancia la silhouette. E punta anche sull’espressione grintosa del frontale, su una statura ribassata di tre centimetri rispetto a quella del modello da cui deriva e, soprattutto, sul riuscito abbinamento fra stilemi caratterizzanti e proporzioni equilibrate. L’impostazione formale della Sportback non intacca nemmeno il perimetro della carrozzeria, che rimane praticamente uguale a quello della vettura da cui nasce: sono soltanto 1,6 i centimetri in più in lunghezza rispetto alla Q3.

2019-audi-q3-sportback-03

Riuscito incontro tra forma e funzione. A dispetto di quanto suggerirebbero statura, profilo e andamento del padiglione, l’abitacolo della Sportback è ampio tanto quanto quello della Q3. Questo fattore ha permesso di non rinunciare al divano posteriore, che può scorrere per 13 centimetri, consentendo di modulare a seconda delle esigenze la volumetria interna a favore della zona passeggeri o di quella di carico. Al riguardo va aggiunto che la capacità di base del bagagliaio si attesta sempre a 530 litri, mentre si ridimensiona un po’ quella massima, che scende da 1.525 a 1.400 litri.

Fa progredire la digitalizzazione e la connettività. Anche l’atmosfera dell’abitacolo ricalca quella della Q3 tradizionale. Tuttavia, la Sportback non si esime dell’innalzare ulteriormente l’asticella della dotazione tecnologica. Così, oltre a mettere a disposizione per tutte le versioni la strumentazione digitale configurabile Virtual Cockpit, la nuova sport utility introduce nella famiglia Q3 altre soluzioni hi-tech. Si tratta del sistema d’infotainment con assistente personale intelligente e un’estensione della connettività che affianca ad Alexa di Amazon anche il Car-To-X integrato per il rilevamento dell’onda verde dei semafori e il collegamento wireless di Apple CarPlay.

2019-audi-q3-sportback-20

Prima benzina e diesel, poi anche mild-hybrid. Inoltre, fra qualche mese la Q3 Sportback porterà all’esordio un inedito powertrain mild-hybrid. Si tratta di un’unità di 1.5 litri con 150 CV con tecnologia a 48 V, che darà vita alla 35 TFSI. Nel frattempo, la famiglia debutta con le versioni a benzina 45 TFSI, spinta da un 2.0 litri sovralimentato con 230 CV, e turbodiesel 35 e 40 TDI, mosse da unità di 2.0 litri con potenze di 150 e 190 CV. Le Q3 Sportback meno potenti saranno proposte con il cambio manuale e la trazione anteriore, le altre declinazioni con la trasmissione a doppia frizione S tronic e la trazione integrale quattro. Quest’ultima, tuttavia, si potrà richiedere anche per la 35 TDI.