Nuovi Modelli

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer
Le Suv full-size debuttano negli Stati Uniti

Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer
Le Suv full-size debuttano negli Stati Uniti
Chiudi

La Jeep torna da protagonista nel segmento delle Suv d'alta gamma presentando le nuove Wagoneer e Grand Wagoneer, che riportano sul mercato un nome storico dopo 30 anni di assenza. Sorelle maggiori della Grand Cherokee L presentata poche settimane fa, le due sport utility appartengono alla categoria che gli americani definiscono "full-size", la stessa a cui appartiene, per esempio la, Cadillac Escalade. Le due Jeep seguono una logica progettuale classica, adottando un telaio a longheroni con due varianti di allestimento, offrendo spazio per sette oppure otto persone a bordo. Il passo è di ben 3,12 metri e le vetture hanno dimensioni identiche, nonostante la differente denominazione possa far pensare all'esistenza di una variante allungata: tra l'una e l'altra cambiano il motore, gli accessori e le finiture.

Premium per natura. La Jeep ha scelto di proporre i modelli Wagoneer come un brand separato, per contenuti e stilemi, dal resto della gamma, con prezzi ben distinti tra le due varianti: si va da 59.995 a 74.995 dollari per la Wagoneer e da 88.995 a 105.995 dollari per la Grand Wagoneer. Il design riprende i tratti della omonima concept, puntando su un aspetto imponente e massiccio. I gruppi ottici sottili e orizzontali, le sette feritoie frontali più larghe e illuminate a Led e la forma squadrata della coda (per massimizzare lo spazio interno) sono infatti tratti differenti da tutte le altre Jeep. Anche l'abitacolo aggiunge elementi specifici come il volante a due razze, la strumentazione digitale, i rivestimenti di pelle nappa di serie per tutte le versioni e l'infotainment UConnect 5. Il secondo display centrale è utilizzato per gestire la climatizzazione e i comandi secondari. Inoltre, sulle Wagoneer più ricche e su tutte le Grand Wagoneer l'impianto audio McIntosh con 19 diffusori è standard.

All-new 2022 Wagoneer Series II

5.7 V8 per la Wagoneer. La Wagoneer offre come unica motorizzazione un V8 5.7 benzina mild hybrid con tecnologia eTorque da 392 CV e 548 Nm abbinato a un cambio automatico a otto marce e alla trazione posteriore. La trazione integrale è offerta in opzione in tre varianti: Quadra-Trac I full time, Quadra-Trac con riduttore e Quadra-Drive II con riduttore e differenziale a controllo elettronico. Come optional sono disponibili anche le sospensioni pneumatiche Quadra Lift e il pacchetto All-Terrain con protezioni aggiuntive per il sottoscocca. Al momento, comunque, nessuna variante può fregiarsi della targhetta "Trail Rated" ed offrire, quindi, le medesime capacità in off-road dei modelli più specialistici del marchio. L'abitacolo è caratterizzato dai tre schermi da 10,25 pollici dedicati alla strumentazione e all'infotainment.

All-new 2022 Grand Wagoneer Series III

6.4 V8 per la Grand Wagoneer. Per la Grand Wagoneer il motore scelto è invece il V8 6.4 da 471 CV e 617 Nm abbinato al cambio automatico a otto marce e alla trazione integrale Quadra-Trac II con riduttore. Non c'è il mild hybrid, ma su questo modello le sospensioni pneumatiche sono di serie, così come le sedute singole sulle prime due file, la console centrale allungata, la strumentazione da 12,3 pollici, le finiture di legno e lo schermo da 12 pollici dello UConnect 5, al quale è abbinato il display secondario inferiore da 10,25 pollici (dedicato alla climatizzazione) e un monitor da 10,25 pollici  posizionato davanti al passeggero anteriore, che può gestire la navigazione e selezionare i contenuti multimediali. Lo schermo del passeggero può essere sfruttato anche per la connettività, grazie alla funzione mirror screen per smartphone, ed è previsto un comando di oscuramento che non permette al guidatore di visualizzare le informazioni proiettate. Ai passeggeri della seconda fila sono poi dedicati due ulteriori display da 10,1 pollici, che integrano la Fire TV di Amazon, ed uno centrale da 10,25 pollici, per la gestione separata della climatizzazione.

