Nuovi Modelli

Volkswagen Golf
Nuovi dettagli tecnici e un video sulla GTI

Volkswagen Golf
Nuovi dettagli tecnici e un video sulla GTI
Chiudi

Le tre lettere, messe in fila, sono sempre le stesse. E, a dir la verità, ve l’avevamo già fatta vedere in video, l’ottava generazione della Volkswagen Golf GTI; adesso, però, da Wolfsburg hanno rilasciato nuovi e succulenti dettagli tecnici. Oltre a un significativo on-board in cui la hot hatch tedesca viene strapazzata sulla pista Handling di Ehra-Lessien da Benjamin Leuchter, collaudatore che ne ha curato lo sviluppo. Con lui al volante, l’ultima nata ha girato quasi quattro secondi più veloce rispetto alla vecchia GTI Performance. Prima di addentrarci nelle novità, sappiate che la Golf 8 GTI arriverà in Italia fra luglio e settembre. Solamente con il cambio Dsg a 7 rapporti. Ancora presto, invece, per conoscere il prezzo.

Il collaudatore Volkswagen Benjamin Leuchter con la nuova Golf GTI sulla pista Handling di Ehra-Lessien

Fine-tuning. Sullo stile esterno e interno, ormai, sapete tutto: vi sarete fatti la vostra idea. Passiamo quindi alla tecnica: per le sospensioni, sia dietro sia davanti è stata prevista una soluzione di tipo MacPherson. Con boccole modificate, molle più rigide (del 5% davanti e del 15% dietro rispetto alla GTI numero 7), ammortizzatori ritarati (oltre che regolabili attraverso il sistema Dcc) e un telaio ausiliario anteriore d’alluminio, per un risparmio di tre chili sul piatto della bilancia rispetto alla soluzione precedente. Di serie, la nuova GTI monta i cerchi da 17”, con pneumatici 225/45 (Bridgestone Turanza 005 o Goodyear Eagle F1 Asy 3). Ma si possono avere anche i 18” (Bridgestone Potenza S005 oppure Goodyear Eagle F1 Super Sport) e i 19”: qui, oltre agli Hankook Ventus S1 evo 3 e i già citati Potenza e Eagle F1 Super Sport di primo equipaggiamento, si possono avere pure i più pistaioli Michelin Pilot Sport Cup 2. 

L’elettronica la fa più veloce. I tecnici hanno rivisto anche lo sterzo, ora a rapporto variabile: oltre a essere più diretto, ha beneficiato pure di una nuova taratura del software che governa la servoassistenza. Un attento lavoro di fine tuning ha riguardato anche il pedale del freno, che si annuncia più sensibile e modulabile nelle frenate al limite. A scaricare a terra i 245 CV e i 370 Nm del due litri turbobenzina (nome in codice EA888 evo4) pensa pure il sistema di bloccaggio elettronico del differenziale anteriore (Vaq), che lavora insieme al controllo della stabilità. Totalmente escludibile, nel caso aveste in animo di affrontare il classico trackday domenicale. Sappiate però che il tempone di cui sopra, Leuchter, l’ha staccato con l’Esc in modalità Sport…

COMMENTI