Nuovi Modelli

Genesis G70
Le prime immagini della Shooting Brake

Genesis G70
Le prime immagini della Shooting Brake
Chiudi

Pochi giorni fa, la Genesis, il marchio premium della Hyundai, ha annunciato il suo imminente sbarco in Europa, con una gamma che sarà inizialmente composta solo dalla Suv GV80 e dalla berlina G80, alle quali poi si affiancheranno altre due vetture, le GV70 e G70. Questi modelli, già in vendita sul mercato americano, non riflettono pienamente le esigenze e le preferenze della clientela europea, che alle tre volumi e alle sport utility di grandi dimensioni preferisce vetture più pratiche e compatte. Ecco dunque la soluzione della Casa coreana: la G70 Shooting Brake, una familiare sviluppata appositamente per il Vecchio Continente.

2021-genesis-g70-shooting-brake-02

Look elegante e sportivo. La wagon, che verrà commercializzata su alcuni mercati europei nella seconda metà dell’anno, è basata sulla berlina G70 e ne ricalca le dimensioni: nello specifico, 4,60 metri di lunghezza, 1,85 metri di larghezza e 1,4 metri di altezza, oltre a un passo di 2,83 metri. La Shooting Brake mantiene anche tutti gli elementi stilistici tipici delle altre Genesis, come la grande griglia frontale a forma di scudo e i sottili fari divisi su due livelli. La carrozzeria è caratterizzata da molte nervature, come quelle sul cofano e sulla fiancata, che conferiscono alla vettura un aspetto elegante e aggressivo allo stesso tempo. Al posteriore troviamo invece forme più levigate accompagnate da dettagli sportivi, come il grande spoiler e il paraurti che integra due terminali di scarico ovali. Anche in questa zona ritorna il motivo dei gruppi ottici sdoppiati, che si estendono sul portellone.

2021-genesis-g70-shooting-brake-04

Stile classico e tanto spazio. All’interno, le forme della plancia e i materiali riprendono quanto già visto sulla G70: l’impostazione è molto tradizionale, con lo schermo dell’infotainment in stile tablet, la strumentazione digitale e i comandi fisici del climatizzatore automatico circondati da rivestimenti di pelle e finiture metalliche. Le differenze rispetto alla berlina, però, sono da ricercare nel bagagliaio: secondo il costruttore, le forme della Shooting Brake hanno permesso di ottenere un vano di carico più grande del 40% rispetto a quello della tre volumi, che può crescere ulteriormente reclinando i sedili posteriori, abbattibili singolarmente in configurazione 40:20:40. Per quanto riguarda la gamma motori, la Genesis ha annunciato che la wagon inizialmente sarà disponibile con due unità a combustione interna: un 2.0 turbobenzina e un 2.2 turbodiesel. Al momento, però, non ne sono ancora stati comunicati i dati tecnici, come i valori di potenza e coppia.

COMMENTI

  • Brutta
  • anche lexus aveva tentato con una sb, la is, nei primi anni del secolo. anni trascorsi invano
  • sa' un po' di Peugeot e un po' di Mercedes
  • Sicuramente da apprezzare le sforzo di un marchio simile di fare un'auto che se venderà sarà in pratica solo in germani, un concetto simile sarebbe stato l'ideale anche per giulia ma penso che ormai sia troppo tardi. L'esecuzione estetica va beh, il posteriore mi ricorda un pò quello della impreza di 15 anni fa, l'interno poi non è a livello di quello dei nuovi suv genesis che apparenetemente sembra che confinano addiritture nel "luxury".
  • Apprezzabile lo "sforzo", discutibile l'esito a livello design, col posteriore che sa molto di "aggiunta"...un pò come nel cado della Xf wagon. E ancora una volta i koreans, a differenza dei jap, dimostrano di non farsi problemi a mettere il diesel. Questo anche apptezzabile, per il pò che ancora durerà.
  • Attendo con ansia il confronto con la sua rivale naturale, la Giulia Sportwagon; oltretutto hanno anche le stesse cilindrate sia benzina che Diesel!