All-new 2022 Grand Wagoneer interior front row with Palermo leather seating with quilting and leather-wrapped instrument panel, consoles and door panels with accent stitching is available.

La prima volta dell'Active Driving Assist. Le nuove Wagoneer e Grand Wagoneer sono i primi modelli del Gruppo Stellantis ad introdurre l'Active Driving Assist. Si tratta di un sistema di assistenza alla guida di livello 2 evoluto, che combina il Lane Assist, l'Adaptive Cruise Control, il Blind-Spot Monitoring e il Forward Collision Warning. La Jeep non ha ancora fornito informazioni precise sull'effettiva disponibilità del sistema ed è quindi probabile che venga attivato in un secondo tempo.

COMMENTI

  • Dopo lunghi anni la prima auto yankee che mi emoziona davvero. Ora si spera che la stampa ne decreti le qualità dopo averle provate e che servizii vendita/post-vendita siano realmente premium perché anche negli USA non si spendono più quattrini solamente per patriottismo.
  • Finalmente qualcosa di molto molto speciale da casa Jeep!!! Però questa moltiplicazione di brand che nascono da modelli o sub-brand lo trovo stupido e anacronistico in un 'era in cui l'elettrificazione spinta che avremo da qui a 10 anni di fatto "segherà" decine di marchi, anche "storici", a mio modo di vedere... e contemporaneamente assisteremo all'affermarsi di nuovi e magari anche sconosciuti (dalle nostre parti) players internazionali.
  • Dei gran cassettoni.......all'americana!!
  • Se rispettano le caratteristiche delle vecchie wagoneer, mio padre ne aveva una, sono auto molto utili e pratiche, ma non credo, saranno piene di aggeggi elettronici che servono a ben poco.
  • "Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer, debuttano i nuovi maxi suv che sfidano Audi e Range Rover" Motori: V8 di 5.700 cc a benzina mild hybrid trazione posteriore e V8 di 6.400 cc a benzina trazione integrale, ma privo di sistema ibrido
     Leggi le risposte
  • Auto di grande fascino
  • Bella. Un tipico esempio di stile americano. Molti elementi stilistici, mi ricordano i modelli degli anni 70, e in un design automobilistico ormai standardizzato, lo ritengo un gran pregio che da personalità all'auto. Può piacere o meno, ma secondo me ha personalità e subito distinguibile come Jeep. Il problema dei consumi e delle dimensioni, è un problema solo europeo (fiscalità carburante, bollo, potere di acquisto dei consumatori, "vorrei ma non posso") ma del resto non verrà importata in Europa. Un elogio per l'adozione dei V8.
     Leggi le risposte
  • Belli gli interni, ma pensò che il mio Peugeot Expert abbia un posteriore più appagante...
  • Credo che nella Grand Wagoneer la croce d'argento per il tetto sia optional.
  • Queste SUV fullsize sono tipiche di un paese dove per molti il motto "bigger Is better" è sempre valido e certo in quel contesto hanno un loro senso, forse un po' meno sul lato dei consumi e delle emissioni. Devo dire che il frontale e gli interni sono appaganti peccato per quel posteriore così squadrato e sgraziato, potevano fare meglio visto che si tratta di modelli premium.
  • Non oso pensare ai consumi: alcuni analisti prevedono una nuova impennata dei prezzi del petrolio nel 2023 ed in tal caso gli acquirenti potrebbero volatilizzarsi anche negli USA
  • Tra questa e nuova G.cherokee matrioska genere ultime MB, ideale per le stradine europe ma perfetta per usa stile trump Però gli interni sembrano veramente ben fatti e moderna da vera premiumm e non da americana nè da fca in genere.
     Leggi le risposte
  • È proprio b anche il gladiator non scherza ma chi c'è al centro stile di jeep? Dietro il grand wagoneer sembra un commander mah
  • Spero che abbiano verificato che non ci sia una tribù di nativi / minoranza che si chiama “Wagoneer” e possa sentirsi offesa dalla scelta del nome
  • bella, peccato per quel portellone posteriore (anni 70) che la fa sembrare un carro funebre